LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La ripicca del sindaco: Il David al Comune
Mauro Bonciani
Giornale di Toscana 01/08/2003

Avviso ai naviganti: la campagna elettorale per il 2004 gi iniziata (e non ci annoieremo). Dopo quello con la Curia - rea di aver denunciato lo stato di degrado del centro storico - Domenici ha aperto un nuovo fronte. Nel mirino le sovrintendenze, accusate di politicizzazione, e lo Stato che deve dare al Comune la gestione del David di Michelangelo. La nuova offensiva di Domenici, da lui stesso ribattezzata linea David, arrivata come un fulmine a ciel sereno dopo il secondo giorno di polemiche seguite all'accorata richiesta d'intervento dell'Arcidiocesi fiorentina e promette di riempire l'estate di fiorentini e non. Domenici ha mischiato il sacro - Michelangelo - col profano - Isozaki -, ha invitato Valentino e Paolucci a dimettersi se vogliono fare politica, ha ribadito
che il degrado che assedia le piazze del centro semplicemente non c' e se si vogliono pi interventi serve la tassa di scopo, devono pagare i turisti (l euro a testa).
Il progetto linea David nasce dopo gli ultimi interventi sulla querelle del degrado e le prese di posizione dei sovrintendenti.

I fatti di questi giorni - spiega un Domenici meno rabbuiato di 24 ore prima - sollevano due questioni, una politica e una amministrativa. Appare evidente che al di l delle intenzioni di chi ha tenuto la conferenza stampa con monsignor Timothy Verdon, c' la volont di aprire la campagna elettorale prima del tempo. Anche i sovrintendenti hanno fatto riferimento alle prossime politiche, ma nessuno pu nascondersi dietro ruoli istituzionali per fare politica. Serve trasparenza. E se i sovrintendenti vogliono fare politica si dimettano dal loro ruolo di funzionari dello Stato e si gettino nell'agone politico, facciano una lista e raccolgano consensi. Tra l'altro Valentino lo ha gi fatto e non arriv all'1 % dei voti... La seconda questione che sono pronto ad aprire procedure in ogni sede per arrivare alla gestione diretta o alla cogestione del David di Michelangelo e di altri monumenti. E per quanto riguarda il David, stama-ni mi sono rivolto a uno studio legale per esaminare tutti gli aspetti della questione.

II suo un aut-aut?

Io mi attendo reazioni di apertura. Se cos non sar andremo avanti per questa strada, fermo restando che io non denuncio nessuno, come invece ha fatto un sovrintendente... e che non voglio togliere il David dall'Accademia. Ma voglio risposte al problema che poniamo.

La coincidenza dei tempi con le polemiche sul degrado non sospetta? Perch lei solleva ora la questione del David?

I due piani, quello della poca trasparenza di alcuni funzionari e quello della gestione del David, sono distinti. Sollevo ossi la questione del David perch non vedo collaborazione da parte delle sovrintendenze. Davanti ai nostri sforzi, ultimo quello di dare i fondi per l'uscita di Isozaki e per la progettazione esecutiva dei Nuovi Uffizi, che altrimenti chiss quando sarebbe arrivata, a causa della inettitudine e dell'insipienza delle sovrintendenze, ricevo solo atti giudiziari o aggressioni a mezzo stampa. La situazione peggiorata con la politicizzazione dei loro interventi e allora cambia anche la nostra linea: diventa la "linea David". Quanto al degrado ho gi risposto ricordando i fatti e oggi ho fatto una passeggiata in centro nella "famose" piazze assediate: ho visto solo tre punk a bestia con i cani in Santissima Annunziata....

A cosa attribuisce quest o cambio di rotta?

Non vorrei che fosse una risposta conservatrice ai grandi mutamenti istituzionali che la Regione sta promuovendo e che noi appoggiamo sul fronte culturale, per l'attuazione del federalismo. Se le sovrintendenze diventano luoghi di immobilismo, che frenano lo sviluppo della citt per paura di perdere potere o peso, sono
pronto alla battaglia politica.

Verdon, Valentino, Paolucci non devono dare giudizi?

Non questo il punto. Il punto che hanno detto cose politiche, fatto riferimento esplicito alle prossime elezioni, rifugiandosi poi nel loro ruolo istituzionale. Io voglio solo sapere se chi mi parla vuole fare politica nel 2004. Il ruolo istituzionale impone un diverso equilibrio, quello ad esempio mantenuto dal prefetto Serra: ha le sue idee, ma nessuno in questi anni si accorto che era stato deputato di Forza Italia.

Questa del David non sar una battaglia estiva?

Non ci siamo svegliati stamattina. Anche al ministro Melandri avevamo posto la questione. Ed anzi dal momento che lo Stato somiglia a Golia, credo che la cosa finir bene. Il David nostro e arriveremo a una forma di cogestione o di gestione diretta, ad esempio attraverso una fondazione, la stessa che potremo fare per Boboli o per altri monumenti. Sul David non siamo neppure stati interpellati per la querelle del restauro, che pure ha occupato le prime pagine dei giornali di tutto il mondo... Ma adesso vogliamo risposte.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news