LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cos ho recuperato il tesoro nascosto di Bagdad
Andrea Nicastro
Corriere della Sera, 27/07/2003

Una carriera da ambasciatore e poi, gi in pensione da 3 anni, l'incarico pi importante della vita: ministro della cultura nel governo provvisorio iracheno. Pietro Cordone l'italiano pi alto in grado tra le forze d'occupazione. Ha la finezza d'analisi e il disincanto che si assorgono in migliaia di cene con i potenti di mezzo mondo. Ma in pi Cordone libero dall'ipocrisia del ruolo diplomatico. Libero per et, perch, in sostanza, non ha pi paura di essere licenziato per ci che dice. Me ne stavo benissimo in pensione. I suoi giudizi sono rasoiate. Nel bene e nel male.
Gli americani con i quali lavora nel governo provvisorio sono eccezionali. Al vertice c' una covata di giovani harvardiani che sanno assolutamente tutto della loro specialit. Se per escono di un millimetro dal campo di competenza sono dei c... calzati e vestiti, il capo dell'amministrazione provvisoria, il proconsole di Bush in Iraq, Paul Bremer, un mostro di resistenza fisica e decisionismo. Ma quegli anfibi che porta sempre, anche sotto il completo blu, proprio non li capisco dice Cordone preparando la stilettata. Forse sono davvero pi comodi dei miei mocassini impolverati o forse Bremer vuole solo crearsi un personaggio per far parlare i giornali.

E Bagdad? Cosa ne pensa della sua citt il ministro della cultura?

Non mai stata bellissima, checch ne dicano. Adesso poi sporca e persino il verde delle palme non si vede pi sotto la polvere. Restano per cose incantevoli. Come il tesoro di Nimrud. Esposto per poche ore al museo archeologico, pu far perdere la testa per bellezza e buon gusto. E poi gli antichi quartieri ottomani. Sarebbe fantastico ristrutturare i caravanserragli. Ne verrebbe fuori uno dei centri storici pi belli del mondo.

Hanno 9 anni di differenza Bremer e Cordone, ma incarnano culture diversissime. Bremer fa jogging tutte le mattine, lavora dalle 7 alle 23 e prende un'ora di lezione di arabo al giorno. Quando parla di Iraq usa il noi, come fosse anche lui iracheno.
Cordone invece conversa, legge e scrive l'arabo da sempre. Non si sogna neppure di fare un minuto di ginnastica, anche perch in Libano una granata da mortaio gli tagli il nervo sciatico. Disincantato riguardo all'Italia, figurarsi se si identifica patriotticamente con l'Iraq. La sua giornata tipo diversa da quella di Bremer, ma pi nello stile che nella sostanza. E' comunque una vita da ministro che dice molte cose dell'Iraq di oggi.

ORE 6.45. Verso l'ufficio. Dovrei prendere la scorta assegnata a ogni ministro. Due gipponi con 4 militari americani cadauno, pi due marines in auto con me. E' una sceneggiata tremenda che attira il malcontento della gente. I soldati scendono con i mitra spianati e bloccano il traffico gi congestionato di Bagdad. Poveretti, il loro lavoro. E in pi rischiano. Ho perso uno dei ragazzi di scorta e sono rimasto choccato. Tre settimane fa erano schierati come al solito armi in pugno. Un locale si avvicinato e ha sparato al collo di uno con la pistola. Il soldatino rimasto in coma una settimana. Ora per fortuna sta meglio. Cos per ridurre al minimo i rischi di questi giovani ho deciso di affittare una macchina che non desse nell'occhio e andare in ufficio da solo. E' una vecchia Datzu arrugginita con il parabrezza incrinato. Ma, almeno la mattina e la sera, evito di mettere a rischio la scorta.

ORE 7.15. Consiglio dei ministri. Un'ex ambasciatrice - l'americana Robin Raphel - ci racconta la riunione della notte prima con Bremer, il loro debriefing. Ci trasmette le sue istruzioni e riceve le nostre. Sar lei a fare il briefing, il resoconto, a Bremer. E cos di briefing in briefing, gli americani passano la giornata.

