LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La svendita gi cominciata
La nuova ecologia

L'invettiva dell'onorevole ed ex sottosegretario ai Beni culturali Vittorio Sgarbi durante un confronto con Ermete Raelacci e Sebastiano Venneri. A chi pensa di rassicurarmi dicendo "Figurati se vendiamo il Colosseo, non lo vogliamo mica vendere" rispondo: "D'accordo, ma la legge dove sta?". Oggi la manifestazione di Legambiente.

Realacci.
Non ancora ben chiaro quanti e quali dei beni pubblici compresi nella lista pubblicata la scorsa estate saranno effettivamente alienati e dunque cosa, concretamente, questa operazione produrr nel futuro. Quel che certo per il momento un grave segnale di svalutazione del ruolo del patrimonio storico, culturale e ambientale, che viene trattato con un approccio ragionieristico.
Nei mesi scorsi hai denunciato la vicenda con grande decisione e proprio su questo, mi pare, sei arrivato al dissenso con il ministro Urbani che ti ha portato a rimettere le deleghe e poi alla rimozione dal ruolo di sottosegretario ai Beni culturali.


Sgarbi.
Quello tra me e Giuliano Urbani era un dissidio radicale e un confronto fra l'essere e il nulla, cio fra una proposta contestabile ma costruita e strutturata con l'esperienza che ho fatto nel corso di tanti anni e, dall'altra parte, il buio assoluto in cui annaspava Urbani cercando di trovare dei punti di riferimento attraverso i suggerimenti pi casuali per comporre in un mosaico una visione a lui ignota.
Finch sono stato il suo principale fornitore di nozioni gli ho indicato come il nostro compito fondamentale fosse la tutela dell'identit e la difesa fisica dei beni culturali. Con la nomina di Francesco Bonami a direttore della Biennale di Venezia Urbani ha dimostrato di procedere letteralmente "a tentoni" e con lo stesso atteggiamento ha accolto la meteora della Patrimonio Spa: non si espresso in nessun modo se non con una patetica, oltre che tardiva, letterina di risposta a Romiti pubblicata sul Sole 24 ore e un'elusiva intervista al Corriere della Sera.
In questo caso ha avuto ragione la Melandri a dire che il vero ministro dei beni culturali Tremonti. Lo stesso Berlusconi, probabilmente, non ha capito bene e si accontentato di far prevalere la visione economicistica.


Realacci.
Economicistica sul breve periodo, aggiungerei. Che si tratti di una buona operazione, anche dal punto di vista economico, tutt'altro che probabile. Non credo che cedere un sito archeologico o un'area naturale a un investitore che intende utilizzarlo, magari, per costruirci quattro palazzine sia un buon affare, in prospettiva.


Sgarbi.
Non lo , indubbiamente. Tempo fa ho partecipato a un incontro, a Cagliari, fra imprenditori e rappresentanti della cultura. Renato Soru ha fatto un ottimo intervento riguardo la propriet della Crespi in Gallura, spiegando che l'investimento migliore in quelle terre il lasciarle come sono. Tra una tenuta in cui ci sono pochi ruderi antichi nella natura e una zona come Porto Raphael vale di pi la prima perch "valorizzazione", in realt, significa spesso "consumo" di un luogo: lo si utilizza, ci si fanno dei soldi per un po' ma se ne perde l'identit ambientale, naturale e culturale. Paradossalmente il vero valore quello di chi non pensa a valorizzare. E un privato come la Crespi, o Renato Soru, possono svolgere questo compito meglio dello Stato. Io non parto dall'idea che non si debba vendere nulla, ma semplicemente che non si deve vendere ci che qualifica lo Stato in quanto tale, e che ci che si vende deve essere venduto con la garanzia di opportuni vincoli. Lo Stato non soltanto lo Stato, ma anche le regioni, le province, i comuni. E i privati. Un privato che tiene un bene o che svolge un servizio pubblico Stato. Ci pu essere un privato che fa un bene pubblico e uno Stato che privatizza un bene.


Venneri.
Vorrei per sottolineare un problema: in Italia di Soru, o di Crespi, non ce ne sono molti.


Sgarbi.
Vero. Ma altrettanto vero che i privati che gestiscono beni di pubblico interesse sono sottoposti a un controllo pi efficace di quello con cui lo Stato controlla s stesso. Detto questo, resta chiaro che non si pu dire metto tutto in vendita, niente mi riguarda, niente mi interessa, niente mi rappresenta. E' una follia. A chi pensa di rassicurarmi dicendo figurati se vendiamo il Colosseo, non lo vogliamo mica vendere rispondo d'accordo, ma la legge dove sta?. La legge prevede che ci sia una certezza, che si sappia cosa si vende e a quali condizioni.


Venneri.
Invece per il momento regna l'ambiguit, a partire dal superelenco dei beni "alienabili e non". Non si capisce quali dei beni nominati verranno effettivamente alienati, n quando.


Sgarbi.
La svendita gi cominciata. Il presidente della Patrimonio Spa, Ponzellini, ha gi dato a Tremonti circa sette miliardi di euro ottenuti dalle banche dando in garanzia una serie di immobili. Per il momento si tratta di beni privi di valore storico, ma Tremonti vuole realizzare una somma di quell'entit ogni sei mesi e presto Ponzellini dovr cedere anche il patrimonio storico e ambientale. Il problema pi grave che con questa manovra di cartolarizzazione molti beni per cui la garanzia dipendeva unicamente dal fatto di appartenere allo Stato non sono pi coperti da vincoli.


Realacci.
Domani la nostra associazione organizza una serie di iniziative su questo problema sotto lo slogan "L'Italia non in vendita". Ci piacerebbe che tu partecipassi.


Sgarbi.
Si, assolutamente. Sono rimasto colpito, in questi anni, dal fatto che molte delle posizioni che ho sostenuto avessero come interlocutori associazioni legate in qualche modo alla sinistra. E' strano che la destra italiana sia stata cos sprovveduta da far diventare "di sinistra" valori che sono di tutti.


Venneri.
Non sono sicuro che si tratti propriamente di sprovvedutezza; che la destra, semplicemente, non si sia accorta di questi valori e di questi problemi. Credo invece che la Patrimonio Spa nel caso di Urbani e lo svuotamento della procedura di Valutazione di impatto ambientale nel caso di Matteoli siano operazioni ben ponderate per cui non a caso sono stati scelti due ministri poco impegnati a presidiare l'uno il settore dei beni culturali e del paesaggio e l'altro l'ambiente.


Sgarbi.
E' probabile. Ma sono e restano operazioni scellerate. E questa storia della cartolarizzazione un errore di immagine gravissimo.


Realacci.
E' anche un grave errore economico. Mettendo in vendita tanti beni si abbassano i prezzi e diventa una grande svendita, il saldo di una brutta stagione. E' un principio elementare del mercato e dimostra che forse a Berlusconi, continuando nel paradosso, oltre che il senso della comunicazione manca anche il senso degli affari.


Sgarbi.
Io la penso cos, e non credo che sia un pensiero di sinistra. Direi che si tratta solo di un ragionamento intelligente. Inizialmente sembrava intelligente anche Berlusconi. Peccato.


13 dicembre 2002



http://www.lanuovaecologia.it/iniziative/campagne/764.php


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news