LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo di Giustizia di Trento - Carceri, la storia demolita
di ALESSANDRO FRANCESCHINI
Adige 22-NOV-2006

l'edificio austroungarico pi importante del Trentino Sar abbattuto per fare spazio a un nuovo complesso

Partiamo da un aneddoto e da una lieta fine per arrivare alla realt e a un'amara conclusione. Siamo alla fine dell'Ottocento. Sono appena stati terminati i lavori della costruzione del nuovo complesso del Palazzo di Giustizia e delle Carceri in via Pilati. Il vecchio carcere, quello che insisteva nella Torre Vanga, non serve pi. Un cittadino, dalle colonne di un quotidiano dell'epoca apre un dibattito che ai nostri giorni pu sembrare pazzesco: propone di
abbattere la Torre Vanga perch adesso che sono state costruite le nuove carceri quell'edificio ingombrante non ha pi senso di esistere. Chiss per quale ragione - forse per mancanza di soldi o forse per reale sensibilit conservativa -la proposta rimase solo sulla carta e oggi possiamo godere delle presenza di Torre Vanga. Veniamo ora alla realt. Oggi stiamo vivendo quello stesso passaggio storico, ma non stiamo dimostrando quella stessa sensibilit. 0 forse abbiamo semplicemente pi soldi. Sta di fatto che nei prossimi anni verr costruito il nuovo carcere. E quello in via Pilati, che non serve pi, verr abbattuto per fare posto alle pertinenze dell'ampliamento del nuovo Palazzo di Giustizia che sorger a est dell'attuale complesso monumentale. Questo, perch il Palazzo di Giustizia un monumento protetto da una determina provinciale di vincolo artistico e monumentale. Mentre le carceri, pur essendo parte di uno stesso blocco architettonico progettato e costruito unitariamente, non sono state vincolate e - in conseguenza anche alle scelte architettoniche del progetto vincitore al concorso indetto qualche anno fa per la costruzione del nuovo Palazzo di Giustizia-verranno presto abbattute. E questa l'amara conclusione.
Tutto cominci a met Ottocento
La storia del Palazzo di Giustizia di Trento e delle sue carceri stata ricostruita in un documento redatto nel 2003 dall'architetto Luca Beltrami (con la collaborazione di Massimo Martignoni e Annamaria Saloni) su commissione del Progetto speciale grandi opere della Provincia autonoma di Trento. Si tratta di una storia affascinante, disvelata nell'Archivio comunale storico di Trento dove sono conservati i disegni e i documenti originali di quello che sicuramente l'investimento pi importante e significativo del dominio Asburgo in Trentino.
A partire da met dell'Ottocento le due principali citt del Tiralo di lingua italiana (Trento e Rovereto) furono interessate da ampie trasformazioni urbanistiche, con l'apertura di nuove vie, l'erezione di edifici pubblici (stazione ferroviaria, ospedale, tribunale, scuola, edifici postali) finanche la costruzione di interi quartieri. Nella gran parte dei casi, sfruttando l'efficienza dell'impianto burocratico-centralista asburgo - la progettazione veniva fatta direttamente a Vienna. Questo senza causare problemi di linguaggio formale, trattandosi di edifici caratterizzati da un repertorio stilistico classico-rinascimentale in uso in tutta Europa.
Per quanto riguarda la costruzione del Palazzo di Giustizia e del complesso carcerario, gli eventi prendono avvio nel 1858 quando cominciano le corrispondenze tra l'amministrazione centrale viennese e il municipio di Trento. Ma solo nel 1871, con la realizzazione di un comparto urbanistico nella zona madruzziana (le attuali via Pilati, via Barbacovi e via Grazioli), che l'idea diventa finalmente praticabile. Dopo aver acquisito le aree dai privati l'amministrazione pubblica conferisce all'architetto trentino Ignazio Liberi il compito di redigere il progetto.
Ma dopo alcune vicissitudini burocratiche, l'ipotesi di Liberi viene abbandonata e l'amministrazione austriaca decide di sostituirla con un nuovo progetto redatto direttamente dal dipartimento delle fabbriche del ministero di Vienna con la progettazione architettonica delle carceri dell'architetto Karl Scha-denz. Nel maggio 1877, partono effettivamente i lavori per la fabbrica del nuovo palazzo di Giustizia con l'annesso istituto carcerario.

