LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Privati al servizio della tutela
Silvia DellOrso
Il Sole24 Ore, 27/07/2003

Lo hanno ribadito anche gli accademici dei Lincei in un loro recente appello, in vista dell'emanazione del nuovo Codice dei beni culturali e paesaggistici: il ricorso alle imprese private giustificato solo per i servizi aggiuntivi.

Allo scoccare del 15 anniversario della nascita di Civita, il suo fondatore, nonch segretario generale (ma anche presidente di Fineco) Gianfranco Imperatori si dichiara orgoglioso del ruolo di manovale della cultura e soddisfatto che tra i firmatari di quell'appello figuri Salvatore Settis. Che negli ultimi mesi non ha certo nascosto le sue riserve sull'effettiva opportunit di spezzare tutela e gestione, lasciando onori e oneri della prima allo Stato e i potenziali della seconda ai privati.
La maggior parte dei timori del professor Settis, a proposito dell'intervento dei privati nel settore dei beni culturali, motivata e condivisibile - avverte Imperatori -, va detto, per, che il vecchio modello di gestione del patrimonio culturale italiano doveva amministrare una realt meno complessa di quella attuale e ha dimostrato di non reggere l'impatto di un panorama profondamente cambiato.

Come dire che nei 78 musei dove Civita (o Ztema di cui socia) presente assieme ad altre imprese nella gestione dei servizi aggiuntivi, i rispettivi direttori o curatori avranno tirato un sospiro di sollievo. Soprattutto nel caso dei Musei Capitolini di Roma dove in corso un esperimento di gestione pubblico-privata che, pur tra alcune ambiguit, presenta diverse ragioni d'interesse.
Quella della gestione dei servizi per il pubblico (senza incidere in alcun modo sulla natura della propriet del museo e sulle funzioni di direzione) tuttavia solo una delle attivit cui si dedica Civita. Associazione, quest'ultima, nata nell'87, che ha mutuato il suo nome da quella Civita di Bagnoregio cui ha rivolto il primo piano di valorizzazione, e che riunisce oggi 120 aziende impegnate a diverso titolo in progetti di ricerca, gestione, organizzazione di mostre e, appunto, valorizzazione.

Ricorda Gianfranco Imperatori che quando cominci era giudicato inconcepibile persino un concerto all'interno di un museo: Per organizzarne uno a Villa Giulia, alla fine degli anni 80, mi ci vollero tre mesi; ne stata fatta di strada da allora!. Una lunga stagione che ha visto un deciso cambiamento nel contributo dei privati alla cultura, passando dalla sponsorizzazione generica all'investimento da un lato e - precisa ancora il segretario generale di Civita - al trasferimento delle competenze professionali proprie di chi abituato a organizzare dall'altro: in una logica non profit, perch l'ambizione, del profitto mitigata dal fatto che il privato consapevole di partecipare a una missione, da cui avr per un ritorno d'immagine oggi molto sentito nelle aziende.

questo, secondo Imperatori, uno degli argomenti su cui far leva per coinvolgere i privati nel settore dei beni culturali, oltre naturalmente che sulla gestione dei servizi aggiuntivi e, last but not least, sulla defiscalizzazipne degli investimenti: Migliorando l'attuale normativa, talmente macchinosa da essere stata quasi completamente snobbata.

Ma Civita sente di avere interpretato anche la necessit di un rapporto diverso tra pubblico e beni culturali; di avere intuito, prima di altri, che valorizzazione culturale e valorizzazione economica non erano categorie che si autoescludevano. Questo binomio alla base di una serie di operazioni avviate sotto la sua egida, nel segno di sempre pi sistematiche strategie di coordinamento degli interventi. Una modalit, definita distretto culturale, che coniuga le politiche di salvaguardia del patrimonio di beni storici e ambientali con le politiche di sviluppo economico locale. Come nel caso del distretto d Noto - spiega Imperatori - o di quello di Viterbo dove, a partire da una straordinaria ricchezza culturale, abbiamo coinvolto tutte le forze produttive, le camere di commercio, i comuni, le province, le fondazioni ex bancarie per ragionare insieme sulle prospettive di sviluppo che ci si aspettava, stante appunto quel patrimonio.

Ma sono anche altre le iniziative in cantiere. Dalla pubblicazione di un rapporto annuale, il quinto, sul tema dell'edutainment (che si preannuncia come un filone molto importante, rispondendo a una crescente domanda di cultura e intrattenimento) alla preparazione di alcune mostre in programma per l'autunno, tra cui Duccio a Siena e Giorgione a Venezia, fino al master pian di valorizzazione di Leptis Magna, per il quale - annuncia Imperatori - il nostro consorzio si sta candidando.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news