LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino: Il Papiro non torner in Egitto
Vittorio Sabadin
La Stampa 30/12/2006

La direttrice del Museo Egizio: la richiesta assurda, il reperto non fu rubato.

TORINO. Non solo il busto di Nefertiti (a Berlino), lo Zodiaco di Dendera (a Parigi), la Stele di Rosetta (a Londra), il busto di Akhnaton (a Boston) e la statua di Hemiunu (a Hildesheim, Germania): il potente sovrintendente delle antichit egizie Zahi Hawass rivuole indietro qualcosa anche da Torino, il Canone Reale che si trova nel Museo Egizio. Si tratta di piccoli frammenti di papiro, tanto insignificanti sul piano estetico quanto preziosi su quello storico: contengono infatti uno dei pochi elenchi esistenti delle dinastie che hanno regnato nel corso dei millenni in Egitto e ci hanno aiutato nel comprendere meglio la storia di quella straordinaria civilt. Non abbiamo ricevuto alcuna lettera ufficiale da Hawass - dice la direttrice del museo, Eleni Vassilika - e tutto mi fa pensare che quello che ha espresso un desiderio, ma non un'intenzione. Sono comunque sorpresa, perch nell'elenco di reperti che l'Egitto rivuole indietro da vari musei e che Hawass ha consegnato all'Unesco, il Papiro di Torino non era menzionato. Non posso davvero pensare che abbia deciso di aggiungere, a solo pochi mesi di distanza, un'altra richiesta. Clima di terrore Hawass potrebbe per davvero deciderlo. L'uomo che porta sempre in testa il cappello di Indiana Jones, del quale tiene anche la frusta appesa in ufficio, ha cambiato tutte le regole degli scavi in Egitto e pu, se lo vuole, vietare di affondare un badile nella sabbia a chiunque non rispetti i suoi desideri. Da tempo, nessuno pu pi annunciare al mondo di avere fatto una scoperta senza prima avvisarlo in modo che, nella foto, ci sia anche lui. La sua inflessibile gestione ha riportato ordine nell'egittologia, ma anche creato tra gli archeologi un clima molto vicino al terrore. La decisione finale - precisa Eleni Vassilika - spetta ai ministero dei Beni Culturali, e in teoria anche possibile che per mantenere buoni rapporti con l'Egitto il governo acconsenta. Ma non ci sono le basi giuridiche per una simile pretesa. Le prime leggi che hanno regolamentato in Egitto l'esportazione di reperti sono posteriori al ritrovamento fatto da Bernardino Drovetti. Il papiro stato trovato e non. scavato. Quando si scava valgono norme diverse, pi restrittive. E in ogni caso Drovetti era molto amico del pasci Mohammed Ali, che gli aveva regalato numerosi oggetti. Ma perch proprio il Papiro reale e non altri reperti di maggior valore estetico, come la statua di Ramesse II o gli oggetti della Tomba di Kha? Non lo so - afferma la direttrice dell'Egizio -. Ma molte delle cose che rivuole indietro sono icone che identificano un museo o una citt con l'egittologia. Questo vale per Nefertiti a Berlino, per lo Zodiaco del Louvre, per la Stele di Rosetta al British e per il Codice reale che noto appunto con li nome di Papiro di Torino. Forse vuole semplicemente riportare al Cairo gli oggetti che hanno contribuito a rendere famoso nel mondo il museo che li ospita. All'Egizio tutti ritengono che la cosa non avr un seguito e si augurano che, se lo avr, il ministero negher la restituzione. Sono favorevole a ridare indietro - dice Eleni Vassilika - oggetti chiaramente rubati o esportati illegalmente, ma gli altri reperti devono restare nel museo nel quale si trovano. Queste opere sono un patrimonio dell'umanit, custodito da seri professionisti. E' necessaria la stabilit almeno nei musei, perch i confini dei paesi e i governi cambiano. Qual era e qual il confine della Macedonia? E i reperti della civilt greca che si trovano nella Cipro turca sono adesso turchi?. Non resta che attendere la prossima mossa di Hawass. Per il momento, la spiegazione pi semplice alla sua curiosa richiesta va probabilmente fatta risalire alla esposizione a Torino (a palazzo Bricherasio) di un altro papiro di epoca tolemaica, quello di Artemidoro, che scaten proteste e richieste di spiegazioni da parte dell'onnivoro sovrintendente egiziano. Non avendo ottenuto soddisfazione, Hawass ha forse deciso di vendicarsi con un altro museo della citt.

Drovetti
Il piemontese amico del pasci Bernardino Drovetti nacque a Barbania, in provincia di Torino nel 1776. Laureato in legge, serv nell'esercito di Napoleone prima di diventare console francese in Egitto, dove divenne stretto amico di Mohammed Al, il pasci di origini albanesi o curde che riform il paese. Grazie a questa amicizia, Drovetti esegu numerose campagne di scavi, riportando in Europa circa 3000 reperti che vendette a carissimo prezzo ai sovrani di Francia e ai Savoia.
Hawass
Ferreo guardiano degli archeologi Zahi Hawass, 59 anni, dal 2002 segretario generale del Supreme Council of Antiquities dell'Egitto e direttore degli scavi a Giza, Saqqara e Baharya. Impegnato con successo nella conservazione e nel recupero del patrimonio archeologico del paese, stato molto criticato per la sua gestione autocratica ( soprannominato il faraone) e per la sua passione per le apparizioni in televisione. Non c' ormai documentario che non contenga una sua intervista.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news