LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli e Pompei una di troppo
Carlo Avvisati
Il Mattino 21/03/2007

Qualcuno dice che la bozza di decreto che mette mano alla riforma del Ministero per i Beni e le attivit Culturali approntata dallo staff del ministro Rutelli solo un punto di partenza sul quale poi ci si dovr confrontare: sindacati e lavoratori da una parte, ministro e esperti dall'altra. Vale a dire che lo schema cos come stato strutturato sarebbe suscettibile di rivisitazioni e aggiustamenti anche sostanziali. Intanto, se non fosse cos si avrebbero dieci direzioni generali centrali alle quali si affiancherebbero Istituti centrali come quello per il catalogo e la documentazione, ad esempio, o l'Opificio delle pietre dure e, in particolare in Campania, il decreto e la successiva legge produrrebbe un autentico terremoto. Se fosse varato cos com' strutturato, infatti, per una delle due Soprintendenze archeologiche di Napoli o Pompei, sarebbe la fine, visto che l'articolo sedici, al punto tre, comma a, recita testualmente: Sono Istituti dotati di autonomia speciale: la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei. In questo senso, per alcuni, sarebbe come tornare indietro di quasi trent'anni. La Soprintendenza autonoma di Pompei, difatti, venne istituita nel 1981, con Fausto Zevi, primo soprintendente, e gi all'epoca il provvedimento vide la nascita di due fazioni che lo condannavano o lo giudicavano positivamente. Il primo giudizio, negativo, sulla bozza Rutelli, arriva subito dalla segreteria d Gianfranco Cerasoli, segretario Nazionale Uil-Beni ed attivit Culturali, che sottolinea come lo schema riforma del ministero si
rivela totalmente insufficiente in merito a quelle che da tempo sono state le richieste dei Soprintendenti di settore, dei direttori di Archivi e Biblioteche e dello stesso sindacato. La struttura continua a rimanere fortemente centralistica poich si confermano le 10 direzioni generali centrali a cui si aggiungono altre strutture quale l'Istituto superiore del restauro che poteva essere il vero punto di eccellenza. In realt,- aggiunge Cesasoli - quella struttura nasce monca poich l'Opifcio delle pietre dure rimane a parte staccato senza alcuna relazione funzionale e operativa con l'istituendo Centro per il Restauro. E, a proposito della situazione campana, poi, sempre dalla Uil viene segnalato: Mentre rileviamo che alla Soprintendenza speciale di Pompei viene accorpato anche Napoli con la contestuale soppressione della Soprintendenza ai beni archeologici della Campania, vengono confermati gli altri Poli museali ma non viene sciolto il nodo rispetto ai fatto se queste Soprintendenze Speciali hanno anche la competenza territoriale.
Dai diretti interessati, ovvero, dai Soprintendenti di Pompei e Napoli, per adesso, non si registrano prese di posizione. Piero Giovanni Guzzo, attuale responsabile di Pompei (il sito comprende anche Ercolano, Stabiae, Oplonti e Boscoreale) in buona sostanza dice aspettiamo che ci sia una proposta ufficiale, quindi ci pronunceremo. Dello stesso avviso Maria Luisa Nava, Soprintendente di Napoli e Caserta. In effetti - sottolinea l'archeologa - do quella bozza, cos come adesso si legge, si comprende poco. Ne vorrei discutere anche con gli altri colleghi interessati e con il direttore regionale Stefano De Caro. E questo anche se devo confessare che l'idea di riunire il museo di Napoli a Pompei mi sembra una strategia interessante.
L'Archeologico di Napoli, difatti, sin dalla sua nascita ha accolto, in generale le testimonianze archeologiche che si rinvenivano nel Regno delle Due Sicilie, prima, e d'Italia, poi, ma essenzialmente (lo stato per due secoli e mezzo) il contenitore d'eccellenza dei reperti pompeiani ed ercolanesi. Per quella separazione - riprende Nava - ci saranno anche state tutte le ragioni di questo mondo ma si tagliato un cordone ombelicale importante per il museo archeologico. Comunque, credo che se l'ipotesi di lavoro del ministero diventasse legge, potrebbe essere un bene perch riporterebbe all'unit una situazione che stata interrotta. Infine, sono un funzionario dello Stato e sono ligio alle sue disposizioni. tutto da vedere - dice dal canto suo Fausto Zevi - All'epoca non ero favorevole alla divisione, oggi non vorrei che ci si potesse sbagliare, come allora. Ci sono valutazioni da fare e riguardano le effettive esigenze delle due strutture. Non che sono sfavorevole, ripeto, semplicemente dico che la legge va fatta cum grano salis, considerando i pro e i contro della nuova situazione che si andr a creare nei confronti dei due enti interessati, delle loro strutture organizzative



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news