LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio all'italiana
Ermete Realacci
Il manifesto 11/12/2002

ERMETE REALACCI
Nel bel libro di Salvatore Settis, Italia S.p.A., sull'assalto portato al nostro patrimonio pubblico, si fa riferimento, a un certo punto, a un personaggio letterario, un ex ministro lituano, che mette in vendita il proprio paese via Internet grazie ad una societ denominata Lituania Incorporated, in pratica Lituania SpA. Nel libro citato da Settis il ministro in questione si rivela poi un truffatore e la societ da lui pubblicizzata su Internet non esiste. Nella realt del nostro paese il ministro esiste eccome ed esiste anche la Patrimonio dello Stato Spa, la societ creata proprio per alienare, gestire e valorizzare il patrimonio dello stato. Dalla letteratura alla satira, ecco la spassosa parodia del nostro ministro dell'economia fatta da Corrado Guzzanti, con tanto di calcolatrice, erre moscia e conti che non tornano. Anche in questo caso la realt drammaticamente pi paradossale e pi grottesca. E' il vero Tremonti, non la sua parodia, quello che snocciola davanti alle telecamere il valore totale del nostro patrimonio pubblico: 2000 miliardi di euro, o due trilioni di euro, quanti fantastabilioni di lire signor ministro? E uno immagina funzionari ministeriali e soprintendenti, calcolatrice in mano, intenti a stimare e a sommare il prezzo di boschi, spiagge, quadri, musei, palazzi, caserme, fari, aree archeologiche, monumenti, parchi urbani e costieri. Come sar stato possibile stimare questi beni? Adoperando i parametri delle aree agricole o di quelle edificabili? E i parchi? Si saranno considerati i vincoli che insistono su queste zone? E le aree definite patrimonio dell'umanit dall'Unesco? Potremo venderle e cartolarizzarle o dovremo chiedere il permesso alle Nazioni unite?

In fondo la cifra di tutta la complessa e confusa operazione messa in piedi dal ministero dell'economia, secondo la quale le megaopere della legge obiettivo saranno finanziate dalla vendita, gestione e valorizzazione del nostro patrimonio, sta tutto in quella dichiarazione: L'Italia ha un patrimonio pubblico stimato in 2000 miliardi di euro, come se qualcuno potesse ragionevolmente, quantificare il valore di un'opera d'arte, di un bene pubblico, di un paesaggio o di un tramonto, senza rischiare di squalificare tutto il nostro patrimonio pubblico, tutti i nostri beni, anche quelli di particolare valore storico artistico.

C' un'idea perversa secondo la quale si pu procedere alla vendita dei beni che non sono di particolare valore storico artistico, o meglio, se ci fossero beni di questa natura bisognerebbe acquisire anche la firma del ministro dei beni culturali. Tutto il resto nella disponibilit dell'amministratore delegato della Patrimonio Spa, ovvero del ministero dell'economia che lo nomina e, in qualche modo, lo controlla. Di quel Ministro insomma che solo pochi giorni fa ha consegnato nelle mani del Fai il parco di Villa Gregoriana a Tivoli. Anche quello stato un episodio emblematico: un bene di straordinario valore storico, artistico e naturalistico consegnato nelle mani, beninteso, di una delle pi meritevoli associazioni di difesa del nostro patrimonio, ma dalle mani del ministro dell'economia, come a voler sottolineare, se ce ne fosse ancora bisogno, chi dispone del patrimonio del nostro paese. Nessuna traccia del ministro Urbani che pure qualche competenza su quel bene l'avrebbe dovuta avere. Ma l'idea di gestione del patrimonio culturale che ha il ministro Urbani la si ricava dalle pagine del suo libro appena pubblicato. No, non dove dice che avrebbe tanto voluto andare alla Rai, ma poi stato costretto ad accettare il dicastero dei Beni culturali, ma piuttosto dove parla delle straordinarie possibilit che le nuove autostrade offrono per garantire la fruibilit delle aree archeologiche: credetemi sulla parola - scrive entusiasta Urbani - sar un patrimonio archeologico offerto a tutti gli automobilisti, come se si stesse parlando di rendere fruibili i siti archeologici nella foresta brasiliana grazie alla realizzazione della Transamazzonica. In effetti c' tanto Terzo mondo nell'approccio che i nostri governanti stanno riservando al patrimonio del nostro paese. E del resto, prima della madre di tutte le cartolarizzazioni voluta dal ministro Tremonti, la pi significativa esperienza in questo settore non stata forse quella realizzata in Argentina? E non sono proprio i paesi del Terzo mondo quelli costretti ad alienare il proprio patrimonio pubblico per pagare i debiti?

L'Italia non in vendita, cari ministri, vogliamo dirlo forte ed per questo che il prossimo 14 dicembre Legambiente ha organizzato decine di manifestazioni in giro per l'Italia contro i tentativi di vendere i beni pubblici, ma anche contro la politica ambientale che sta svendendo pezzo per pezzo il nostro territorio accelerando le procedure per l'installazione di nuove centrali elettriche, annullando i controlli sulla realizzazione delle nuove infrastrutture, disseminando l'Italia di ponti e trafori inutili. Ci ritroveremo sabato in oltre 100 localit, ad Alba Fucens, a Capo Teulada, all'isola di Sant'Andrea nella laguna di Venezia, sul tracciato della nuova Aurelia e a Brindisi, che qualcuno vorrebbe trasformare in una sorta di area di servizio brutta e inquinata per produrre energia da esportare lontano.

L'Italia il paese pi bello del mondo e la caratteristica pubblica del nostro patrimonio il nostro valore aggiunto che ha contribuito a creare senso d'identit e di appartenenza fra tutti i nostri concittadini. Pu apparire retorica patriottica, ma proprio in questo momento la vendita dei beni pubblici rischia di dare un'ulteriore spallata a quell'idea di nazione che abbiamo conosciuto e praticato. E invece di fare cassa ci ritroveremo tutti pi poveri e pi soli. Noi non vogliamo.


P.S.: Per vendere il nostro patrimonio di valore storico artistico previsto che venga consultato il ministro dei Beni culturali, ma non prevista neppure una telefonata al ministro dell'Ambiente in caso di alienazione di territori protetti, demanio costiero o altre aree naturalisticamente significative. La legge istitutiva della Patrimonio Spa non cita mai il ministero dell'Ambiente e anche in questo caso quindi a decidere sar Tremonti. Verrebbe da dire signor ministro dell'Ambiente, dica qualcosa d'ambientalista!, se non venisse il sospetto che il suo silenzio faccia parte del gioco.


Ermete Realacci presidente di Legambiente



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news