LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Troppi vincoli, invendute le case dei militari
Mario Sensini
Corriere della Sera 08/08/2003

ROMA — La Corte dei Conti boccia senza appello la cartolarizzazione degli alloggi che fanno capo al ministero della Difesa. Operazione che il ministero dell'Economia aveva gi tentato senza successo per l'opposizione di Alleanza nazionale in Parlamento, ma che secondo il sottosegretario con la delega per le cartolarizzazioni, Maria Teresa Armosino, verr riproposta al primo Consiglio dei ministri di settembre allo scopo di rimpinguare le casse dello Stato.
L'operazione di cartolarizzazione degli immobili residenziali della Difesa si riduce ad un'entrata meramente fittizia e temporanea, per di pi molto limitata rispetto alla somma che successivamente il ministero dell'Economia dovr sborsare per la costruzione o l'acquisto dei 42.500 alloggi che la Difesa reclama per le sue esigenze scrive la Corte dei Conti nel rapporto appena pubblicato a conclusione dell'indagine sulla dismissione dei beni del ministero guidato da Antonio Martino, al quale la magistratura contabile non risparmia critiche.
Scopo dell'indagine era quello di verificare l'attuazione della Finanziaria del 2000 che puntava a reperire 1.400 miliardi di vecchie lire con l'alienazione di immobili in uso, ma non pi utili, alla Difesa, da riassegnare allo stesso ministero (a differenza dei proventi delle cartolarizzazioni degli alloggi che andrebbero al Tesoro) per il conseguimento degli obiettivi di ammodernamento e potenziamento operativo, strutturale e infrastrutturale delle Forze Armate.
Operazione a dir poco fallimentare, visto che in tre anni sono state accertate vendite per 124 milioni di euro, incassi effettivi per 31 milioni, con la riassegnazione alla Difesa della modesta somma di 22 milioni, pari a poco pi di 40 miliardi di vecchie lire.
Risultato non imputabile unicamente alla mancanza di programmazione della Difesa, ma anche ad una serie di difficolt burocratiche, al complesso rapporto con il ministero dei Beni Culturali, fino ai problemi con gli enti locali che avrebbero fatto un uso assai disinvolto del loro diritto di prelazione con un consistente allungamento dei tempi della dismissione.
Dopo la definizione dei beni da dismettere, 312 immobili, il ministero dei Beni Culturali ne ha vincolati ben 104, per un ammontare complessivo di 450 miliardi di lire. Tra i quali, sottolinea la Corte dei Conti, campi di tiro a segno, capannoni, edifici di nessun particolare pregio artistico,
per i quali il vincolo sembra dovuto solo alla vetust. Quei 104 immobili finiscono dunque nell'elenco e non possono essere toccati fino all'emanazione del regolamento per la vendita dei beni vincolati che, atteso a fine '99, arrivato solo alla fine del 2000. Ritardi che si accumulano a quelli dovuti alla gestione del piano di dismissioni da parte del ministero. Affidato prima alla Consap, societ a capitale pubblico, poi nel 2002 in considerazione del numero di immobili non ancora alienati all'Agenzia del Demanio.
Fatto che finora la Difesa riuscita a incassare solo il 3% dei 1.400 miliardi attesi per finanziare le proprie esigenze. Il problema non quindi risolto, n lo sar con l'eventuale riproposizione della cartolarizzazione degli alloggi di servizio, i cui proventi finiranno come prevede la legge, direttamente al Tesoro. Il piano originario di Tremonti prevedeva la vendita di 15 mila dei 17.500 alloggi di servizio dei militari. Poi ridotti a 3 mila, dopo una polemica infuocata da parte degli inquilini cui erano arrivate le lettere di sfratto, e infine a zero dalla mancata conversione del decreto, sul quale mezza maggioranza, guidata da An, si era messa di traverso.
Lo scopo era quello di far cassa per risollevare il deficit pubblico ma anche quello di por fine agli sprechi che caratterizzano la gestione degli alloggi militari, dai quali la Difesa non ricava, in termini di affitto, neanche i soldi sufficienti per la loro manutenzione. Con l'aggravante che buona parte delle case sono occupate da militari e dai loro familiari "sine titulo", cio senza diritto, ma legalmente perch la Difesa regolarmente li reintegra per via amministrativa. Col risultato, sottolinea la magistratura contabile, che la Difesa funziona quasi come uno Iacp: Sta passando — dice la Corte — dall'esigenza di assicurare ai dipendenti un alloggio nella fase acuta della mobilit, all'esigenza di andare incontro ai bisogni abitativi dei dipendenti.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news