LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Et e genio, cos si calcola il prezzo dell'arte
David Leonhardt
la Repubblica, 21/11/2006

II professore ha cercato di spiegare i meccanismi del boom delle aste: il segreto l'innovazione degli artisti agli esordi e la perfezione raggiunta dai vecchi

L'asta che si tenuta da Christie's a New York l'8 novembre ha raccolto 491 milioni di dollari, record che ha infranto quello di Sotheby's nel l990 con 435 milioni. Le ragioni alla base del nuovo boom non sono un mistero: nel corso degli ultimi dieci anni i ricchi se la sono cavata bene; di questa schiera fanno parte i gestori di fondi d'investimento come Steven A. Cohen, che spendono molti dei loro soldi nel mercato dell'arte, nel quale sono entrati anche nuovi miliardari cinesi, indiani e soprattutto russi. Il mistero di questa mania contemporanea, se c', consiste nel capire che cosa concorra ad attribuire a un pezzo artistico un valore di 30 milioni di dollari invece di uno solo. Una definizione precisa di capolavoro artistico non la sanno dare neanche coloro che si guadagnano da vivere vendendo arte. Anzi, sono felici di non averne: questo a rendere magico il mercato dell'arte, sostiene il capobattitore di Sotheby's, Tobias Meyer.
Ma negli ultimi 5 anni un appassionato d'arte, modesto collezionista e docente di Economia all'universit di Chicago, David W. Galenson ha provato a cambiare lo status quo mettendo a punto una specie di teoria unificatrice dell'arte che, bench non gli sia valsa il sostegno di molti estimatori, utile per spiegare il valore relativo dei pi bei quadri al mondo. Anche chi non sa nulla d'arte, con l'aiuto di Galenson pu capire perch la tela "Orange Marilyn" di Warhol all'asta di Christie's del 15 novembre si potesse aggiudicare a una cifra superiore a quella di "Mao".
La teoria di Galeson prende spunto dall'incontro 10 anni fa con una commerciante d'arte che gli disse che l'et di un artista non determina il prezzo delle sue opere. Tutta la vita ho studiato che esiste un rapporto tra et e produttivit e lei mi ha detto che tale nesso non aveva importanza, mi ha poi detto il professore. Galeson ha cos iniziato a raccogliere tutti i dati disponibili sui prezzi di vendita delle opere di Warhol, Pollock e altri artisti americani e ha riscontrato l'esistenza di uno schema ben preciso: la maggior parte di questi artisti ha prodotto le sue opere di maggior valore o agli esordi della carriera artistica, come Warhol, oppure proprio al termine, come Pollock. Quando poi ha esteso ai pittori europei gli stessi metodi, ha scoperto che lo schema si ripeteva immutato. Non solo: i due gruppi
di artisti tendevano a rapportarsi all'arte e a parlarne in modalit nettamente diverse. I geni giovanili, come Gauguin, Picasso e Van Gogh, sono stati innovatori concettuali e i loro dipinti hanno costituito una netta rottura con il passato. Gauguin disse a un amico: Non sudare mai su un dipinto: un grande sentimento pu essere reso con immediatezza. Gli artisti sbocciati in tarda et, invece, sono arrivati alle loro innovazioni per gradi, sperimentando e sbagliando, e hanno dato il meglio di s solo quasi al termine della vita. Hanno spesso dipinto pi volte un medesimo soggetto, sperimentando sulla tela, riluttanti a definirla ultimata.
Galenson ha applicato la sua teoria anche a romanzieri, poeti e altri artisti, sostenendo che le persone pi creative lo sono o all'inizio o al termine della vita. Questo ha attirato l'attenzione sul professore Galenson e sul suo libro Old Masters and Young Geniuses (Vecchi maestri e giovani geni) che ha pubblicato di recente. Ovviamente, molti ritengono Galenson un pazzoide strampalato, che ha preso in considerazione la meno scientifica delle attivit umane e ha cercato d'inquadrarla in un sistema. E certo la sua teoria non pu spiegare tutta la storia dell'arte che prevede qualche eccezione, come "Guernica" che Picasso dipinse a 55 anni, molto dopo le sue opere migliori. Ma se si guarda ai prezzi delle aste o si entra nei pi importanti musei al mondo, non si pu fare a meno di notare che Galenson ha colto un dato di fatto. Mi sembra che le critiche mosse alla sua "teoria della creativit" siano dovute al fatto che essa ci rivela qualcosa che non desideriamo conoscere: ci piace credere che le opinioni umane siano troppo complesse, sfumate e magiche per essere rinchiuse in qualcosa di "clinico" come una statistica. I tradizionalisti di diversi settori dall'arte allo sport si dicono scettici nei confronti delle statistiche sostenendo che la loro attivit fatta tanto di arte quanto di scienza: definizione di certo buona, ma quando vi capiter di sentirla, ripensate alla ricerca di Galenson: anche nell'arte c' un po' di scienza.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news