LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La bellezza? Non si impone per decreto ma si pu aiutare con una buona legge
Stefano Zecchi
Il Giornale 26/07/2003

Una decisione che mi rende entusiasta. Dopo anni e anni di lavoro, vedere che la questione della bellezza diventa una priorit politica, mi ripaga di molta fatica e, anche, di molte umiliazioni patite. Quando nel mio libro La bellezza (1990) sostenni la necessit d riportare il senso del bello al centro della nostra educazione, per restituire qualit estetica all'ambiente che ci circonda e ai semplici modi quotidiani del vivere, fui considerato un illuso, un reazionario, un antimoderno. Vorrei ricordare che, solo qualche anno fa, il semplice uso della parola bellezza, non tanto nei libri quanto soltanto negli incontri, nei dibattiti culturali, veniva ritenuto banale, non scientifico. Ora le cose stanno cambiando: se mi si consente un po' di immodestia, mi verrebbe quasi da pensare che il ministro Urbani abbia letto le mie pagine in cui sostengo che bisogna essere politicamente responsabili della bellezza.
Ovvio: la bellezza non si definisce per decreto, ma la legge pu imporre l'attenzione verso la bellezza e pu censurare chi rifiuta l'impegno per la bellezza. Non si dimentichi che, nella millenaria storia dell'umanit, il Nove-. cento stato il secolo che pi ha esaltato il
brutto e tolleralo il cattivo gusto nelle abitudini quotidiane.
Irnmagino gi cosa diranno i detrattori del bello (e dell'iniziativa del ministro): chi stabilisce cos' la bellezza? Chi giudicher? A quale titolo? Naturalmente il progetto di legge Urbani dovr trovare le forme tecniche per la sua applicazione, e in esse si verificher la reale operativit della legge. Vorrei ricordare che la bellezza un progetto sul mondo: su questo progetto, su questa utopia si costruisce la bellezza, si fanno cose belle. Per esempio, la Milano bella, quella dei suoi corsi, dei suoi viali neoclassici sono il risultato del lavoro della commissione d'ornato, istituita all'origine dal Piermarini, che oper per oltre due secoli e fu sciaguratamente abolita alla fine della seconda guerra mondiale. Ho citato questa commissione essendo stato un esempio di eccellente funzionalit. Perch? Perch chi la doveva nominare, aveva il coraggio di scegliere un gruppo omogeneo di intellettuali che scommettevano su un'idea di bellezza da proporre, in particolare, in ambito architettonico e nell'arredo urbano. Qualcosa di simile accade nei nostri giorni in Francia: non un caso che ogni presidente della Repubblica abbia legato il suo nome a grandi opere e a un particolare Ideale rappresentativo del bello. Dunque, da evitare assolutamente saranno gli organismi decisionali che raccolgono teste pensanti troppo diverse tra loro: ci sarebbero dotte discussioni ma la paralisi decisionale o il compromesso, cio un pasticcio, cio il brutto, cio il disastro estetico che prevalso in questi anni.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news