LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Punta Perotti trasformata in una citt delle religioni
Carlo Vulpio
Corriere della Sera 08/09/2006

VENEZIA L'ambizione alta, controcorrente e forse anche un po' ingenua, perch l'obiettivo quello di restaurare le coste italiane e di recuperare la bellezza dei luoghi massacrati dalla lebbra edilizia. Evitando l'affarismo della speculazione e la retorica dell'ambientalismo di maniera. E ripartendo dalla Grecia ellenistica e da Roma: dalla pietra come materiale identitario del modo di costruire mediterraneo e, al tempo stesso, come materiale di modernit assoluta.
Claudio D'Amato Guerrieri, docente di Composizione architettonica alla facolt di Architettura del Politecnico di Bari, curatore della mostra Citt di Pietra alla Biennale di Venezia, quel che si dice una voce autorevole in materia. E per questa edizione della Biennale ha scelto come logo l'immagine forte dei palazzi di Punta Perotti che collassano. La Saracinesca che cancellava l'orizzonte di Bari, il simbolo di tutti gli ecomostri italici e del consociatM-smo politico che rese possibile un'opera for-malmente in regola, il luogo di una battaglia estetica, etica e infine giudiziaria dei soliti pochi contro tutti gli altri, pu diventare, per D'Amato Guerrieri, l'occasione di un nuovo inizio. A patto per che, demolito un mausoleo, non se ne facciano altri. Poich, va ricordato, Punta Perotti stata anche il cavallo di Troia, per fortuna neutralizzato in tempo, di una Punta Perotti bis, quasi due volte pi grande (530 mila metri cubi), da realizzare sullo stesso lungomare.
Non mi piace esaltare la demolizione come la ghigliottina dei giacobini dice D'Amato Guerrieri , ma in alcuni casi demolire fondamentale. Qualcuno dice che cos si distrugge il lavoro dell'uomo? E io rispondo: e chissenefrega, se lo scopo guari-re dalla metastasi. Se possibile, dice D'Amato, si adottano soluzioni alternative. Se no, via alle ruspe e alla dinamite. A Latina, per esempio, il sindaco Vincenzo Zac-cheo, per liberare il lungomare dall'assalto di massa di seconde e terze case ha contrattato due soluzioni: demolire gli edifici abusivi in cambio di permessi per costruire altrove, oppure cambiare la destinazione d'uso di quelle case. Ma per Punta Perotti non c'era una terza via, demolire era necessario.
Oggi per la sfida un'altra e di pi alto livello. Dopo aver stabilito cosa male e cosa non si vuole, bisogna saper dire cosa si vuole e in che modo si intende realizzarlo.
Ecco dunque l'idea di D'Amato Guerrieri, tradotta nei progetti inediti delle Citt di Pietra: fare rinascere Punta Perotti attorno al tema di una Via Sacra il percorso dell'antica processione di San Nicola da Myra come punto d'incontro fra la cristianit d'Oriente e d'Occidente. Ma farlo, e questo vale anche per tutti gli altri luoghi violati che Punta Perotti rappresenta, utilizzando la pietra. La globalizzazione una cosa positiva, l'omologazione no - dice D'Amato-. E noi viviamo sotto la dittatura del vetro, del cemento e dell'acciaio, che nessuno ci impone, ma che imitiamo per nostra scelta e per provincialismo, come pappagalli. Un esempio la "sparata" di ferro-cemento all'Ara Pa-cis, a Roma.
La scommessa di D'Amato Guerrieri, e degli autori dei progetti, con i quali hanno col-laborato anche gli studenti del Politecnico di Bari, sperimentando le pi avanzate tecnologie informatiche di lavorazione della pietra, si gioca su pi fronti. Contro le bubbole, dice lui, di chi vuoi far credere che Punta Perotti possa rinascere piantando qualche centinaio di alberi in riva al mare. Poi contro quelli che puntano soltanto agli affari, che va bene, si possono fare, ma in maniera pulita e realizzando cose belle. Infine, contro
chi non vuole ancora capire che l'architettura un'opera collettiva, dev'essere anche un sogno, e non pu essere catapultata dall'alto".
Come avvenne per Punta Perotti, che la gente non ha mai sentito propria, anche se era gi rassegnata all'idea di convivere per sempre con quella Saracinesca che chiudeva il mare. Invece, ecco le Citt di Pietra, che osano come fece il Progetto Venezia di Aldo Rossi, nel 1985, alla Terza Biennale. Rossi invit gli architetti di tutto il mondo a cimentarsi con dieci proposte progettuali per recuperare dieci posti del Veneto. Oggi, le idee presentate in questa Biennale, partoriranno un concorso internazionale per Punta Perotti. Eppure, al professore D'Amato Guerrieri continuano a dire, in barese stretto: Ma tu, checc... vai trovando?. E lui risponde: Risacralizzare il luogo della" battaglia, va bene?.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news