LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Urbani da via libera a Paolucci per il restauro del David
Stefano Bucci
Corriere della Sera, 20/07/2003

Il sovrintendente Antonio Paolucci sembra aver vinto davvero la battaglia del David: parola del ministro ai Beni culturali Giuliano Urbani. Che, dopo aver esaminato il dossier sul restauro della statua forse pi famosa del mondo inviategli nei giorni scorsi proprio da Paolucci, ieri si infine pronunciato. Via libera al restauro con metodo ad acqua (gi scelto dallo stesso sovrintendente) a base di impacchi di cellulosa impregnata con acqua bidistillata, per tempi di contatto molto ridotti e differenziati da zona a zona. Dunque, da settembre si riparte, sempre sotto gli occhi dei visitatori della Galleria dell'Accademia (il cantiere rester infatti un cantiere aperto). E Cinzia Parnigoni, nuova responsabile tecnica del restauro dopo l'abbandono di Agnese Parronchi, torner a utilizzare quel metodo che la direttrice dell'Opifcio delle pietre dure Cristina Acidini aveva definito il pi innocuo oggi possibile.

La mia decisione - ha dichiarato ieri Urbani - derivata da un accurato esame del dossier di Paolucci anche se io non avevo il bench minimo dubbio, Come poteva essere altrimenti, sembra voler dire Urbani che cos prosegue: La scelta premia il sovrintendente Paolucci, la direttrice dell'Opificio Acidini, tutti i nostri tecnici che per undici anni hanno lavorato sul David ma indirettamente anche quella scuola italiana che in materia di restauro e scienza della conservazione davvero la prima nel mondo. Il ministro ricorda d'altra parte che negli ultimi mesi i nostri tecnici sono stati "richiesti", ad esempio, per il restauro della Citt Proibita in Cina, di antichi tempi dell'India oltre che dei tesori sopravvissuti al conflitto in Iraq.

Urbani appare in qualche modo polemico sia con i fautori del metodo a secco (che utilizza pennelli, gomme, pelli di daino e bastoncini di ovatta) sia con le firme internazionali capitanate da James Beck: Mi auguro soltanto che tutto il polverone attorno al David sia nato dalla grande notoriet della statua o al massimo da qualche involontario equivoco e che non sia stato invece creato ad arte. Perch? Perch se vero che Paolucci e i tecnici dell'Opificio si sono dimostrati fin dall'inizio disponibili al confronto con i sostenitori dell'altro metodo (il sovrintendente li aveva addirittura invitati a salire con lui sulle impalcature ndr), altrettanto vero che nessuno della "controparte" si ancora prestato a questo confronto.

Con la decisione di Urbani si conclude cos la fase preliminare del restauro del David, quella dello studio, alla quale hanno contribuito con donazioni da 200 mila euro anche i Friends of Florence di Mel Gibson e Sting. Come ricordato, i lavori veri e propri (finanziati dall'associazione non profit olandese Art Longa Stichting) partiranno da settembre e si concluderanno a Pasqua, giusto pochi mesi prima del cinquecentesimo compleanno del David, mostrato al pubblico l'8 settembre del 1504.

Sempre a proposito della statua di Michelangelo, di ieri l'ultima proposta: quella di collocarlo in una sala sotterranea da realizzare in una piazza di Firenze e questo in modo da poterlo ammirare dall'alto. L'idea arriva dall'architetto padovano Ferdinando De Simone, allievo in giovent di Ragghianti. Secondo De Simone Michelangelo scolp il David sapendo che sarebbe collocato in una piazza e che proprio per questo sarebbe stato visibile anche dall'alto (da finestre, balconi e terrazze). Cos cur con estrema attenzione i particolari della testa che di solito la meno curata.
L'idea della sala sotterranea stata per bocciata all'unisono da Paolucci (una boiata) e dalla direttrice della galleria dell'Accademia Franca Falletti (a dir poco irreale).

Il definitivo via libera al restauro del David sembra per essere nelle intenzioni del ministro Urbani soltanto un tassello di quella rinascita di Firenze (che a ottobre ospiter il meeting dei ministr della Cultura della Comunit europea) che trover, per Urbani, il suo naturale completamento nella realizzazione dei Grandi Uffizi che mi auguro di poter visitare nel 2006. I lavori per la risistemazione degli spazi interni partiranno a febbraio e si concluderanno nel 2006. Ancora spinosa sembra invece rimanere la questione della pensilina di Arata Isozaki: stando al ministero il progetto stato approvato ma la sua realizzazione rimane tuttora subordinata ai risultati dei rilievi sui reperti archeologici dalla Soprintendenza, Intanto, in attesa dell'esito dei rilievi, verr realizzato (da subito) un ingresso provvisorio su Piazza Castellani.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news