LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sovana. Sotto la chiesa una pentola di monete d'oro
Elisabetta Giorgi
Il Tirreno, 13 novembre 2006

Gli esemplari, raffiguranti gli imperatori d'Oriente e Occidente, nascosti in pieno centro storico, dentro un coccio frantumato

Sovana, il tesoro (498 pezzi di epoca romana) emerso durante un restauro

Gli elf le nascondevano ai piedi degli arcobaleni. I troll e i leprecani (personaggi che popolavano le favole norvegesi e irlandesi) all'interno degli alberi. Gli antichi abitanti di Sovana, invece, le pignatte piene d'oro le seppellivano sotto il terreno, i pavimenti o vicino agli stabilimenti termali. Sembra uscita da una fiaba, l'eccezionale scoperta avvenuta a Sovana, dove - durante il restauro dell'antica e sconsacrata chiesa di San Mamiliano, nella piazza centrale del borgo - stato trovato un tesoro di straordinario valore, custodito da 1600 anni in un coccio di terracotta frantumato. una pignatta piena di monete d'oro zecchino risalente alle invasioni barbariche: 498 esemplari con i volti degli imperatori d'Oriente e Occidente.

Romolo Augustolo, Teodora, Onorio. H tesoro, di valore eccezionale, stato ritrovato pochi mesi fa, ma la notizia trapelata solo ora. Una scoperta capitata per caso durante le operazioni di restauro dell'edificio, presente un'equipe della Soprintendenza ai beni archeologici che supervisionava lo scavo. Il tesoro ora custodito a Firenze presso la Soprintendenza stessa, ma il Comune di Sorano sta valutando la possibilit di recuperarne almeno una parte e custodirlo a Sovana nel costruendo museo.

Zona ricchissima. Sovana, frazione di Sorano, considerata un centro etrusco e romano di grande rilievo. Nelle vicinanze conserva una necropoli rupestre tardo-etrusca dai caratteri monumentali. Dalla fine dell'Ottocento stata oggetto di varie campagne di scavo per individuare i resti etrusco-romani, mentre di recente sono stati portati avanti, su impulso delle universit di Milano e Venezia, vari scavi "stratigrafici" in area urbana per ricostruire le fasi prqtostoriche ed etnische del territorio.

Dove. La scoperta si colloca invece in pieno centro storico, sulla via d'accesso alla centralissima piazza del Pretorio e in corrispondenza della chiesa di San Mamiliano, la chiesa pi antica del borgo. Privo di copertura e tuttora in fase di restauro dal Comune di Sorano (lavori che proseguono da qualche anno), il monumento presenta elementi scultorei e architettonici interessanti, anche d'et preromanica. Ma nelle fondamenta che, tra uno strato e l'altro, si gioca una fetta consistente del suo passato. Sotto la chiesa - dice Alberto Cerreti, vi-cesindaco di Sorano - abbiamo trovato varie tracce di sepolture rinascimentali. E sotto queste sepolture, nella parte romana dove pare ci fosse addirittura un istituto termale, stato trovato, seminascosto, il coccio dei tesori.

Il tesoro. Di quel coccio di terracotta rimasto solo il fondo, e in quel fondo un gran cumulo di monete in ottime condizioni, custodite come nella pentola di Euclione (il personaggio plautino dell'Aulularia) o nei recipienti delle antiche favole nordiche. Una gran pioggia di "solidi" (moneta introdotta da Co-stantino I nel 309/310 e usata in tutto l'impero bizantino fino al X secolo) non grossi, ma della consistenza di piccole medaglie. Ne sono state trovati 498, del peso complessivo 2 chili e 200 grammi. Ogni moneta ha 2 centimetri di diametro. Un tesoro databile tra il 420 DC e il 550 DC. e di conio bizantino, proveniente da Salonicco, Ravenna, Milano, Arles. Le monete sono tutte (a parte forse qualche caso) nuove di zecca. Portate a Firenze, non c' stato bisogno nemmeno di restauro, ma solo di una ripulita che le ha riportate allo splendore di un tempo.

Le immagini. A parte la quantit, la scoperta eccezionale poich registra un momento storico decisivo. Le monete rappresentano una serie di imperatori a cavallo dei due imperi romani d'occidente e d'oriente. Tra gli altri il volto dell'imperatrice Teodora, una delle pi controverse della storia di Bisanzio. Moglie di Giustiniano e descritta a pi riprese dallo storico Procopio di Cesarea, fu donna astuta e di carattere, protagonista dei mosaici ravennati. In un'altra moneta l'effigie di Romolo Augustolo, imperatore fantoccio e ultimo sovrano dell'impero romano d'Occidente. Tra gli altri c' il volto di Onorio, anche lui imperatore romano d'Occidente (393-423) e figlio secondogenito di Teodosio. Nei 130 anni circa (ma la datazione in corso di studio) in cui si collocano le monete, avvengono trasformazioni epocali. Le invasioni barbariche, i primi segni di crisi e dissoluzione del potere di Roma, il sacco da parte dei Visigoti di Alarico e la deposizione di Romolo Augustolo, di cui la moneta di Sovana fotografa e intercetta il breve potere (475-476). probabile - dice Cerreti - che proprio al tempo delle invasioni barbariche qualche abitante tesaurizz ci che aveva. Si prepar il suo pentolino d'oro. Si mise da parte le monete per prepararsi al peggio, e, magari per dimenticanza o morte, non lo riprese pi.




news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news