LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le parole della Costituzione: Cultura e patrimonio artistico.
Paola Porcelli
22/10/2006, La Gazzetta del Mezzogiorno

Ieri a Bari si chiuso il ciclo delle Parole costituzionali

Una democrazia di sana e robusta Costituzione




un viaggio che prosegue nelle coscienze quello verso Le parole della Costituzione, il progetto promosso dagli Editori Laterza e coordinato dalla costituzionalista Carmela De Caro che, partito nel maggio scorso, ha visto concludere il suo primo ciclo di programmazione ieri mattina nel Piccinni di Bari.

Lo stesso teatro comunale che nel gennaio 1944 ospit il primo congresso dei Comitati di Liberazione Nazionale (lo ha ricordato Alessandro Laterza), ieri era affollato da oltre quattrocento studenti superiori di Bari e provincia che, insieme a studiosi, pubblici amministratori, politici e gente comune hanno assistito a due autentiche lezioni magistrali.
Quella di Salvatore Settis, presidente del Consiglio superiore del ministero dei Beni Culturali e direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa su Cultura e patrimonio artistico, e quella del presidente emerito della Corte Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky su Democrazia e immagine della persona. I due hanno attraversato, in un itinerario assolutamente esclusivo, secoli di storia del concetto di bene culturale e di democrazia. Un appuntamento cui hanno contribuito, come partner della casa editrice barese, l'assessorato alle Culture del Comune di Bari, la Fondazione lirico-sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, la Direzione regionale per i Beni culturali e l'Ufficio scolastico regionale della Puglia, nonch Banca Intesa. Presenti Alessandro, Giuseppe e Maria Laterza, affiancati dalla De Caro, capo Dipartimento del ministero per le Politiche Europee, dai due relatori e dall'assessore comunale Nicola Laforgia. Con questo ciclo d'incontri abbiamo voluto introdurre i giovani alla conoscenza della nostra Costituzione attraverso autorevoli testimonianze che vengono incontro a quella che ci auguriamo sia una domanda crescente , ha spiegato Alessandro Laterza introducendo i lavori. Lavori che grazie allo spessore dei relatori promuovono una riflessione profonda e di grande attualit lungo il filo rosso che lega i temi della cultura a quelli della democrazia, ha aggiunto Laforgia. L'idea di fondo stata quella di riparare ad un errore commesso in passato dalla mia generazione, la stessa che ha avuto in premio dai propri padri la Costituzione: non aver intrattenuto con i giovani un dialogo sulla Costituzione di cui avevamo invece la responsabilit - ha spiegato la De Caro -. Cos mi sono sentita in dovere di difenderla e di presentare questo viaggio - ha continuato -, dove non si arriva, si va. Un viaggio che la Carta permette a ciascuno di noi di fare per sviluppare le nostre personalit. Un viaggio attraverso il patrimonio culturale della Nazione, la Repubblica e le eredit che legano generazioni - ha concluso la De Caro -: concetti che fanno dimenticare l'"io" e portano al piacere del "noi" nella prospettiva futura dello straordinario dialogo possibile tra costituzioni nazionali e quella europea per una Costituzione che, ha detto citando David Grossman, sia la narrazione di tutti noi. Salvatore Settis, da archeologo e storico dell'arte, ha riletto l'articolo nove dei principi fondamentali della Costituzione, articolo-paradigma per altre Costituzioni, prima tra tutte quella maltese del 1974 sino a quella cubana del 1992, soffermandosi sui quei concetti di tutela del paesaggio e del patrimonio che hanno senso in quanto promuovono lo studio e la ricerca scientifica e tecnica. Lo stato costituzionale conquista culturale caratterizzante la formazione dell'identit e della tradizione italiana, ha spiegato Settis citando ad esempio un editto del 1755 in cui Carlo VII, re di Napoli, esprimeva gi rammarico per le eccessive estrazioni di antichit che dal Regno prendevano la strada delle grandi capitali europee. Lo studioso ha poi proseguito la carrellata sulla evoluzione della percezione di bene culturale sino ai nostri giorni, citando l'attuale indebolimento della tutela e della pianificazione paesaggistica non pi affidata al giudizio tecnico delle Soprintendenze e annunciando in anteprima l'assegnazione alla Citt di Bari, per l'abbattimento di Punta Perotti, del premio contro il degrado del patrimonio artistico intitolato a Federico Zeri. A Zagrebelsky il compito di approfondire come la democrazia presupponga una particolare visione dell'essere umano e utilizzi delle "molle" etiche che fanno nascere questo tipo di governo e di descrivere i presupposti antropologici che la sorreggono. Perch la democrazia - ha spiegato il costituzionalista, citando l'esperienza di Atene, alcuni scritti di Montesquieu e Rousseau - un regime per molti versi innaturale che nella storia ha preso forme molto diverse da quella vigente in Italia. regime della convivenza, che richiede si abbia fede nella collettivit, cura delle persone e delle loro inclinazioni contro le omologazioni, dialogo, possiede il dubbio critico ed nemica delle decisioni irrimediabili. Maria

22/10/2006
Le lezioni di Settis su cultura e patrimonio artistico e di Zagrebelsky a proposito di immagine della persona. Viaggio nelle coscienze promosso dagli editori Laterza










news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news