LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ripuliremo il totem dell'arte moderna
Avanti, 21/07/2003

Proseguono le polemiche sul progetto di restauro della statua più rappresentativa dell'arte italiana: il David di Michelangelo. E dopo gli appelli internazionali per un ripensamento, le critiche rilanciate dalla stampa straniera (in particolare inglese ed americana), la patata bollente del restauro arriva sul tavolo del ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani. Antonio Paolucci, ex ministro e soprintendente del polo museale fiorentino, ha inviato un dossier ad Urbani in cui spiega come si svolgerà l'intervento sulla statua che rappresenta l'ideale di bellezza del Rinascimento. "E’ stato lo stesso ministro a chiedermi un breve rapporto sulla vicenda. Urbani ha piena fiducia nel nostro operato e comunque intende avere una nota scritta in modo che quando gli verranno chieste spiegazioni abbia tutte le notizie per rispondere", ha dichiarato Paolucci. "Non sarà niente di traumatico, né di drammatico. Quello del David non sarà propriamente un restauro ma una normale pulitura, o meglio ancora una spolveratura. Tutte queste polemiche,
comunque, le avevamo messe in conto. E questo perché - ha spiegato Paolucci - riguardano una statua simbolo, la scultura più bella del mondo". "Sarà una leggerissima pulitura, che intendiamo fare per ragioni di decoro, soprattutto per togliere lo sporco e la polvere che si sono sedimentati sul marmo nel corso degli ultimi cento-trenta anni", ha proseguito Paolucci, ricordando che l'intervento sarà coordinato da istituzioni di primo piano: il Cnr, l'Opificio delle pietre dure, le università di Milano, Roma, Perugia, Pisa, Lecce, Catania, Bologna e Siena. Franca Falletti, direttrice della Galleria dell'Accademia, non è sorpresa più di tanto delle polemiche rilanciate dalla stampa anglosassone. "Queste polemiche non fermeranno certo i nostri programmi. Evidentemente qualcuno si vuole fare pubblicità avviando una campagna mediatica su una statua molto conosciuta, un totem dell'arte moderna. Il restauro previsto per l'inizio di settembre resta confermato", ha dichiarato Falletti. "Se gli studiosi che hanno sollevato perplessità e dubbi sull'intervento si faranno vivi con noi, verranno a trovarci, saremo ben lieti di rispondere alle loro domande, di chiarire le metodologie che intendiamo applicare". La pulitura del David è stata affidata alla restauratrice Cinzia Parnigoni, che lavorerà tra settembre e la primavera inoltrata, con l'obiettivo di concludere entro maggio 2004". Sul fronte opposto Paola Barocchi, docente di Storia dell'arte rinascimentale alla Normale di Pisa ed una delle maggiori esperte dell'opera michelangiolesca. "Meno si restaura e meglio è. E soprattutto nel caso del David di Michelangelo non ci sarebbe bisogno di niente, al massimo una leggera spolveratura". Barocchi è tra i quaranta firmatari dell'appello internazionale promosso da James Beck per chiedere la sospensione del restauro della statua.

"Confermo la mia firma ed esprimo il mio parere critico per un intervento che sembra promosso quasi esclusivamente per festeggiare i 500 anni della statua", ha aggiunto Barocchi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news