LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

No a centralismi senza regole
Paolo Giaretta
Il Popolo 13/06/2002

Il cosiddetto decreto "taglia deficit" presentato in tutta fretta dal Governo non taglia quasi niente del deficit che si va profilando nei conti pubblici. Siamo passati, come avevamo facilmente previsto, dal buco che non esisteva al buco creato da Tremonti, tanto da obbligare il Governatore della Banca d'Italia, fin qui prodigo di incoraggiamenti al governo delle destre, a parlare esplicitamente della necessit di una correzione strutturale dei conti pubblici.In compenso (per decreto legge!) si prevede la creazione di due grandi societ, l'una interamente pubblica "Patrimonio S.p.A." titolare potenzialmente dell'intero patrimonio dello Stato (in terreni, immobili, titoli, partecipazioni azionarie, beni culturali ed ambientali, ecc.), l'altra "Infrastrutture S.p.A." con la possibile partecipazione di capitale privato per la realizzazione di infrastrutture e non meglio definiti investimenti per lo sviluppo economico (e qui ci sta dentro tutto, anche la riedizione della Cassa del Mezzogiorno, della vituperata Efim, ecc.)Non naturalmente criticabile, se vi fosse, la ricerca di mezzi innovativi per valorizzare il patrimonio dello Stato e la realizzazione di opere pubbliche in regime di finanza di progetto. Il problema che la proposta del governo, rendendo dubbio il raggiungimento di questi obiettivi, certamente comporta una serie di gravissime conseguenze per la tutela degli interessi collettivi, per la trasparenza dei conti pubblici, per il rafforzamento di mercati concorrenziali.E' una operazione che trova il suo asse in una concezione statalista e centralista senza precedenti. Federalismo, sussidiariet, mercato, autonomia locali? Cose buone per la propaganda: esiste invece solo lo Stato Centrale come valore assoluto, lo Stato rappresentato da una sola persona, il Ministro del tesoro, che diventa titolare "uti singuli" del patrimonio dello Stato. Con propri decreti, sottratti alla collegialit del Governo, al controllo del Parlamento, della Corte dei Conti, del Consiglio di Stato, anche in deroga alla legislazione vigente, il Ministro decider quali beni pubblici passeranno alla societ Patrimonio S.p.A. e a quali valori.Il regime giuridico dei beni pubblici conosce una pluralit di situazioni: patrimonio indisponibile, disponibile, demanio naturale, demanio artificiale, a cui corrisponde la complessit del rapporto tra bene e comunit. Questi beni sono molto di pi di una posta sul Conto Generale dell'Attivit dello Stato, sono beni identitari delle comunit locali, sono beni dello Stato Comunit piuttosto che dello Stato Persona. Un complesso patrimonio collettivo, frutto di vicende secolari, di generazioni di italiani, espressione di creazioni artistiche uniche, di siti ambientali di eccezionale valore affidato all'arbitrio di una sola persona. Torniamo indietro di secoli, ad una concezione imperiale dei beni collettivi, posti appunto al servizio esclusivo dell'Imperatore. Lo Stato moderno nasce in contrapposizione al dominio assoluto dell'imperatore, all'affermarsi dell'idea di un demanio posto a presidio delle comunit locali.Una corretta valorizzazione del patrimonio dello Stato passa non attraverso un centralismo senza regole, ma attraverso il rapporto forte con il sistema delle autonomie locali e funzionali (Universit, Camere di Commercio, ecc.) che di questi beni costituiscono il naturale terminale. Tutto questo viene spazzato via, generando poi un intreccio perverso con l'altra societ prevista "Infrastrutture S.p.A.", una sorta di nuova IRI o banca pubblica che si occuper non solo di infrastrutture ma in genere di sviluppo economico. Si genera un mix pubblico/privato che invece di aprire la strada ad una collaborazione nella chiarezza dei ruoli, delle assunzioni di responsabilit e di rischio realizza una commistione equivoca, in cui il pubblico si adopera per rendere opaco il mercato, per intervenire con criteri del tutto discrezionali per distorcere la libera concorrenza. Viene enormemente accresciuta l'intermediazione politica dell'attivit economica con tutto quello che pu derivare sotto il profilo di distorsioni clientelari e di rapporti criminosi tra attivit economica ed attivit politica. Il mercato sparisce, e si afferma un nuovo statalismo, senza regole e garanzie, senza tutela dei rilevanti interessi che si legano ai beni pubblici, che non sono solo uffici e caserme, ma anche beni simbolo delle comunit locali, patrimoni ambientali unici che si aprono ad ogni forma speculativa. Cosa ha a che fare questo con gli interessi collettivi, con un programma elettorale che prevedeva meno stato e pi mercato? Nulla, ed proprio questa differenza tra le promesse e la realt che si sta manifestando in molti modi che incomincia ad essere avvertita dall'opinione pubblica. Una parte delle ragioni della sconfitta della Casa delle Libert alle elezioni di domenica scorsa sta proprio in questo ed qui che l'Ulivo deve essere capace di inserirsi.

http://www.paologiaretta.it/giaretta/articoli/02-06-13.htm


news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news