LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Strada in salita per il paesaggio
Bianca Lucia Mazzei
Il Sole 24 Ore, 18 settembre 2006


Pianificazione. Quasi tutti gli strumenti già varati sono da rifare


La nuova stagione della pianificazione paesaggistica stenta a decollare. Fino a oggi, l'unico piano di nuova generazione ad aver tagliato il traguardo è quello relativo alle coste approvato nelle scorse settimane dalla Sardegna. Tutti gli altri strumenti paesaggistici varati dalle Regioni sono infatti precedenti al primo maggio 2004 (data di entrata in vigore del Codice dei beni culturali) e non tengono quindi conto delle importanti novità introdotte dal Dlgs 42/2004.
Si tratta di piani varati negli ultimi quindici anni in base alla legge Galasso (13431/85). L'unica Regione a esserne rimasta priva è la Calabria. La maggior parte di questi strumenti ha però solo una funzione ricognitiva e di aiuto nella gestione dei vincoli dettati dalla Galasso per le aree tutelate per legge. Spesso non riguardavano inoltre l'intero territorio regionale ma solo le aree di rilevante valore paesaggistico.
Il Codice dei beni culturali ha però profondamente modificato la disciplina dei piani, arricchendoli di contenuti e rendendoli strumenti fondamentali per la gestione e lo sviluppo compatibile del territorio. Il Dlgs 42/2006 ha infatti ribaltato l'approccio di fondo: al centro del piano paesaggistico non ci deve esser e il vincolo ma la valorizzazione del territorio a partire dal recupero delle aree e degli immobili degradati. Ed è proprio la riqualificazione delle zone compromesse una delle novità maggiori introdotte dal Codice. Ai piani di nuova generazione il Codice affida quindi il compito di definire le trasformazioni compatibili con i valori paesaggistici, le azioni di recupero e di riqualificazione degli immobili e delle aree compromesse, nonché gli interventi di valorizzazione del paesaggio, anche in relazione alle prospettive di sviluppo sostenibi-le. Dovranno inoltre riguardare l'intero territorio regionale.
Una vera e propria rivoluzione che le Regioni devono recepire entro il primo maggio 2008: solo poche autonomie stanno però lavorando all'aggiornamento dei vecchi piani. «Sia le Regioni che il ministero dei Beni culturali devono fare un salto di qualità — dice Edoardo Zanchini, responsabile territorio di Legambiente — per passare da un'impostazione fondata sulla gestione dei vincoli a un'ottica di pianificazione. La verità è che a nessuno va più di pianificare. Tant'è che questo compito viene sempre più trasferito a valle, ai Comuni e alle Province».
Poco sfruttata è anche la strada dell'intesa con il ministero dei Beni culturali e con quello dell'Ambiente. Il Codice attribuisce ai piani redatti sulla base di questi accordi un potere di intervento più elevato in merito alla riqualificazione delle aree degradate. Ad esempio, per gli interventi volti al recupero di zone gravemente compromesse non è previsto il rilascio dell'autorizzazione paesaggistica.
Finora l'unica Regione che ha firmato quest'intesa con il ministero è il Friuli Venezia Giulia. Accordi di collaborazione parziali esistono con il Veneto, il Lazio e l'Emilia Romagna. La Toscana, rispondendo a una lettera inviata dal Wwf, informa che sono in corso contatti con il ministero dei Beni culturali per «pervenire alla definizione del piano paesaggistico regionale in base a un percorso metodologico comune e condiviso». L'Abruzzo, il 1° giugno scorso, ha aggiudicato la gara per l'affidamento della revisione del piano paesistico. La Puglia invece è alle prese con il problema dei Comuni che non hanno ancora recepito il piano paesistico del 2001.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news