LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rutelli, il principe del Consiglio superiore dei beni culturali
Stefano Sansonetti
Italia Oggi 18/11/2006

Lo hanno chiamato il consiglio del principe. Di pi: cassa di risonanza dei voleri del ministro o di qualche consigliere. Sta di fatto che nel tentativo di riformare il Consiglio superiore per i beni culturali, organo tecnico-consultivo del suo ministero, Francesco Rutelli sta puntando a farsi una squadra tutta sua. In barba all'indipendenza che l'organismo dovrebbe avere, considerando che mette bocca su tutta la gestione della politica dei beni culturali. Indipendenza che adesso viene rivendicata a gran voce dal servizio studi della camera dei deputati e dal Consiglio di stato. Il servizio studi della camera, in un rapporto depositato proprio ieri, ha messo nel mirino uno schema di regolamento con cui il ministro vorrebbe modificare la composizione e i meccanismi di nomina non soltanto del Consiglio superiore per i beni culturali, a capo del quale di recente stato nominato il rettore della Scuola normale di Pisa, Salvatore Settis, ma anche dei sei comitati tecnico-scientifici del dicastero. Lo schema del provvedimento, che ha l'ambizione di correggere quanto stabilito dal regolamento attualmente in vigore (dpr 173/2004), innanzitutto riduce da 17 a 16 il numero dei componenti dell'organo.
In un governo che ha fatto del rigore e dei risparmi una delle sue bandiere, non fa una piega. Quello che cambia, per, il peso delle nomine fatte dal ministro, cio da Rutelli, all'interno dell'organo medesimo. La normativa attuale, infatti, prevede che il titolare del dicastero nomini 8 personalit del mondo della cultura. A queste si aggiungono 3 rappresentanti del personale del ministero, che integrano la composizione del Consiglio in caso di parere su programmi nazionali e piani di spesa, e i 6 presidenti dei comitati tecnico-scientifici. Con il regolamento che Rutelli vorrebbe portare a casa, per, anche i 6 presidenti dei comitati, che vengono eletti dai loro stessi componenti e che fanno automaticamente parte del Consiglio, sono nominati dal ministro. Conclusione: con le norme attuali, su 17 componenti 8 sono individuati dal titolare del dicastero; se passa il regolamento sui 16 membri ben 14 saranno scelti dal vicepremier. Si tratta di uno sbilanciamento a dir poco vistoso rispetto alla configurazione precedente. E il servizio studi, in attesa che lo schema di regolamento perfezioni il suo iter, lo mette chiaramente in evidenza. A tal fine si citano anche tutte le censure che, sullo stesso punto, sono piovute sul provvedimento dal Consiglio di stato, che ha gi preso in esame le carte, e dai sindacati. I giudici di palazzo Spada, nel parere che il servizio studi ha allegato al suo rapporto, dicono che l'abolizione della procedura di elezione del presidente e del vicepresidente dei comitati, cos come prevista adesso, non appare pi coerente con l'indipendenza che un organo come il Consiglio superiore dovrebbe avere. Sulla stessa lunghezza d'onda si pongono i commenti dei sindacati. Per Cgil e Cisl, le novit inseguite da Rutelli in tema di meccanismi di nomina non fanno altro che trasformare l'organo in un Consiglio del principe. O, se si preferisce, proseguono le sigle in un altro allegato al rapporto del servizio studi della camera, in una cassa di risonanza dei voleri del ministro e/o di qualche consigliere. Non meno dura, e allo stesso tempo ironica, la Uil pubblica amministrazione. L'organizzazione fa notare che con le nuove norme il ministro verrebbe a controllare il 95% del Consiglio superiore. Se ci verr confermato, manda a dire la Uil a Rutelli, Lei passer alla storia come il ministro che ha trasformato organismi di alta consulenza tecnico-scientifica, in una sorta di riserva e questo va a danno dell'azione del ministero. E dello stesso ministro.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news