LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Germania restituir opere d'arte agli ebrei
Paolo Soldini
Il Riformista, 23-NOV-2006



I principi sono riappacificazione e praticabilit. caccia al tesoro nei musei tedeschi per trovare il bottino sequestrato dai nazisti, ora disseminato sul territorio

■ Lo stato tedesco restituisce agli ebrei le opere d'arte che furono sequestrate dai nazisti. All'inizio della settimana, con una riunione presieduta dal sottosegretario alla Cultura Bernd Neumann (Cdu) alla Cancelleria, cominciato il lungo iter amministrativo che in qualche anno (nessuno in grado di prevedere quanti) riporter nelle mani degli ebrei derubati, o nella grande maggioranza dei casi dei loro eredi, quadri, sculture, libri e altri oggetti d'arte che ora sono sparsi in una quantit di musei, gallerie e altre istituzioni culturali
Non si tratter di un lavoro semplice. Nella riunione alla cancelleria, cui erano invitati i direttori di tutti i pi importanti musei tedeschi e il ministro delle Finanze, si fatto poco pi che stabilire il principio della restituzione sulla base dell'impegno assunto dal governo federale con la dichiarazione di Washington del 1998, la quale pose fine a una vertenza di principio che si trascinava dall'immediato dopoguerra. Governo di Berlino e istituzioni museali si sono accordate sul criterio secondo il quale le pratiche delle restituzioni dovranno essere facilitate tenendo conto del loro effetto di pacificazione e della loro praticabilit. L'uno e l'altra andranno verificati caso per caso. Resta controversa, invece, l'opportunit o meno di stabilire dei limiti di tempo entro i quali esaurire le pratiche. Si tratta di formulazioni abbastanza restrittive che si prevede possano provocare qualche malumore nella comunit ebraica tedesca, in quelle di altri paesi (compresa l'Italia) che furono assoggettati all'occupazione nazista e, soprattutto, di quella americana, composta da moltissimi eredi di ebrei europei spoliati dei loro beni tra il 1937 e il 1945 e particolarmente propensa ad usare il sistema delle class-actions per far valere i propri diritti. Anche la Jewish Claims Confrence, l'organizzazione internazionale che si occupa delle restituzioni, potrebbe avere pi di una perplessit.
Comunque sia, i tedeschi, per ora, vanno avanti come stabilito. La prima cosa da fare l'organizzazione di una gigantesca caccia al tesoro nei musei pubblici della Germania. Da quanto emerso dalle prime ricerche, il grosso della opere rubate agli ebrei si troverebbe nelle gallerie della fondazione culturale prussiana, la Stiftung Preufiischer Kidturbesitz che gestisce tra l'altro i grandi musei di Berlino, delle Staatliche Kunst-sammlungen di Dresda e in una serie di gallerie nei vari Lander. La mossa successiva dovrebbe consistere nella creazione di un apposito fondo, controllato dallo stato federale e dai Lander, nel quale confluirebbero provvisoriamente tutte le opere "sospette" o rivendicate trovate nei diversi musei (i quali sono stati caldamente invitati a metter su una efficiente rete di consultazione). Per avere un'idea delle difficolt in cui l'iter amministrativo potrebbe cacciarsi basta guardare ad alcuni processi che, su singoli casi, gi sono stati celebrati in passato e anche alle incredibili complicazioni che hanno accompagnato le restituzioni, o i tentativi di restituzione, avvenute nell'est della Germania dopo l'unificazione tedesca. In quel caso non si trattava tanto di opere d'arte quanto piuttosto di beni immobiliari Nel caso degli edifici di un intero quartiere del centro di Lipsia, ad esempio, ci si trov di fronte a una serie di doppie rivendicazioni. Gli edifici (all'epoca di grandissimo pregio) erano stati confiscati ai proprietari ebrei alla fine degli anni '30 e poi venduti dallo stato a privati "ariani". Dopo la guerra, gli occupanti sovietici li avevano a loro volta confiscati e consegnati alle autorit della appena costituita Rdt, che ne aveva fatto case popolari. Dopo l'unificazione, come in tutta la Germania, part una raffica di richieste di restituzione da parte dei proprietari "legittimi", ma i tribunali si trovarono a decidere anche sulle sacrosante richieste avanzate dagli eredi della famiglie ebree espropriate a suo tempo. E poich gran parte di loro si trovava a Chicago e in altre citt Usa ne scatur un groviglio giudiziario del quale nessuno riuscito ancora a trovare il bandolo.
In ogni caso, come gi stato fatto per i risarcimenti del lavoro coatto cui furono obbligati ebrei e prigionieri di guerra, lo stato tedesco si sta muovendo e cerca di farlo, nonostante tutte le difficolt, secondo criteri di giustizia. In un modo ben diverso da quello sperimentato da alcuni vecchi ebrei italiani vittime delle discriminazioni fasciste, i quali si sono sentiti chiedere da burocrati ottusi addirittura la restituzione delle provvidenze ottenute in passato a parzialissimo compenso delle sofferenze che lo stato italiano inflisse loro.
rca di farlo, nonostante tutte le difficolt, secondo criteri di giustizia. In un modo ben diverso da quello sperimentato da alcuni vecchi ebrei italiani vittime delle discriminazioni fasciste, i quali si sono sentiti chiedere da burocrati ottusi addirittura la restituzione delle provvidenze ottenute in passato a parzialissimo compenso delle sofferenze che lo stato italiano inflisse loro.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news