LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ESPOSTE A ROMA LE INSEGNE IMPERIALI. GLI SCETTRI DI MASSENZIO
GIUSEPPE M. DELLA FINA
12 MARZO 2007, LA REPUBBLICA, ROMA






Volete osservare da vicino i segni del potere che conferivano autorit a un imperatore romano? A Roma, al Museo nazionale romano (Palazzo Massimo alle Terme), sono da poco esposti tre scettri, altrettante lance da parata e quattro portastendardi rinvenuti di recente alle pendici del Palatino, in prossimit del Colosseo, in seguito a indagini archeologiche dirette da Clementina Panella (Universit "La Sapienza"). un settore della citt antica di notevole importanza, frequentato a partire dalla fine dellVIII secolo a. C. e sul quale arriv a estendersi la Domus Aurea voluta da Nerone. La probabilit di scoperte rilevanti era alta, ma nessuno immaginava di trovare insegne imperiali appartenute con ogni probabilit a Massenzio, lantagonista di Costantino.
Gli archeologi stavano lavorando in un ambiente seminterrato posto al disotto di un complesso architettonico costituito da un tempio e da una terrazza, e forse da identificare con le Curiae Veteres nella ricostruzione voluta dagli imperatori della dinastia dei Flavi. Hanno visto che il pavimento originario era stato tagliato da una fossa scavata in fretta e ricoperta con cura in un giorno di un anno da porre tra la fine del III e i primi decenni del IV secolo d. C., come suggeriscono la stratigrafia e i reperti. E cos che sono emersi un corto scettro coronato da una sfera in vetro verde, due sfere in vetro dorato pertinenti a uno scettro pi lungo e un globo in calcedonio da riferire a un terzo scettro di forma conica. Questultimo era usato nelle cerimonie civili e religiose, mentre quello a due sfere era un attributo dellimperatore e, in alcune occasioni, dellimperatrice. Gli archeologi hanno ricuperato anche quattro punte di portastendardi realizzate in ferro ed oricalco e tre punte di lancia da parata. Gli oggetti erano stati avvolti nella seta e nel lino degli stendardi e le punte riposte allinterno di astucci realizzati in legno di pioppo.
Furono occultate per impedire che le insegne imperiali cadessero in mano nemica o venissero utilizzate come trofeo da parte del vincitore. A chi potevano essere appartenute? Allimperatore Massenzio, sconfitto da Costantino. A colui che, nelle vicende convulse che seguirono labdicazione di Diocleziano e del padre Massimiano, era stato eletto augusto con lappoggio dei pretoriani e della plebe urbana, secondo la responsabile delle ricerche.





news

22-05-2017
ARCHITETTURA E DEMOCRAZIA - Incontro con Settis al Salone del Libro

22-05-2017
La Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 MAGGIO 2017

15-05-2017
Al voto la nuova legge sulle demolizioni. E scatta l'allarme: "Si rischia l'abusivismo legalizzato"

11-05-2017
Appello urgente: Stanno demolendo la via Alessandrina

05-05-2017
RADIO 24 su economia dei musei

27-04-2017
Question Time di Franceschini

26-04-2017
Circolare n.15/2017 SG: Decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31, recante: Individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura semplificata.

26-04-2017
L'esportazione del patrimonio artistico della nazione e le post verit del ministro Franceschini, di Tomaso Montanari

24-04-2017
ELENCO DEI TECNICI DEL RESTAURO

21-04-2017
Un musical non valorizza il patrimonio

18-04-2017
CUNSTA - Patrimonio e calamit: la parte degli storici dellarte

15-04-2017
TERRITORIALMENTE - rassegna stampa

14-04-2017
REGIONE TOSCANA - nuova legge sulle agevolazioni fiscali per la cultura

14-04-2017
REGIONE TOSCANA - nuova legge sui distretti rurali

11-04-2017
Il DPCM per le nuove 200 assunzioni al MIBACT

11-04-2017
Sul sito di Emergenza Cultura, un intervento di Giovanni Losavio sull'art. 68 del ddl per concorrenza e mercato

05-04-2017
Impediamo che lo Stato ceda il patrimonio culturale italiano al mercato internazionale

02-04-2017
Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Patrimonio culturale nazionale a grave rischio

01-04-2017
Sulla Digital Library affidata allICCD per decreto ministeriale: posizione di AIB, ANAI, Associazione Bianchi Bandinelli, AIDUSA, SISBB

28-03-2017
Trieste. NO al Parco del Mare: ultime news e chiusura della petizione

26-03-2017
Rete dei Comitati per la difesa del territorio - rassegna stampa 14-20 marzo

25-03-2017
Mozione del Consiglio Superiore dei BC: "Il patrimonio culturale il futuro dei territori colpiti dal terremoto"

19-03-2017
Reportage dalla zona del sisma: un patrimonio che muore

17-03-2017
MIBACT - l8x1000, per 10 anni, alla ricostruzione e al restauro dei beni culturali distrutti o danneggiati dai sismi

17-03-2017
MIBACT - Incarico di funzione dirigenziale della Direzione generale Musei

28-02-2017
La lingua italiana protetta: sentenza della Corte Costituzionale. Decisione del 21/02/2017; Sentenza n. 42

28-02-2017
Intervento di Vittorio Emiliani sull'attacco del Messaggero a Cederna e al cedernismo

27-02-2017
Quante storie - Settis, Franceschini, Augias

27-02-2017
ON LINE IL BANDO PER IL DIRETTORE DEL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO

26-02-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulla questione Soprintendenza - Stadio di Roma

Archivio news