LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prima di ‘alienare’ il Colosseo, ditecelo
Valentina Caracciolo
Il Salvagente 12/12/2002

Gli esperti di economia la chiamano finanza creativa, ma agli occhi del comune mortale, digiuno di project financing, c' molto poco di fantasioso. Semmai molto di artistico, nel senso pi deleterio del termine, per. Nella storia che segue economia e cultura sono legate a doppio filo, fin dal maggio 2001, quando -poco prima delle elezioni politiche - in tv il futuro presidente de! Consiglio, illustrando il suo programma elettorale, spiega che l'Italia ha bisogno urgentissimo di nuove Infrastrutture: dal Ponte sullo Stretto di Messina ad altre mirabilie dello stesso tipo.
Ma le grandi opere costano! Si prevedono, quindi, investimenti per 125.858 milioni di euro, una cifra enorme, specie in presenza di una congiuntura internazionale pessima.
Le promesse, tuttavia, vanno mantenute. Ecco cos spuntare i frutti della "creativit" del ministro Tremonti: Patrimonio dello Stato spa e Infrastrutture spa.
La prima una societ per azioni, appunto, il cui maggior azionista il ministero del Tesoro, destinata a gestire i beni culturali e naturali di cui l'Italia dispone: dal Colosseo alle spiagge di Ischia e Capri, dalle aree archeologiche alle chiese.


La societ.
La societ ha il compito di gestire i beni, ma pu anche allenarli, come chiarisce la legge istitutiva 112/2002 (che ha convertito il decreto legge 63/02 paradossalmente firmato dal ministro del Tesoro ma non da quello dei Beni culturali, che non ha nessuna voce in capitolo): cio affittarli, impegnarli, addirittura venderli.
Venderli? Ebbene s. Ma, almeno, i proventi riusciranno a sanare i dissestati conti dello Slato? No, o per lo meno in misura scarsa, visto che "il passaggio dei beni dallo Stato a Patrimonio spa si configura come '' una vendita fittizia con altrettanto fittizi ricavi", ci spiega Fabrizio Vigni, Ds, membro della commissione Ambiente della Camera, "visto che proprietario della spa sempre Giulio Tremonti".
Inoltre, per l'alienazione dei beni, sono previste procedure molto veloci e semplificate, che mettono da parte tutte le cautele richiesta dalle gare d'appalto e dalle vendite ai privati; ma, soprattutto, il 'nostro" patrimonio, quello che ci colloca tra i cittadini pi ricchi del mondo, viene sottratto ai vincoli di tutela, previsti per i beni di utilit pubblica dal Testo Unico n. 490 del '99 proprio perch escluso dalla propriet dello Stato e affidato a una societ per azioni.
Con i tempi stretti che il governo si dato per avviare l'attivit di Patrimonio spa, e la quantit immensa di beni che possediamo, prevedibile che le Sovrintendenze non riescano a redigere in tempo le declaratorie di interesse culturale, che sottrarrebbero i beni alla privatizzazione.


Diritto d'uso.
Dove non sar possibile "alienare" il diritto di propriet, lo Stato aliener il diritto d'uso o di superficie. Come spiegano a Legambiente, "per usare ci che gi nostro dovremo pagare".
'Per realizzare il piano delle grandi opere - dice Roberto Della Seta, portavoce dell'associazione - occorreranno circa 35mila miliardi di vecchie lire all'anno per dieci anni-, soldi che non ci sono e che, temiamo, si faranno entrare nelle casse dello Stato tramite la vendita del patrimonio pubblico".
Per questo Legambiente lancia, il 14 dicembre, contro Patrimonio spa una grande giornata di mobilitazione nazionale, dal titolo chiarissimo. L'Italia non in
vendita.
Anche perch, al fianco di Patrimonio spa nata Infrastrutture spa, o Ispa. La societ (presieduta dall'ex ragioniere generale dello Stato, Andrea Monorchio) dovr procurare sovvenzioni per le grandi opere attraverso l'emissione di titoli a privati, che potrebbero ricevere la gestione di alcuni beni proprio dalla Patrimonio Spa, attraverso trasferimenti di azioni poco chiari, criticati anche dalla Corte dei Conti. L'Ispa, a sua volta, impegner questi beni a garanzia di veri e propri prestiti erogati dai privati allo Stato per finanziare le infrastrutture.
E se il debito non potesse essere onorato? Niente paura, i privati si tengono il pegno, cio il nostro patrimonio culturale e naturale. Nel frattempo - spiega Vigni - Ispa caricher lo Stato di debiti, che solo grazie a un trucco contabile non figureranno nel bilancio pubblico.
I parametri di Maastricht saranno per i momento rispettati e il debito pubblico soltanto nascosto sotto il tappeto. Intanto a Montecitorio ricompare la legge Brusco che consente la caccia nei parchi.
Ma non tutti i cacciatori sono d'accordo E infatti, alla manifestazione di Legambiente del 14, aderir anche una grossa fetta de mondo venatorio.
Dice Osvaldo Veneziano, presidente nazionale di Arcicaccia. "Contro ogni tentazione di consumismo, dovremmo ricordarci di quel cacciatore d'un tempo, che usciva di casa a piedi o in bicicletta accompagnato da Fido che, quando tornava a casa con la preda, era festeggiato dalla famiglia, perch quella era l'unica occasione per mangiare un po' di carne. Non invochiamo quei tempi, ma la cultura di quell'uomo assai rispettosa dell'ambiente e parte integrante di quel paesaggio. Le nostre campagne non possono diventare un supermercato della caccia".
In difesa dei beni culturali e ambienta li c' anche il sito www.patrimoniosos.it.



Ma forse Villa Gregoriana torna a vivere


E’ il 1826 quando un'ondata di piena fa tracimare il fiume Amene, portandosi via mezza Tivoli. allora che Papa Gregorio XVI interviene facendo deviare il corso del fiume e, creando, allo sbocco di un'enorme galleria, una cascata. L'originario letto del fiume, ormai prosciugato, viene trasformato in una bellissima passeggiata, costellata di particolari formazioni calcaree e resti archeologici.
Nasce cos il parco di Villa Gregoriana, a Tivoli,
oggi abbandonato in uno
stato di degrado profondissimo e chiuso ai pubblico.Ma se, due secoli fa, fu il Papa a salvare questo magnifico intreccio di natura e storia, ora il Fai, il Fondo per l'ambiente italiano, che ha chiesto all’Agenzia del Demanio e ottenuto di provvedere al recupero del parco perch possa tornare a essere ammirato dai visitatori. L'annuncio stato dato, la settimana scorsa, in una splendida sala di Palazzo Chigi, alla presenza del presidente del consiglio, Berlusconi, che ha promesso alla signora Giulia Maria Crespi, presidente del Fai. di ridurre l'affitto che il Fondo pagher per il comodato concessogli dal Demanio, da 15mila euro all’anno a 1 euro simbolico.
Si parla di natura e di dan a Palazzo Chigi e qualcuno si chiede che nesso ci sia tra avventure come quella della Patrimonio spa e questa iniziativa, esempio innovativo di collaborazione tra Stato, enti locali, privati e fondazioni. "Speriamo sia un buon segno", dice Fulco Pratesi, presidente del Wwf, "un segno di ripensamento su certi atteggiamenti da parte del governo".
E sull'affidamento ai privati? "Dipende dai privati", dice Pratesi, "se sono il Fai, va bene: altri, non direi proprio" Intanto, Unicredito aiuter l’impresa nell’impiego di 2 milioni di euro per i lavori di recupero, che partiranno la primavera prossima e termineranno entro il 2004.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news