Si apr una cava in localit Laste
I lavori di costruzioni vennero terminati verso il 1881. Di quella data, oltre che l'epigrafe commemorativa presente nell'edicola d'ingresso dell'edificio, rimasta anche una fotografia della facciata dell'Imperial Regio Tribunale di Trento scattata da Giovan Battista Unterve-ger. Anche da altre foto si pu desumere che il manufatto risulti costituito da due grandi complessi, separati nelle funzioni ma uniti nell'architettura: il Palazzo di Giustizia e il complesso carcerario. Anche i disegni di progetto dimostrano che si tratta di un unicum di grande pregio architettonico. Tutte le parti murarie sono realizzate con pietrame squadrato delle dimensioni fino a 120 centimetri provenienti da una cava appositamente aperta (ed esaurita alla fine dell'opera) in localit Laste, sulla collina a est di Trento.
A partire da questa configurazione l'aspetto architettonico subisce alcune successive modificazioni: le pi significative avvengono nel 1922, quando dietro un progetto dell'architetto Natale Tommasi l'edificio del Tribunale venne alzato di un piano lungo le ali laterali, e negli anni Sessanta. In quest'ultimo periodo ebbe luogo l'opera pi significativa di tutte: la demolizione totale dell'edificio che ospitava una splendida Corte d'assise, posto ad est della corte del Palazzo di Giustizia. In suo luogo, nel 1966, fu eseguito un anonimo edificio che oggi ospita la Procura della Repubblica.
Ma la modificazione pi devastante ha ancora da venire. Come gi detto, nei prossimi anni il complesso delle carceri verr completamente abbattuto per fare posto al progetto dell'architetto Pierluigi Nicolin di Milano, risultato vincitore al concorso indetto dalla Provincia nel 2003. Il progetto, non per colpa dei progettisti ma per indicazioni concorsuali, prevede la totale demolizione del complesso e la costruzione di nuove ali che andranno ad affacciarsi sulla nuova piazza prevista sul margine est del lotto. Sar una perdita gravissima, perch verr irrimediabilmente mutilato il complesso architettonico austroungarico pi importante del Trentino e uno dei pi interessanti d'Italia.

L'architetto Luca Beltrami: grave perdita la demolizione
Quella costruzione si poteva salvare
Sono dispiaciuto che il bando di concorso escluda chiaramente la possibilit di conservare o quanto meno di recuperare parzialmente il complesso delle carceri. La demolizione radicale di questo manufatto sar una grave perdita per il nostro patrimonio architettonico.
Con queste parole, il giorno della presentazione del concorso internazionale di progettazione del nuovo polo giudiziario a Trento, lui aveva provato a dirlo. Ed era stato preso come un guastafeste. Eppure lui, l'architetto Luca Beltrami, non aveva parlato solo come intellettuale ma anche come professionista incaricato dall'ente banditore del concorso (la Provincia di Trento) di eseguire una studio storico sull'edificio del Tribunale e delle complesso carcerario. E con grande sorpresa da quello studio aveva capito che i due complessi non erano il frutto di interventi diversi - come si pensava e si pensa tutt'ora - ma il frutto di uno straordinario, unico intervento architettonico.
Architetto Beltrami, come mai siamo arrivati a questa situazione?
Istintivamente mi viene da rispondere che sotto il profilo burocratico pi semplice stabilire un vincolo conservativo su un piccolo manufatto con poche esigenze da parte del committente che a uno grande, ma nel quale sono in gioco notevoli richieste funzionali e investimenti economici. Per il complesso delle carceri nella realt la questione stata pi complessa e articolata; siamo arrivati a questo punto attraverso una serie di circostanze; io ne trovo sicuramente tre. La prima parte ancora prima del 2001, anno dello svincolo di "tutela storico-artistica". stato da sempre luogo comune considerare le carceri un manufatto a se stante, realizzato verso gli anni Venti, attribuendolo forse all'architetto Natale Tommasi, in "aggiunta" al corpo del Palazzo di Giustizia che venne costruito molto prima in epoca austro-ungarica. Per cui al tempo non vi era stata molta attenzione e interesse culturale per esplorare la vicenda storica dell'intero complesso. La sua datazione e valenza architettonica era ormai data per certa. In sostanza c'' stata una valu-tazione errata, priva di sostegni documen-tari approfonditi.
La seconda circostanza?
Riguarda le esigenze funzionali che i nuovi uffici giudiziari richiedevano. Per il concorso internazionale, la Provincia e i suoi consulenti hanno dovuto redigere un programma dalle enormi complessit organizzative. Va da s che avere a disposizione un'area libera da qualsiasi vincolo fisico poteva essere la migliore condizione per progettare ex novo secondo gli standard richiesti.
Ci possono essere anche relazioni di tipo culturale o emotivo? probabile. La terza vicenda
riguarda proprio l'aspetto emotivo che, a mio parere, pu aver influenzato inconsciamente la scelta alla demolizione. Per la collettivit le carceri rappresentano un luogo torbido e fastidioso dove si sono consumate tragedie umane; naturale quindi pensare alla sua eliminazione fisica, perch solo cos si crede di rimuovere il dolore che provocherebbe ancora la sua presenza. Se invece proviamo a superare razionalmente l'emotivit ci accorgiamo che la storia del passato, rappresentata soprattutto dall'architettura, ha una funzione culturale fondamentale per la vita. In particolare il periodo asburgico ha segnato una tappa importate per la evoluzione sociale trentina.
Perch non costruire il nuovo Tribunale conservando l'edificio delle carceri?
Anche il corpo delle carceri con il suo impianto distributivo razionale "tripartito ad E", dotato di elementi di pregio architettonico, poteva essere benissimo recuperato per le nuove esigenze funzionali.
A.F.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news