LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soprintendenti addio, arrivano i direttori
Stefano Miliani
lUnit, 05/08/2003

Il travaglio finito, il nuovo volto del ministero per i Beni e le attivit culturali delineato nei dettagli. Il decreto legislativo di riforma del dicastero arrivato alla versione definitiva e sar discusso nel consiglio dei ministri del 28 agosto. Come dato pi eclatante, abolisce i poli museali di Venezia, Firenze, Roma, Napoli e della soprintendenza archeologica della capitale: li mette prima sotto l'ombrello dei nascituri dirigenti regionali, dal 1 gennaio 2004 al 31 dicembre 2005, poi li cancella del tutto. Quei poli, creati rispondendo a esigenze di autonomia, vedono in prima fila musei quali l'Accademia in laguna, Uffizi, Accademia e Palatina a Firenze, la Borghese a Roma, Capodimonte a Napoli. Avranno invece moltissimo potere quei 17 funzionari che saranno nominati dirigenti nelle Regioni a statuto ordinario, in Sardegna e Friuli Venezia Giulia. I normali soprintendenti di settore o del territorio dovranno rispondere a loro, non saranno pi pari, e non apprezzeranno molto. Contro questa riforma, che entra in vigore il 1 gennaio 2004, si annuncia gi uno sciopero di protesta: lo ha proclamato la Uil per Ferragosto. Con alcune varianti significative apportate in corso d'opera, si conferma lo schema presentato qualche mese fa su queste pagine. Il ministero si articola in quattro dipartimenti e in quindici uffici dirigenziali generali e, altres, in diciassette uffici dirigenziali generali costituiti dalle direzioni regionali per le antichit e le belle arti, recita l'articolo 1, quello che da il la al decreto. Si creano quindi 36 direttori generali: su questo numero e relativo peso finanziario si torner tra poco perch c' polemica. Conviene notare che il ministro pu conferire anche presso enti od organismi vigilati fino a sei incarichi di funzione dirigenziale generale, anche in posizione di fuori ruolo. Potenzialmente allora si pu arrivare a 42.
Cosa comprende il quartetto dei dipartimenti lo dice l'articolo 4: quello per le antichit e le belle arti (il cui capo rimpiazza il segretario generale che svanisce nel nulla), quello per gli archivi e le biblioteche, quello per l'innovazione, l'organizzazione e la ricerca, infine quello per lo spettacolo e lo sport (converr dire che la direzione generale dello sport, che era un doppione, scomparsa per le tante critiche). Le belle arti l'ufficio cruciale: qui finiscono le direzioni generali per l'architettura e l'arte contemporanee (la Darc sopravvive ed un bene), per i beni archeologici, per i beni architettonici e il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico ed etnografico (si dissolve la dizione demoemoantropologico e qui rientrano i musei). Il secondo ufficio dice tutto nel nome, ha due direzioni e include gli istituti culturali.

L'ufficio innovazione risponde da un lato di affari generali, risorse umane e formazione (abbiamo avuto continue sollecitazioni per inserire la formazione del personale, dicono al ministero), dall'altro di innovazione tecnologica e promozione (termine che rimpiazza la criticatissima e ora non prevista direzione marketing). Il quarto dipartimento comprende la direzione per il cinema e quella per la musica e per il teatro (questo, dapprima mancante, c' in seguito ad animate proteste).
Poi arriva l'articolo quinto. Istituisce 17 direzioni regionali per le antichit e le belle arti con sede nei rispettivi capoluoghi. I direttori saranno dirigenti di prima fascia (la pi alta) mentre gli attuali soprintendenti per il territorio regionale, che saranno soppressi, oggi sono di seconda fascia. La distinzione pura burocrazia ma vuol dire soldi. La riforma non deve comportare aggravi di spesa. Quindi? Secondo gli uffici ministeriali non cambia nulla perch oggi chi competente, per dire, in Toscana o Liguria o Lazio ha in realt lo stipendio di prima fascia. Dal 1 gennaio i titolari di quelle aree potranno essere un concentrato di potere: rappresenteranno direttamente il ministro e questo vuole Urbani. A prima vista sono soprattutto due le conseguenze; innanzi tutto i soprintendenti territoriali o di settore che finora rispondono al ministro, e dispongono di una relativa discrezionalit, si ritroveranno sottoposti a un collega e non gradiranno molto; seconda conseguenza, fino al 31 dicembre 2005 questi dirigenti regionali sono contemporaneamente titolari delle soprintendenze dotate di autonomia (dal provvedimento Pompei stata esclusa all'ultimo tuffo). Lasciati in vita per due anni perch a eliminarli subito si rischiava il caos, nel 2006 i poli museali moriranno. L'intento di Urbani puntare alle fondazioni. E qui compare una sorpresina: il ministero pu costituire o partecipare a fondazioni cui conferire in uso i musei dice l'articolo 6. Quel pu non vincola, lascia la possibilit di valutare strada facendo, n detto che sia lo Stato a creare le fondazioni. Di certo si apre all'incertezza la sorte degli attuali responsabili dei poli: Giovanna Nepi Scir a Venezia, Antonio Paolucci a Firenze, Claudio Strinati a Roma, Adriano La Regina per l'archeologia nella capitale, Nicola Spinosa a Napoli. Nulla vieta loro di correre per la carica regionale, ma nessuno pu escludere che il ministro, cos come sar il dicastero, non tenga conto di orientamenti politici.

Il ministero organizzato secondo i principi di distinzione fra direzione politica e gestione amministrativa, di decentramento e autonomia delle strutture, scrive Urbani nel testo, considerando la riforma un atto di decentramento. In realt si pu leggere il testo nel modo opposto: proprio far convergere tutto in quattro dipartimenti con capi nominati dal ministro, proprio il potere conferito a chi guider l'arte nelle regioni e sar scelto dal ministro, sono soluzioni che sembrano imporre una virata verso una gerarchizzazione pi stretta, verso un maggior controllo dei soprintendenti. Pei gli organi consultivi il decreto, al posto del consiglio nazionale dei beni culturali, immette il Consiglio superiore per i beni culturali e il paesaggio, Superiore? Che vuol dire? Dare l'idea di un'alta, vera consulenza tecnica e scientifica del ministro. Restano i comitati tecnico-scientifici. E spuntano le conferenze permanenti presso le direzioni regionali.

Le prime reazioni? Non troppo lusinghiere. Giovanna Melandri, gi responsabile dei Beni culturali: Anche alla luce dei forti tagli di questi anni imposti dal titolare dell'Economia Tremonti, la complessa controriforma con cui Urbani desidera cancellare la riforma del '98 rischia di consegnare un ministero che assomiglia a un labirinto di stanze vuote. Il segretario di settore della Uil, Gianfranco Cerasoli, sull'ipotesi delle fondazioni e sui poli museali afferma: Urbani calpesta i principi di autonomia tecnico scientifica e finanziaria nonch la funzionalit delle pi grandi realt espositive del nostro sistema, da vita a una spropositata mole di nuovi direttori generali. Il sindacato proclama uno sciopero a Venezia, Firenze, Roma e Napoli per il 15 agosto. Se il buon giorno si vede dal mattino...



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news