LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E il vecchio rogito del 1871 riaccese le speranze del Palazzo
Mara Amorevoli
la Repubblica - Cronaca di Firenze 01/08/2003





DI CHI il David? Appartiene a Palazzo Vecchio che l'ha ospitato per tre secoli e mezzo in Piazza Signoria, o allo Stato che lo custodisce alla Galleria dell'Accademia dal 1873? Una vecchia querelle che riaccende una questione giuridica, anche grazie alla comparsa di nuovi documenti. Ultimo arrivato, un rogito notarile del 1871 con cui Palazzo Vecchio, fino ad allora di propriet dello Stato, viene ceduto con annessi e connessi al Comune di Firenze. A quanto pare, comprese anche le statue sull'arengario. Marmo del David in prima fila. Insomma l'atto riapre la questione sulla propriet. E fa ripartire all'attacco il sindaco Domenici. Per la terza volta, in verit, poich la domanda era gi rimbalzata nel 2000 - con tanto di richiesta di una quota di tutti gli incassi miliardari che il celeberrimo marmo di Michelangelo procura alle casse del ministero - sul tavolo del ministro Giovanna Melandri. Allora sembr quasi una provocazione. E non mancarono le risposte scettiche e perplesse da parte di direttori di musei e soprintendenze. Se Palazzo Vecchio vuole partecipare agli incassi, lo faccia anche con le spese comment la direttrice dell'Accademia Franca Falletti. Infine la polemica si chiuse nel giro di pochi giorni con il secco no del ministro Melandri, in visita a Firenze alla mostra di Giotto. La questione si riapri un anno dopo, nel 2001.
Con Domenici che non solo rivendicava la propriet del David, ma anche che la Madonna Rucellai di Duccio di Boninsegna tornasse dagli Uffizi alla basilica di Santa Maria Novella. Solita polemica di favorevoli e contrari e fine della storia con il solito interrogativo aperto: di chi il David?
Ebbene se si rileggono i documenti si scopre che i committenti dell’opera a Michelangelo ,il 16 agosto del 1501, furono i consoli dell'Arte della Lana e gli Operai del Duomo di Firenze. Che si impegnarono a versare la cifra di 6 fiorini d'oro al mese all'artista. Finch, l’8 giugno del 1504, l'opera ormai conclusa fu collocata alla ringhier di Piazza Signoria e finita di pagare dalla Signoria della Repubblica, per un totale di400 fiorini. Il David stato pagato con i soldi dei fiorentini, quindi appartiene alla citt - conferma il soprintendente Antonio Paolucci- Ma altrettanto vero che da 131 anni viene custodito a spese prima del Regno e poi della Repubblica. La questione solo accademica. E poi come si fa a calcolare quanti soldi si devono spartire Stato e Comune? Si rischia l'assurdo. Paolucci non si ferma per alla querelle accademica: E' chiaro che il David un pretesto. Il problema politico, e riguarda la richiesta di legge sull'autonomia dei Beni culturali avanzata dalla Regione.



news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news