ORE 9.00. Consiglio di Gabinetto al Centro dei Congressi, l'unico edificio di relativo buon gusto disponibile. Il Consiglio di Gabinetto una mia invenzione. Invece di avere un unico interlocutore iracheno al ministero della Cultura ho preferito allargare a 5 il numero dei dirigenti. Mi sono stati segnalati degli impiegati tra quelli che non hanno avuto legami con il partito Baath di Saddam Hussein. E si stanno dimostrando capaci. Discutiamo del problema dell'autista a cui hanno rubato l'auto, dei salari troppo bassi e del direttore generale che terrorizza gli impiegati. Ma anche di de-baathificazione e restauri. Dalla bassa cucina ai piatti da gran chef.

ORE 10.00. Visite ufficiali. Mi muovo almeno tre o quattro volte la settimana. Sono obbligato perch i telefoni non funzionano e se devo parlare a qualcuno ci devo andare di persona. Vado al conservatorio, in qualche teatro, qualche sito archeologico o al museo nazionale dove c' voluta tutta la mia arte diplomatica per convincere la direttrice a dirmi dove aveva protetto i reperti prima che scoppiasse la guerra. Aveva giurato sul Corano di non rivelarlo a nessuno, ma alla fine l'ho convinta. Li aveva protetti in 179 casse di zinco e murati. Fantastico.

ORE 12.00. De-baaathificazione. L'espulsione dal ministero degli ex membri del regime praticamente finita. Ho gi consegnato 132 lettere di licenziamento ad altrettanti funzionali. E' stato penoso. Ho dovuto lottare con la mia mentalit mediterranea. Ma non c' stato nulla da fare. Bremer irremovibile. L'ordine di eliminare i primi 4 gradi del partito e non fanno differenza tra chi ha le mani sporche di sangue e chi, magari, ha solo voluto far carriera. I casi pi dolorosi sono all'Ente del turismo, che dipende dal mio ministero. Li erano stati parcheggiati ex ufficiali dell'esercito prigionieri per anni e anni in Iran. Per compensarli, invece della pensione, gli avevano dato
un grado nel partito e una poltrona all'Ente del turismo. Ora perderanno tutto.

ORE 13.00. Niente pranzo. I miei collaboratori vanno in mensa, ma io non ho l'abitudine di mangiare e nell'ora di pranzo ne voglio sempre almeno due con me per continuare a lavorare. Il mio vice britannico, poi ho un colonnello e tre altri ufficiali Usa, romeni, polacchi e spagnoli. Un'armata Brancaleone che funziona s e no. Di certo si sta burocratizzando peggio del Regno delle Due Sicilie. Resta un'esperienza affascinante, multinazionale. Lavoro in una stanza con altre 4 persone nell'ex palazzo presidenziale di Saddam. Doveva essere una camera da letto. Fino a 20 giorni fa non avevamo neppure l'aria condizionata.

ORE 14.30. Staff meeting. Ci si incontra in gruppi ristretti, magari con lo stesso Bremer, per discutere di bilancio, di problemi di sicurezza, dell'attivit di governo.

ORE 17.00. Il ritorno. Stanco morto, finalmente me ne torno nella residenza dell'ambasciatore italiano con la Datzu sgangherata. Non riesco a capire come fanno gli americani ad andare avanti di briefing in briefing fino a notte. Fortunati loro. Io mi accontento di quello che ho fatto. Per il museo nazionale ci sono fondi e offerte di collaborazione da tutto il mondo. I siti archeologici sono finalmente in sicurezza. Sto cercando di far ripartire il turismo perch servono soldi e lavoro. Ai vertici dell'Ente ho nominato iracheni con master e lauree specifiche. Ho rimesso insieme l'orchestra sinfonica e sto brigando per far arrivare nuovi strumenti al Conservatorio, Non tutto insieme. Ma una cosa alla volta la si fa.

ORE 20.30. Cena di rappresentanza. Vengono in residenza i "ministri" che hanno degli italiani tra i collaboratori. E' un modo per creare un rapporto pi confidenziale e mi sottopongo anche a quello. Per fortuna c' il coprifuoco, cos alle 22.30 tutti sono costretti ad andarsene.

ORE 23.00. A letto. Leggo qualche riga di un libro su Gilgamesh, un personaggio dell'antica Mesopotamia che aspirava all'eternit. Ci provo, almeno. Di fatto alle undici cado addormentato come una pera cotta.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news