LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Troppi maleducati, un decalogo a Venezia
M.L.
La Stampa, 30/07/2003

LE REGOLE

1, Procurati una piantina della citt

2. Non gettare rifiuti in terra o in acqua

3. Vestiti in maniera decorosa, nelle calli strette tieni sempre la destra, non sostare sui ponti e sui vaporetti posa a terra lo zaino

4. Ricorda che piazza San Marco un museo a cielo aperto

5. Utilizza la Venice Card: offre molti vantaggi

6. Serviti solo di servizi e mezzi autorizzati

7. Diffida degli abusivi e fai attenzione ai borseggiatori

8. Venezia soggetta al fenomeno dell'acqua alta

9. La citt dotata di percorsi privi di barriere architettoniche

10. Per ottenere il rispetto dei tuoi diritti vai all'ufficio reclami Apt


Tempo di turisti, tempo di decaloghi. Chi arriva a Venezia, d'ora in poi, si vedr recapitare una sorta di galateo in pillole, per un turismo intelligente come recita il frontespizio.

Ben presto trover anche cartelli ai sette accessi alla piazza di San Marco, dai quali sar avvertito che si trova in una citt normale, con gente che ci abita e con i visitatori costretta convivere; una citt come lo sono Torino, Milano o Monaco di Baviera, con un decoro da rispettare, una dignit quasi museale e la sacralit di una basilica di culto millenario. Dove perci non contemplato girare senza maglietta, come se fosse il prolungamento della spiaggia di Jesolo, n gettare barattoli e fazzolettini a terra, come se fosse una discarica regionale.

Gi oggi sono in vigore ordinanze e sanzioni. Ma la nuova politica sembra voler dare un preavviso prima di far entrare i vigili in azione. Venezia lo aveva gi fatto in passato, vale a dire mettere nero su bianco una serie di regole per i visitatori: celebre la grida, in tempi di pentapartito, dell'assessore Augusto Salvadori contro i sacchi a pelo, i bivacchi a San Marco e perfino le canzoni napoletane nelle serenate in gondola. Stavolta, quando ormai da quattro lustri governa il centrosinistra (ora con il sindaco Paolo Costa), il decalogo vuol risultare meno repressivo. Piuttosto, come una sorta di consigli per gli acquisti: tanto per dire, al punto 1 c' il suggerimento di procurarsi una cartina della citt, ottimo modo per non perdersi e magari non farsi imbrogliare da ciceroni fasulli o traghettatori rapaci. C' anche un articolo dedicato a loro, guarda caso il numero 7, che nella legge mosaica stava per non rubare, e che recita cos: Diffidate dagli
abusivi e fate attenzione ai borseggiatori. Ci sono molte regole: se viaggi in vaporetto, poggia a terra lo zaino; nelle calli strette tieni la destra e non sostare sui ponti. Poi ci sono le notizie utili: sfrutta la Venice Card per avere sconti; utilizza servizi e mezzi autorizzati; l'acqua alta annunciata dalle sirene, ma troverai le passerelle per non bagnarti i piedi; ci sono percorsi senza barriere architettoniche, informati...

Insomma, prima di passare alle sanzioni, molte informazioni. Poi verr anche il tempo delle stangate. Del resto, il turismo talmente lievitato che una regolamentazione ci vuole. Cinquant'anni fa i forestieri erano ancora pochi, garbatissimi inglesi, che arrivavano sull'onda lunga dei Byron e dei Ruskin. Le gondole costavano niente, erano semplici mezzi di trasporto. Gli alberghi di lusso sul Canal Grande erano alla portata dei benestanti, non occorreva essere il sultano del Brunei. I residenti erano vicini ai 200 mila e facevano mestieri produttivi in una citt che pulsava di vita. Poi ci fu l'alluvione del '66, si sparse per il mondo l'allarme che Venezia affondava, ci fu la corsa alla citt incantata, da cartolina, quasi una Disneyland, con il turismo di massa che portava fino a 13 milioni le proprie presenze ogni anno, spesso visite di giornata, mordi-e-fuggi.
Cos, di veneziani veraci ne sono rimasti pochi, appena 70 mila: vivono in laguna e magari lavorano in terraferma. Mentre in citt operano persone che spesso abitano in terraferma: si arricchiscono, vendendo 100 volte pi care le mercanzie, che nel frattempo sono diventate sempre pi paccottiglia; poi alle otto di sera tira gi la saracinesca e se ne vanno, lasciando i problemi agli altri. Ecco perch c' bisogno di questo nuovo decalogo: non soltanto per i turisti, ma anche per questi cosiddetti veneziani, in realt essi stessi foresti.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news