LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Citt da rifare? Troppi rischi
M.V.
Libert, 29/07/2003

Legambiente si schiera contro l'ultima bozza del nuovo Codice sui Beni Culturali italiani, ribattezzato Codice Urbani, e si dice preoccupata per il disegno di legge sulla qualit architettonica. A lanciare l'allarme sul nuovo Codice un'interrogazione parlamentare presentata dal presidente Ermete Realacci. Nell'ultima bozza i nostri beni culturali rischiano di essere suddivisi in serie A, B o C. A spiegarlo Maurizio Picca, responsabile dell'Area legislativa di Legambiente nazionale: II ministro Urbani sta rimettendo mano al Codice e ridisegnando il testo unico delle leggi in materia di Beni Culturali. A differenza di quanto chiesto a suo tempo anche in sede di audizione da Legambiente, ma non solo, ci risulta che nell'ultima bozza ci sia una visione diversa della tutela dei beni culturali.

In sostanza il Codice prevederebbe la tutela solo di quelli di grande interesse e pregio - aggiunge Picca - che verrebbero individuati con un decreto, per gli altri beni da tutelare sono invece previsti decreti ad hoc.

Per evitare una simile selezione, Legambiente chiede al ministro Urbani di attenersi a quanto previsto dalla Costituzione: Perch l'articolo 9 della Costituzione - spiega ancora Picca - pi volte ricordato dal Presidente della Repubblica quando ha invitato a non "svendere" il patrimonio nazionale, recita infatti che la Repubblica "tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della nazione", senza suddividere i beni culturali tra quelli particolarmente importanti e gli altri come invece fa il nuovo Codice.

Secondo Legambiente i nostri beni culturali vanno tutelati nel loro insieme con un unico decreto perch nessuno ci garantisce - aggiunge Picca - che ai decreti ad hoc non sfugga magari una Pinacoteca splendida che per si trova in un piccolo paese e che potrebbe cos rischiare di essere messa in vendita.

Per questo, Legambiente chiede anche al ministro, con urgenza, di istituire un tavolo di lavoro con tutte le associazioni ambientaliste per elaborare un testo che tuteli in modo chiaro e definitivo il nostro patrimonio culturale, monumentale, storico, ambientale e artistico.

A Legambiente sono poi preoccupati anche per il disegno di legge sulla qualit architettonica: Se da una parte condividiamo i propositi del disegno di legge, dall'altra ci chiediamo chi decider cos' brutto e che cosa di qualit. Per il responsabile dell'area legislativa, il carcere di San Vittore citato dal ministro come brutto da demolire fa invece parte del nostro patrimonio storico e conclude con una domanda: Da chi sar composta la commissione che stabilir cosa va distrutto e cosa va costruito al suo posto?.



Sgarbi: non c' motivo di demolire il carcere di San Vittore

Non c' ragione di demolire San Vittore. Se il buon giorno si vede dal mattino, mi sembra che le idee del Ministero sulla qualit architettonica siano molto pericolose. Il professor Vittorio Sgarbi le idee su cosa andrebbe demolito o non costruito perch brutto le ha sempre avute chiare: ai tempi in cui era sottosegretario del ministro Urbani aveva scatenato una bufera per bloccare il progetto dell'architetto Richard Meier per l'Ara Pacis a Roma come avrebbe voluto demolire le case costruite sulle pendici dell'Etna. Ricorda che il disegno di legge sulla qualit architettonica era un'idea che c'era gi quando al Ministero c'ero io, il problema non sono le buone leggi ma le buone teste.

Insomma la legge gli piace, ma teme che possa creare disastri maggiori di quelli gi esistenti. Non difficile rendersi conto - aggiunge - di cosa ci sarebbe da demolire e credo che anche Urbani sia in grado di farlo, ma se si parte subito con l'edificio sbagliato...

Il riferimento al carcere di San Vittore di Milano citato dal ministro come esempio di brutto da demolire: E' uno di quegli edifici che - ha dichiarato Urbani presentando il disegno di legge - non meritano di essere tutelati e che potrebbero fare spazio a nuove costruzioni progettate secondo criteri di qualit. Sgarbi non proprio dello stesso parere: il carcere di San Vittore un perfetto esempio di architettura radiale e non c' nessuna ragione di distruggerlo. Secondo l'ex sottosegretario che in Italia si debba fare una ripulita e che sono stati distrutti capolavori straordinari per far spazio a degli orrori, indubbio, il problema che a questo punto difficile immaginare cosa verr valutato degno di essere demolito e cosa verr costruito al suo posto. Forse meglio lasciare tutto com', prima che prenda piede il delirio di qualche architetto.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news