LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli e Pompei una di troppo
Carlo Avvisati
Il Mattino 21/03/2007

Qualcuno dice che la bozza di decreto che mette mano alla riforma del Ministero per i Beni e le attivit Culturali approntata dallo staff del ministro Rutelli solo un punto di partenza sul quale poi ci si dovr confrontare: sindacati e lavoratori da una parte, ministro e esperti dall'altra. Vale a dire che lo schema cos come stato strutturato sarebbe suscettibile di rivisitazioni e aggiustamenti anche sostanziali. Intanto, se non fosse cos si avrebbero dieci direzioni generali centrali alle quali si affiancherebbero Istituti centrali come quello per il catalogo e la documentazione, ad esempio, o l'Opificio delle pietre dure e, in particolare in Campania, il decreto e la successiva legge produrrebbe un autentico terremoto. Se fosse varato cos com' strutturato, infatti, per una delle due Soprintendenze archeologiche di Napoli o Pompei, sarebbe la fine, visto che l'articolo sedici, al punto tre, comma a, recita testualmente: Sono Istituti dotati di autonomia speciale: la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei. In questo senso, per alcuni, sarebbe come tornare indietro di quasi trent'anni. La Soprintendenza autonoma di Pompei, difatti, venne istituita nel 1981, con Fausto Zevi, primo soprintendente, e gi all'epoca il provvedimento vide la nascita di due fazioni che lo condannavano o lo giudicavano positivamente. Il primo giudizio, negativo, sulla bozza Rutelli, arriva subito dalla segreteria d Gianfranco Cerasoli, segretario Nazionale Uil-Beni ed attivit Culturali, che sottolinea come lo schema riforma del ministero si
rivela totalmente insufficiente in merito a quelle che da tempo sono state le richieste dei Soprintendenti di settore, dei direttori di Archivi e Biblioteche e dello stesso sindacato. La struttura continua a rimanere fortemente centralistica poich si confermano le 10 direzioni generali centrali a cui si aggiungono altre strutture quale l'Istituto superiore del restauro che poteva essere il vero punto di eccellenza. In realt,- aggiunge Cesasoli - quella struttura nasce monca poich l'Opifcio delle pietre dure rimane a parte staccato senza alcuna relazione funzionale e operativa con l'istituendo Centro per il Restauro. E, a proposito della situazione campana, poi, sempre dalla Uil viene segnalato: Mentre rileviamo che alla Soprintendenza speciale di Pompei viene accorpato anche Napoli con la contestuale soppressione della Soprintendenza ai beni archeologici della Campania, vengono confermati gli altri Poli museali ma non viene sciolto il nodo rispetto ai fatto se queste Soprintendenze Speciali hanno anche la competenza territoriale.
Dai diretti interessati, ovvero, dai Soprintendenti di Pompei e Napoli, per adesso, non si registrano prese di posizione. Piero Giovanni Guzzo, attuale responsabile di Pompei (il sito comprende anche Ercolano, Stabiae, Oplonti e Boscoreale) in buona sostanza dice aspettiamo che ci sia una proposta ufficiale, quindi ci pronunceremo. Dello stesso avviso Maria Luisa Nava, Soprintendente di Napoli e Caserta. In effetti - sottolinea l'archeologa - do quella bozza, cos come adesso si legge, si comprende poco. Ne vorrei discutere anche con gli altri colleghi interessati e con il direttore regionale Stefano De Caro. E questo anche se devo confessare che l'idea di riunire il museo di Napoli a Pompei mi sembra una strategia interessante.
L'Archeologico di Napoli, difatti, sin dalla sua nascita ha accolto, in generale le testimonianze archeologiche che si rinvenivano nel Regno delle Due Sicilie, prima, e d'Italia, poi, ma essenzialmente (lo stato per due secoli e mezzo) il contenitore d'eccellenza dei reperti pompeiani ed ercolanesi. Per quella separazione - riprende Nava - ci saranno anche state tutte le ragioni di questo mondo ma si tagliato un cordone ombelicale importante per il museo archeologico. Comunque, credo che se l'ipotesi di lavoro del ministero diventasse legge, potrebbe essere un bene perch riporterebbe all'unit una situazione che stata interrotta. Infine, sono un funzionario dello Stato e sono ligio alle sue disposizioni. tutto da vedere - dice dal canto suo Fausto Zevi - All'epoca non ero favorevole alla divisione, oggi non vorrei che ci si potesse sbagliare, come allora. Ci sono valutazioni da fare e riguardano le effettive esigenze delle due strutture. Non che sono sfavorevole, ripeto, semplicemente dico che la legge va fatta cum grano salis, considerando i pro e i contro della nuova situazione che si andr a creare nei confronti dei due enti interessati, delle loro strutture organizzative



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news