LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cagliari. "No ai tapis roulant a Castello"
ENNIO NERI
Il Sardegna, 7 settembre 2006

Meccanizzazione. Pugno duro di residenti e ambientalisti contro l'intervento avveniristico sulle mura. I comitati annunciano battaglia. "La Regione blocchi subito il piano: siamo pronti ad incatenarci in via Cammino Nuovo".


"Ci aspettiamo novità dalla Regione, altrimenti siamo pronti alla lotta". E' un'altra via Manzoni quella che hanno in mente i comitati rionali e ambientalisti.
Il progetto "parcheggi di scambio e trasporto meccanizzato nel centro storico" proprio non lo digeriscono. Dicono no ai tapis roulant (impattanti e inutili dato che ci sono gli ascensori), al ristorante sul rivellino e alla bocca del parcheggio
di Via santa margherita (enorme). E contestano anche il multipiano. E ieri nell'assemblea circoscrizionale aperta ai residenti sul futuro del centro storico
non hanno certo dimenticato di ribadirlo. Teatro Civico preso d'assalto da un centinaio di persone, tra politici e gente comune. Apre il dibattito il presidente
della circoscrizione Gianfranco Carboni, denunciando le difficoltà dei quattro antichi rioni. "Non sono un mistero la fuga dei giocìvani, il decadimento del
commercio e le tante palazzine sfitte", attacca Carboni, "come i rifiuti ovunque e una Ztl disomogenea. Il tutto condito da poco verde e pochi impianti sportivi.
Occorre pensare il centro in chiave universitaria e di rilanciarlo attraverso una pedonalizzazione seria e un sistema tecnologico di ritiro dei rifiuti". Palla dunque
al tema caldo. La meccanizzazione. Vanno giù duri i consiglieri. "Non condividiamo propositi e obiettivi", spiega Guido Portoghese, che si chiede "a che servono i
tapis roulant con tutti quegli ascensori". Mentre Enrico Murgia teorizza l'assurdità di un progetto "privo di valutazione di impatto ambientale". Ancora più forte l'opposizione dei comitati. "Siamo contrari a tutto il progetto", esclama Paola
Morittu, del Comitato per la difesa di Castello, "impattante, inutile e non rispondente alle esigenze dei cittadini. Prima faremo delle osservazioni scritte alla relazione, poi saremo disposti a tutto, anche a legarci a Via del Cammino
Nuovo, se sarà necessario. Tuttavia", conclude, "speriamo che la Regione si accorga di quanto sia inutile e dannoso e lo blocchi". Mentre le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d'Intervento Giuridico mettono in evidenza le difficoltà
di gestione. "Pur nella migliore e difficilmente verificabile ipotesi di ricavi, permarrebbe un disavanzo gestionale pari a ben 117.000 euro annui", evidenzia il presidente Stefano Deliperi. Sempre gli ambientalisti ricordano il vincolo
paesaggistico che tutela il centro di Cagliari, definito, anche secondo il piano paesaggistico regionale 'bene con valenza storico-culturale' e che impedisce interventi di questo tipo. E se la gente chiede pulizia, sicurezza, l'ufficio
postale e il rilancio del commercio, il presidente della Provincia Graziano Milia "riallocato in Castello, a Palazzo Regio", è intervenuto ribadendo il ruolo fondamentale del centro storico e "spiegando che non è certo il turismo che manca a
Castello". Ora domani il consiglio circoscrizionale di Castello dovrà esprimersi con un voto sull'intero progetto. Poi si attenderà la valutazione di impatto ambientale
della Regione. Quindi potrebbero esserci le modifiche. E al Comune anche nella maggioranza sembrano aprirsi spiragli in tal senso. Sarà comunque decisiva, secondo molti, la mobilitazione dei comitati.




Ada Lai difende il progetto. No compatto della sinistra.


A difendere il piano comunale con la presenza c'era l'assessore alla cultura Pellegrini e il suo collega alle politiche sociali Vargiu. Mentre a difendere il Comune con la 'comunicazione', stuzzicata da Milia che le chiedeva se parlasse da dirigente o movimentista, l'intervento della dirigente comunale Ada Lai. "Chi ha viaggiato sa bene che i turisti vogliono raggiungere le rocche della città", spiega, "ci sono punti che possono essere rivisti. Ma la città va vissuta". L'opposizione, dopo anni di esitazione, sul piano si sta ricompattando. "Sono contrario a tutto il progetto", ha detto Massimo Zedda, Ulivo. "Troppi soldi per un'opera che l'utenza stessa non considera come prioritaria".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news