LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Batteri affamati salvano affreschi a Pisa
CulturalWeb 20/06/2003

Tecnica restauro realizzata in Universit Milano e Molise i microrganismi salvano l'arte: orde di famelici batteri, ghiotti di sostanze organiche, sono stati fatti banchettare per 12 ore con la colla animale che a causa di un restauro sbagliato degli anni cinquanta sembrava aver oscurato per sempre gli affreschi di Spinello Aretino nel camposanto monumentale di Pisa, ora nuovamente visibili. L'innovativa tecnica di restauro, messa a punto dai
Dipartimenti di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche delle facolt di Agraria di Milano e del Molise, insieme all'Opera Primaziale Pisana, e utilizzata per la prima volta al mondo in un'opera del genere stata illustrata stamani a Milano da una delle sue principali artefici, la professoressa Claudia Sorlini (Universit di Milano). Una tecnica suggestiva, che stata felicemente applicata a un complesso artistico di 1500 metri quadrati di superficie dipinta a fresco nel Trecento e nel Quattrocento dalle abili mani di insigni maestri, tra cui Buonamico Buffalmacco, Andrea Buonaiuti, Spinello Aretino e Benozzo Gozzoli. Una mirabile opera artistica, danneggiata dalle ingiurie del tempo fattesi via via sempre pi evidenti, tanto che gi nell'800 - come ha detto Clara Baracchini, della Sovrintendenza di Pisa -

"quotidianamente cadevano a terra intere porzioni di scene".

Per tutto quel secolo e poi anche
nel '900 si sono susseguite analisi e sperimentazioni all'avanguardia, per tenere il colore incollato al supporto murario. Il colpo di grazie venne alla fine della guerra mondiale, quando una granata americana, dopo aver distrutto il tetto del Camposanto, estese ovunque, anche sui dipinti, uno strato di piombo fuso. Negli anni Cinquanta si mise mano ai restauri e la prima cosa da fare sembr essere l'asportazione con tecnica 'a strappo' degli affreschi e la loro provvisoria collocazione su supporti di eternit. La tecnica prevedeva la ricopertura del colore con una tela imbevuta di colla animale. Staccando 'a strappo' la tela stato staccato dal muro cos anche l'affresco, ma le condizioni del colore erano ormai tali che per rimuovere da esso la tela incollata, si rischiava di distruggere tutto. In quelle condizioni per l'opera era comunque perduta perch oscurata dallo strato di colla, mentre vi era la necessit di staccare l'affresco dal supporto di eternit che dava anch'esso problemi (umidit, muffe). Sembrava un problema irrisolvibile. Ma l'esperienza accumulata alla facolt di agraria di Milano - che ha messo a punto metodi di pulizia con batteri anche per eliminare le croste nere dell'inquinamento da idrocarburi dai monumenti lapidei (di pietra, marmo, cotto) nei centri storici delle citt - ha offerto la soluzione, utilizzata per ora, solo nell'affresco di Spinello Aretino, raffigurante la 'Conversione di S. Efisio e battaglia'.

"Si trattava - ha spiegato Claudia Sorlini - di individuare il ceppo batterico piu' efficiente nell'utilizzare come cibo la stessa colla animale che teneva attaccato l'ingombrante intelaggio all'affresco".

Dopo un'approfondita selezione, l'attenzione caduta sui batteri del genere Pseudomonas, Gram negativi, che non producono spore. Ubiquitari in natura, sono capaci di utilizzare oltre 100 composti organici. Il ceppo A29, in particolare, ha dimostrato di scindere meglio e pi rapidamente di altri la colla animale in parti pi piccole, per trarre energia e biomassa per la sua moltiplicazione. Una volta individuati i microrganismi pi adatti, essi sono stati riprodotti in grande quantit. Quindi, un'abbondante biomassa affamata, in concentrazione elevata pari a 100 milioni di cellule vive per millilitro, stata messa direttamente a contatto con la superficie della colla, sulla quale sono stati stesi strati di cotone ulteriormente bagnati di batteri. E, a una temperatura di 28-30 gradi centigradi, nell'arco di 10-12 ore si compiuta una sorta di miracolo: i batteri si sono mangiati tutta la colla, e la tela che ricopriva il dipinto stata facilmente rimossa. Ma il metodo ha un'efficienza del 75-80%, e qua e l restavano ancora tracce di colla. Non poteva essere ripetuto senza correre il rischio che una seconda bagnatura prolungata rovinasse il colore. Cos l'opera stata conclusa con l'pplicazione di un enzima, la Proteasi Type XIX, che opportunamente diluito in acqua, stato applicato pi volte dove occorreva, manualmente e ha degradato completamente i residui di colla. Dopo anni, dunque, le scene e le fattezze dei personaggi rappresentate nell'affresco di Spinello Aretino sono tornate pienamente visibili e godibili. Grazie ai batteri.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news