LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per l'Arsenale di Venezia prima Spa tra Stato e Comune
Ansa 13/12/2002

E' stata siglata oggi a Venezia la prima societa' per azioni tra lo Stato e un Comune per la valorizzazione di un bene patrimoniale, in questo caso l'Arsenale, che non e' stato inserito appositamente tra i beni della Patrimonio Spa. Una forma speciale di collaborazione con l'ente locale per far compiere, a quello che per secoli e' stato il centro delle attivita' produttive veneziane, un sostanziale passo avanti verso il recupero e la riqualificazione. A firmare oggi in municipio la nuova societa', denominata Arsenale di Venezia Spa, il sindaco Paolo Costa ed il direttore dell'Agenzia del Demanio, Elisabetta Spitz. La Spa (al 51% demaniale, al 49% comunale) sara' presieduta da Paolo Pasini, ex capo dell'ufficio del presidente del consiglio, e si occupera' dell'area, attualmente non in uso se non per alcune parti, con lo scopo di farla letteralmente rinascere. Un atto che riveste ancor maggiore importanza, come ha sottolineato Costa, alla luce dei recenti fatti di degrado che avevano messo in pericolo le strutture dell'Arsenale. ''In questi giorni - ha ricordato - ci sono stati dei crolli nei capannoni che hanno evidenziato la necessita' di intervenire in tempi brevi per il recupero; la costituzione di questa nuova societa' e' un atto che e' poco definire importante, perche' apre una zona storica di Venezia ad una rivisitazione e ad un uso prospettico. In questi anni abbiamo gia' compiuto molti sforzi, definendo anche un piano particolareggiato di intervento, perseguendo un obiettivo ambizioso, ossia il rilancio dell'Arsenale in un progetto rispettoso della storia e delle esigenze della zona: per far cio' era necessario unire tutte le energie operative possibili, e quindi abbiamo pensato a costituire questa societa', su iniziativa del Demanio''. Di opere in concreto ancora non si parla, perche' a pianificarle sara' il nuovo consiglio di amministrazione, ma gia' alcune indicazioni sono state date, per creare un polo allo stesso tempo produttivo, culturale ed espositivo. Quattro le linee progettuali di fondo: per la Marina militare la formazione superiore e la conservazione della memoria storica; per le aree di competenza della nuova Spa attivita' espositive come quelle gia' svolte dalla Biennale, attivita' produttive tradizionali come la cantieristica e attivita' produttive innovative, che costituiranno l'elemento caratterizzante e propulsore della rinascita dell'Arsenale. ''La sfida - ha spiegato il sindaco - e' far si' che l'Arsenale torni un luogo vivo: gia' la societa' Thetis si e' insediata dell'area, cosi' esemplificando quelle che potranno essere le linee future di utilizzo. A favorire lo sviluppo dovrebbe essere il progetto di collegare la zona con l'aeroporto con la futura metropolitana sublagunare, come abbiamo gia' previsto''. ''L'intervento - ha poi precisato Spitz - si avviera' subito con riguardo alle strutture appartenenti al demanio civile, per poi estendersi a quello militare, man mano che diviene disponibile. Tra qualche anno mi aspetto di inaugurare il primo insediamento produttivo del nuovo Arsenale''. Tempi brevi, dunque: ''Brevissimi - continua il direttore del Demanio - . A differenza di altri interventi da noi operati a Genova e prospettati a Milano, l'Arsenale Spa nasce con finalita' meno progettuali e piu' operative, per dare attuazione al recupero dell'area: mi sento di invitarvi per la prossima apertura del primo cantiere, che si terra' prestissimo''. Da oggi, quindi, la nuova societa' comincera' ad operare, grazie al Cda presieduto da Pasini, di nomina demaniale, come i due consiglieri Roberto Cecchi (ex sovrintendente ai beni architettonici e ambientali di Venezia ed oggi direttore generale del ministero dei beni culturali) e Carlo Carraro (della fondazione Eni Mattei); nominati dal Comune sono invece Jacques Charmelot, giornalista della France press, e Enrico Zola. Pasini ha assicurato che ogni progetto sara' ispirato alla considerazione dell'area come ''entita' unica'' per dare all'Arsenale una destinazione forte, che ne continui lo stretto legame con la vita di Venezia. (ANSA). YV1-SAV/FC



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news