LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soru inventa il demanio sardo sulle coste
Valentina Melis
Il Sole 24 ore 14-09-2006

La ricetta di Renato Soru per tutelare i litorali sardi? Farli acquistare dalla Regione e affidarli alle cure di un'Agenzia regionale per la salvaguardia delle coste, sul modello del Conservatoire du litoral francese o del National Trust inglese. Poco importa se i terreni alle spalle della spiaggia (che rientra nel demanio) possono essere di proprietà dei privati. La Regione può acquistarli, se si trova l'accordo, o espropriarli, nell'ipotesi peggiore (per il proprietario). Con questa proposta il presidente della Sardegna ha concluso una maratona di tre giorni di dibattito, in Consiglio regionale, sul piano paesaggistico appena adottato, che vieta nuove costruzioni sulla costa per una profondità di almeno due chilometri.
Ad acquistare le zone non più edificabili dovrebbe essere la Conservatoria delle coste, istituita un anno fa a Cagliari per gestire le aree ambientali più importanti dell'isola. A finanziare il tutto, dovrebbero essere invece i proventi delle imposte regionali sulle seconde case e sugli scali di yacht e aerei, introdotte dall'amministrazione sarda prima dell'estate. E per sfuggire alle critiche, Soru ha fatto sapere che sarà il primo a mettere a disposizione della Conservatoria le sue proprietà a Scivu, una delle zone più belle della marina di Arbus.

Approfittare del piano paesaggistico regionale appena approvato, che stabilisce il divieto di costruzione lungo il litorale per una profondità di almeno due chilometri, per far acquistare alla Conservatoria delle coste i terreni non più edificabili: un'unica, grande area alle spalle del demanio marittimo costiero (limitato alla spiaggia), da destinare «a usi civici». È la proposta con cui il presidente della Sardegna, Renato Soru, ha concluso in Consiglio regionale l'acceso dibattito (durato tre giorni) sul piano paesaggistico adottato dalla Giunta il 5 settembre (delibera 36/7).
Che non si tratti di un'idea improvvisa, ma di un'intenzione da formalizzare presto in un disegno di legge, sembra confermarlo lo stesso presidente, che ha concluso: «È una proposta su cui il Consiglio può legiferare, e anzi spero che presto possa essere approvata in Giunta».
Ad acquisire i terreni, comprandoli o, nei casi in cui non si raggiungesse l'accordo con i privati, espropriandoli, dovrebbe essere la Conservatoria delle coste della Sardegna, istituita un anno fa nella presidenza della Regione per coordinare la gestione delle aree ambientali dìù imoortanti dell'isola. Nel nuovo ufficio lavorano sei persone, compreso il direttore Giovanni Antonio Carta: «L'obiettivo del progetto — spiega — è arrivare alla gestione integrata tra pubblico e privato delle zone costiere e alla manutenzione programmata delle spiagge, per evitarne l'abbandono. Per il momento stiamo seguendo un progetto sperimentale di questo tipo a Pula, nel Sud dell'isola, con una dotazione finanziaria di un milione di euro».
Nei disegni della Giunta Soru, la Conservatoria dovrebbe presto trasformarsi in un'Agenzia per la salvaguardia delle coste, sul modello del «Conservatoire du littoral» francese, ente pubblico creato nel 1975, o del «National Trust» inglese, ente privato senza scopo di lucro fondato a Londra nel 1895. «Il Conservatoire du littoral — spiega Stefano Deliperi, presidente del Gruppo di intervento giuridico e firmatario di una proposta di legge regionale che sembra aver ispirato Soru — ha assicurato in Francia la protezione di 75mila ettari di litorale e rive lacustri. Sarebbe utile replicare questa esperienza in Sardegna».
Per finanziare il piano di acquisto dei terreni da assegnare all'Agenzia per la salvaguardia delle coste, l'amministrazione farebbe affidamento sui proventi delle imposte sulle seconde case e sugli scali di yacht e aerei privati, istituite con la legge regionale 4/06. Già su questo provvedimento, però, pende il ricorso del Governo alla Corte costituzionale.
Per respingere eventuali accuse sul conflitto di interessi, poi, Renato Soru ha fatto sapere che metterà a disposizione della Conservatoria delle coste il terreno che possiede a Scivu e che rinuncerà, in base al nuovo piano paesaggistico regionale, alla costruzione di un albergo in un altro terreno di sua proprietà nel comune di Arbus.
La nuova idea di far acquistare alla Regione ampie porzioni di costa da tutelare nasce infatti come complemento del piano paesaggistico fortemente voluto da Soru: in base alle nuove disposizioni, non è possibile costruire edifici in una fascia costiera mediamente profonda due chilometri (che arrivano a quattro, in alcune zone). L'attività edilizia saràpossibile nei centri abitati lungo il litorale, a condizione che le amministrazioni si dotino di un piano urbanistico comunale.
Nelle campagne sarà possibile costruire solo case di abitazione per gli imprenditori agricoli, per cui sarà indispensabile la residenza rurale, mentre viene bloccata la proliferazione di nuove costruzioni.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news