LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le fondazioni non risolvono i mali dei musei
Giorgio Bonsanti
lUnit, 11/07/2003

Il ministro Giuliano Urbani venuto a Firenze, e ha presentato il progetto per i Nuovi Uffizi. Saranno pronti entro il 2006. E fin qui, niente di particolare: a varie scadenze, i fiorentini sono stati per cos dire informati del progresso dei lavori, ed un dato di fatto che le scadenze sono state fin qui sostanzialmente disattese. Sto meramente constatando quanto il nostro Paese si dimostri incapace di puntare efficacemente sui grandi progetti ritenuti prioritari, tanto da condurli a realizzazione nei tempi auspicabili. Se davvero entro tre anni avremo i Nuovi Uffizi, dunque, non potremo che essere contenti tutti quanti. Urbani per ha detto un'altra cosa di straordinario rilievo, e non solo per gli Uffizi. Ha detto che il Governo sta provvedendo ad una riforma del sistema, che condurr gli attuali "poli museali" (un'eredit dei governi di centrosinistra sulla quale alcune fra le migliori teste pensanti del Paese, cito per tutte quella di Salvatore Settis, si sono espresse in maniera fortemente contraria) a trasformarsi in fondazioni. Se ne aveva sentore da un bel po'; ma ecco che il ministro l'ha confermato esplicitamente. E allora c' da domandarsi che cosa stia a significare un'innovazione di questa natura.

Per Urbani, che fin qui non ha dato l'impressione di avere studiato le problematiche dei beni culturali tanto da aver maturato un proprio progetto e una linea di condotta scelta quale elemento caratterizzante la propria azione di governo, lo strumento della fondazione risulta obbligato per migliorare la collaborazione fra Stato e governi territoriali e per trovare le risorse aggiuntive, cos da rafforzare le singole realt museali. E qui bisogna, dire con molta chiarezza che non si capisce proprio, e vorrei che Urbani lo spiegasse se ne capace, per quale mai ragione la prima delle due finalit dovrebbe esser realizzata grazie alla magica creazione delle fondazioni. La storia passata e recente del Ministero per i Beni Culturali segnata da idee centralistiche immarcescibili, con
precise inadempienze nei confronti delle leggi sul decentramento, e la demolizione (e questa appartiene al Governo attuale) degli organismi rappresentativi al cui interno si doveva svolgere, in mancanza d deleghe e/o trasferimenti di poteri, almeno il dialogo con le istituzioni territoriali. Va anche detto che alle fondazioni sembra credere anche il Presidente della Regione Toscana Martini, quando, come recentissimamente in una lettera al Sole-24 Ore della scorsa domenica, le menziona fra le soluzioni del problema rapporto Stato-Regioni tali da coinvolgere quest'ultime. E qui passiamo alla seconda finalit: ci vuole una buona dose di ingenuit e di ignoranza delle condizioni reali nelle quali i musei, in tutto il mondo, affrontano le difficolt di finanziamento, per credere che sia uno strumento a fornire soluzioni ad una questione che richiede preliminarmente una cosa sola: un impegno politico a che nel nostro Paese i beni culturali trovino infine l'attenzione e l'impegno che loro compete. Attendiamo ulteriori specificazioni sui modi di realizzazione delle fondazioni per i grandi musei, sulla quota parte che resterebbe allo Stato, eccetera; e lamentiamo che un Ministro getti irresponsabilmente un sasso del genere nello stagno senza dire qualcosa di pi concreto sui suoi intendimenti (evidentemente non in condizioni di farlo). Ma pensare che i privati vorranno farsi carico dei costi senza che la loro presenza provochi un profondo snaturamento dell'identit storico-culturale del museo, un'illusione. In ogni caso, questa ulteriore e definitiva separazione dei grandi musei dal contesto entro il quale sono nati e si sono sviluppati (a Firenze, non esiste un'identit Uffizi diversa da quella di Pitti e della Galleria dell'Accademia e dagli altri musei cittadini fra i quali si distribuita l'eredit medicea ed "ulteriori accessioni") assesta un colpo definitivo e irreparabile a secoli e secoli di gloriosa tradizione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news