LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riapre Palazzo Madama la doppia faccia di Torino
Alberto Papuzzi
LA STAMPA, 23-NOV-2006





Dal 16 dicembre. Dopo quasi 20 anni rinasce il Museo Civico d'Arte Antica.
Il restauro e la riapertura di Palazzo Madama, dopo quasi vent'anni di chiusura, saranno presentati oggi in una conferenza stampa a Roma e saranno inaugurati il prossimo 16 dicembre. Decisivo stato il contributo della Fondazione Crt, principale finanziatore privato del progetto, con un investimento pari a 12 milioni di euro.

La riapertura al pubblico di Palazzo Madama ha il significato di rimettere a disposizione dei visitatori, e in particolare dei torinesi, una straordinaria collezione storica e artistica costruita a Torino a partire dal 1860, arricchita nel corso del tempo con donazioni ma anche con acquisti, perch la citt non ha mai smesso di comprare. Cos il direttore Enrica Pagella fotografa il significato del ritorno all'attivit, a partire dal 16 dicembre (l'annuncio oggi a Roma), del Museo Civico d'Arte Antica di Palazzo Madama, dopo anni di complessi restauri, e dopo la riapertura temporanea di tre settimane nel dicembre dell'anno scorso, che registr oltre 170 mila visitatori. Ora presenta 35 sale rimesse a nuovo, che raccontano Torino, dal lapidario medievale alla Torre dei Tesori.
Collocato nel cuore della citt storica, quella piazza Castello che deve il nome proprio alla presenza dell'edificio, Palazzo Madama l'altro grande simbolo architettonico dopo la Mole. Nella sua struttura si rispecchia un'ambivalenza che appartiene naturalmente alla storia della citt, ma anche un'immagine dell'identit torinese: da un lato infatti ci si trova di fronte agli aspri contrafforti di una rocca, di un forte - a memoria di quando, in epoca romana, le odierne mura costituivano una delle porte di accesso di Augusta Taurinorum; ma, dalla parte opposta, il palazzo svela, innanzi tutto nello scenografico ingresso, la grazia juvarriana del riadattamento barocco, il cui fine era di dare un volto regale alle residenze dei sovrani di dinastia sabauda.
Caricato degli apporti di una storia secolare - in cui fatidica la data del 1637, quando Maria Cristina di Francia, reggente di Carlo Emanuele II di Savoia, elegge il castello a sua residenza, dettandone di fatto il nome fra il popolo - l'edificio viene riscoperto dopo l'Unit d'Italia, come nobile sede museale, ancora una volta in due direzioni. In primo luogo, per le neonate arti applicate, le cosiddette arti decorative, base colta dello sviluppo industriale, sull'esempio di quanto accadeva in capitali europee come Vienna, Londra, Monaco, Amburgo. In secondo luogo, per conservare quelle che allora si chiamavano memorie patrie, a partire dai reperti romani di scavo che emersero dalla costruzione della pionieristica linea ferroviaria che univa Torino a Milano.
All'origine, dunque, il museo civico aveva scopi fondamentalmente educativi, nella scia della costruzione d'una identit patria - spiega Enrica Pagella -. Ma come accadde per lo Sforzesco a Milano o per il Bargello a Firenze, ben presto il museo divenne un collettore per raccolte molto diversificate, che ricevono l'impronta dai grandi collezionisti. Il primo rilevante apporto la collezione di ceramiche e vetri di Emanuele d'Azeglio fra il 1870 e il 1890. Quindi agli inizi de] Novecento arriva la prima grande collezione di pittura: la famiglia del senatore Leone Fontana fa dono d'una raccolta dei primitivi piemontesi. Oggi le collezioni ammontano a oltre trentamila pezzi, fra dipinti, sculture, codici miniati, ori e argenti, dal Medioevo al Barocco.
Che cosa avvenuto dal 1988, quando il palazzo stato chiuso? L'edificio doveva assolutamente essere rimesso a norma, con un intervento che fra una cosa e l'altra durato sette anni - risponde il direttore -. Dopodich, nel 1997, stato deciso un grande progetto di restauro complessivo, che comprendeva scale, marmi, intonaci, stucchi e il riordino delle collezioni Si sono fatte indagini diagnostiche, si sono ripresi
gli scavi ottocenteschi, si dotata la struttura di moderni servizi, da caffetteria e bookshop alle aule didattiche. Il problema di fondo stato quello, tipico di tutti i musei allestiti in edifici storici, di annodare i fili di esigenze diverse: valorizzare la bellezza dell'edificio, soddisfare le necessit espositive.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news