LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tesori dell'umanit. Le Langhe del vino a caccia di una corona
Nico Orengo
La Stampa 21/10/2006

L'Italia un museo a cielo aperto. O se preferite un museo diffuso. Suo il sei per cento del patrimonio culturale mondiale. Quando c' un monumento, un insediamento, un sito che abbiano un valore storico mondiale, in pericolo o in via di diventarlo, si chiama l'Unesco. E' quello che devono aver fatto ad Alba, fra piazza Duomo e piazza Savona, fra il caff Calissano e il mitico Savona, perch da ieri sono state avviate le pratiche per affidare le Langhe alla tutela dell'Unesco e farle diventare patrimonio dell'Umanit. Come Portovenere, le Cinque Terre, i Sassi di Matera, il parco nazionale del Cilento, la laguna di Venezia o la Costiera Amalfitana. Le Langhe morbide, le colline dolci, le ondate di vigna che sembrano far galleggiare il lontano e maestoso Monviso, il grande Re di Pietra. Le Langhe di Tre Stelle, Barbaresco, Barolo, La Morra, di Neive, paesi dai nomi luminosi, forti e morbidi come quei vini famosi nel mondo, da Tokyo a Los Angeles, da Berlino a Londra: nebbiolo, barbaresco, barolo, barbera, dolcetto, arneis e roero.
Fame e fatica
Un territorio baciato dalla fortuna, oggi. Ma che prima di quell'oggi ha conosciuto la fame, la malora, la terra dura e la vigna stanca, la vita agra delle pagine fenogliane, l'orizzonte stretto dei paesi di Pavese, le mattane malinconiche degli eroi di Arpino. Era un paesaggio arcano, lento, fatto di cascina e stalla e qualche botte in cantina e tanta tenacia, estrosit, anche supponenza, dei suoi langhetti, incapaci a darsi buone strade per arrivare a Cuneo o a Torino o a Milano, ma senza imbarazzi ad attraversare gli Oceani. Ma intanto cera stato il boom degli Anni'60, lo spopolamento delle campagne, la chimera delle fabbriche del Nord, lo scandalo dei vini al metanolo di Narzole, l'azzeramento d'immagine del vino del contadino, la cancellazione, nell' immaginario italiano della campagna come luogo di lavoro o di piacere. Bolliti, fritti misti, vitello tonnato, tinche gobbe in carpione si mangiavano in citt, nessun rimpianto per le trattorie con le tovaglie a quadri e il salame fatto in casa e la quagliata fresca, grondante di siero.
La rinascita del vino
Un mondo rimosso a due passi da casa, che continuava la sua vita, altera e un po' sdegnosa verso quell'indifferenza, come se i confini della provincia granda bastassero a contenerne i sogni. Ma quella sferzata del vino al metanolo sembr segnare la rinascita di un luogo per molti versi gelato nella sua bellezza e improvvidenza. Da l ripart la rinascita del vino e delle Langhe, del territorio, come si dice oggi. E a distanza si mettono insieme la gloriosa scuola enologica di Alba, lo Slow food di Carlin Petrini ieri e oggi l'Universit del Gusto di Pollenzo, ma anche il Premio Grinzane e poi i tanti vignaioli famosi, da Gaja a Ratti, da Rinaldi a Conterno, Mascarello, Correggia, i Damonte, i Faccenda, Hilberg-Pasquero, Bologna, Rivetti, Bersano, Ceretto. Gente che cura botti e bottiglie a una a una e ti dice a quanti gradi portarle in tavola e in che dimensione di bicchiere devi bere il loro vino.
Miopia
Cos quella Langa, ma anche Roero e un p0' di Monferrato, ora chiede di mettersi sotto l'ombrello dell'Unesco. E lo fa anche con una certa miopia, quella che ha usato con il proprio paesaggio, con la propria terra. In modo sconsiderato ha ferito la bellezza di quel nobile territorio. Ora, si sa che per una legge non scritta il contadino sulla terra propria toglie e aggiunge; tira gi boschi e alza garages e muri in cemento, sega pagliai e ne fa una villetta. Ma a questa opera di sfregio hanno di certo contribuito le Amministrazioni locali, assetate di Ici, che han lasciato costruire officine e capannoni sui fondovalle, senza nessun rispetto per nessuna delle cittadine che sono le perle di quei territori. Case del mobile, del fai da te, del giocattolo, del sof, dell'abito da sposa, del tagliaerba, a far da barriera anche alle colline o a quei turisti che credono di entrare in un museo a cielo aperto.
Il peggio
Certo sono tutte attivit che in qualche modo sono correlate all'idea di produzione del territorio, ma nelle Langhe venute sua disordine, senza una visione dell'insieme, una cura paesaggistica che vuoi poi dire anche attrattiva turistica. Ci si allontana da citt-periferie non per trovare altre periferie cittadine. Chi avanza una candidatura cos importante, prestigiosa, dovrebbe saperlo. O forse, a questo punto lo fa perch teme il peggio.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news