LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

OLBIA. Corso Umberto, scoperto un tempio romano
Nuova Sardegna Olbia 30-NOV-2006




OLBIA. Per millenni ha riposato in corso Umberto sotto una coperta di terra, un metro più su il calendario del tempo sfogliava lunghi secoli di storia. A risvegliare il tempio dell'antica Olbia romana dal suo antico sonno la squadra diretta da Giuseppe Pisanu sotto l'attento sguardo di Rubens D'Oriano, responsabile della Soprintendenza archeologica. Alcuni mesi fa un' altra porzione del passato si era affacciata nel terzo millennio durante i lavori di rifacimento della rete idrica. Davanti al palazzo comunale gli archeologi avevano scoperto il foro lastricato e alcune botteghe artigiane, tra cui quella per la lavorazione della porpora.
Dopo lo straordinario ritrovamento le squadre di operai della ditta Pania (che cura i lavori di riqualificazione del centro storico per conto del Comune) erano andati avanti con gli scavi risalendo verso la parte alta di corso Umberto partendo dal lato sinistro. Ma all'altezza della banca le unghie degli escavatori hanno dovuto ritrarsi: sotto alcune decine di centimetri di terra riposavano delle lastre di granito screpolate dal tempo. Gli archeologi della Soprintendenza sono intervenuti subito, paletta, pennelli e una valigia di conoscenze accumulate in lunghi anni di studio. Hanno osservato i cinque metri di scavo, la posizione, la forma delle fondamenta e hanno azzardato un'ipotesi: un tempio romano. Nascosti tra le basi del luogo di culto anche alcuni reperti: una pinzetta in bronzo e il frammento spezzato di una lucerna in terracotta al centro del quale è impressa una croce cristiana e la P di pax, ovvero pace. Un'alta recinzione arancione protegge adesso il ritrovamento dalla curiosità dei passanti.
Difficile capire l'estensione del tempio romano. La Soprintendenza, così come ha sempre ribadito il responsabile dell'ente Rubens D'Oriano, non chiede di ampliare gli scavi, ma si limita a seguire con occhi vigili i lavori delle imprese comunali. E' comunque quasi certo che l'antico tempio romano prosegua sotto il lastricato di corso Umberto, verso il lato destro. Non appena gli operai sposteranno ruspe su quel versante di strada le ipotesi potranno essere confermate o smentite.
Nella prima ipotesi la Soprintendenza archeologica e l'amministrazione comunale si troveranno a risolvere l'ennesimo enigma: riseppellire le fondamenta del tempio o scegliere di regalare la loro bellezza ai cittadini. La formula usata per la piazza romana (che resterà visibile e calpestatale) non può essere infatti applicata a tutti i ritrovamenti archeologici, molti dei quali non sono in grado di resistere alle intemperie e richiederebbero continui e super costosi interventi di manutenzione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news