LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sull'esproprio Per il teatro Petruzzelli ora vanno riletti gli accordi di un secolo fa
Federico Pirro *
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, 17-OTT-2006



La parola esproprio, a proposito del Petruzzelli, non forse la pi adatta per indicare possibili sviluppi di una vicenda che si trascina da una notte di ottobre di quindici anni fa; se poi vi si accosta il termine proletario, la si carica di una conflittualit che sa tanto di lotta di classe, senza per trascurare che nel corso dei millenni sono stati proprio i meno abbienti a subire espropri di ogni genere. Ad ogni modo, se di esproprio si vuole parlare, non deve trascurarsi alcun aspetto di tale annosa questione e rifarsi a ci che documentabile, quindi non soggetto a comode interpretazioni di nessuna delle parti in gioco.
La buona borghesia che oltre un secolo fa decise di investire parte delle proprie risorse perch Bari avesse un teatro degno di tal nome, ottenne dal Comune di godere del diritto di superficie l dove poi il teatro fu fatto sorgere; i virtuosi amministratori di quel tempo seppero tutelare gli interessi della cosa pubblica facendo sottoscrivere ai proprietari clausole ben precise. Due in particolare meritano di essere ricordate: il manufatto avrebbe dovuto ospitare solo iniziative di natura artistica; la seconda sembrava preconizzare quanto purtroppo avvenuto e cio che in caso di danni da incendio, i proprietari si impegnavano ad avviare entro un anno le opere di ricostruzione da completare entro tre anni dall'avvio.
La prima delle due clausole aveva il chiaro scopo di evitare speculazioni; la seconda di assicurare a Bari la presenza di un teatro di livello anche nel malaugurato caso di una distruzione, accidentale, colposa o dolosa che fosse. E venir meno anche di una sola di queste due clausole avrebbe dovuto comportare la decadenza del diritto di superficie con relativa confisca del manufatto. Superfluo ricordare i tanti locali dati in fitto ad attivit che non hanno molto a che fare con la musica e l'arte in genere (perfino un garage stato fatto intrufolare tra quei muri!); cos come i privati non hanno ottemperato all'obbligo di provvedere alla ricostruzione nei termini fissati.
Tali clausole erano ben note sia agli amministratori che ai proprietari quando quella maledetta notte tutto and in fiamme; lo stesso sindaco Enrico Dalfino non escludeva il ricorso al rispetto del contratto, ma prefer avviare una trattativa che non esasperasse i rapporti a tutto danno della citt; ma evidentemente tale disponibilit non ha prodotto i risultati auspicati, cos anche negli anni successivi. Al contrario si giunti alla previsione del 2002 ai pi apparsa non proprio equilibrata e rispettosa in eguale misura delle aspettative delle parti, i proprietari ed i circa 400mila cittadini baresi.
Naturalmente ora, per esorcizzare l'esproprio, sembrerebbe pi utile rifarsi al 2002 e dimenticare le clausole che, seriamente applicate, avrebbero da tempo cancellato proprietari e relative pretese. C' anzi da chiedersi perch non andare a rileggere gli accordi sottoscritti un secolo fa e da l avviare una seria discussione a tutela dei diritti di ciascuno. E' proprio assurdo ipotizzare che un qualunque cittadino, poich contribuente, potrebbe citare chi dovesse assumersi la responsabilit di riconoscere risarcimenti non spettanti, cosi male amministrando il bene comune? Insomma ce n' e tanto per accettare l'avvio di una seria trattativa, da non snobbare irrigidendosi sulle proprie posizioni peraltro discutibili, come d'altro canto non si irrigidita l'Amministrazione comunale che sin da quando le fiamme non erano ancora del tutto spente manifest - e ancora oggi l'intento d dialogare, non escludendo che anche sul fronte opposto vi possano essere ragioni da non trascurare.
* Consigliere comunale di Bari (Lista Emiliano)



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news