LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monumenti cicale e formiche. L'inverno dei beni culturali. Tra grandi eventi e conservazione
Pier Giovanni Guzzo
Il Mattino, 4 settembre 2006

TUTTI ricordano la novelletta di Esopo a proposito della cicala e della formica: e come quest'ultima sopravvisse alla carestia invernale, mentre la prima, non avendo provveduto alla conservazione di alimenti, non riusc a superarla. Ai nostri giorni, in alcuni casi quell'antica favola sul buon senso e sullo scrupolo di agire in vista del futuro pu trovare applicazione analogica anche al patrimonio culturale. Gli oggetti d'arte che lo compongono, talvolta, vengono piegati ad operazioni che taluno ritiene utili a procurare immediati consenso e vantaggio, senza preoccuparsi dell'inverno che, fatalmente seguir l'estate. Di fronte a spericolati accostamenti tra prodotti artistici lontani fra loro millenni di anni luce e a sfolgoranti prestiti destinati a mostre lontane e reclamizzate, i ruoli esotici della cicala e della formica si attualizzano. E di nuovo si contrappongono nell'oggi, simboli di due modi opposti di intendere monumenti ed opere d'arte. Da un lato si persegue l'effetto dell'evento eccezionale, dal quale si attendono conseguenze benefiche ma dal quale risulta sicura una presenza in prima pagina. Dall'altro ci si preoccupa di che cosa succeder quando, fatalmente, arriver l'inverno: fuor di metafora, di quali potranno essere gli impatti culturali, nei casi di accostamenti di opere d'arte contemporanee ad altre pertinenti a epoche e a culture del tutto differenti, e quelli conservativi, nei casi invece di prestiti e di dislocazioni.
NON PAIA che si voglia mettere assieme per forza due concetti diametralmente opposti. La conservazione materiale dell'opera d'arte e del monumento condizione prima affinch se ne possa avere conoscenza. Ed dalla conoscenza acquisita che scatta quel meccanismo, dalla curiosit all'apprezzamento estetico all'approfondimento critico, che contribuisce a formare ed innalzare il livello della cultura diffusa. La quale ultima anche la molla che spinge a visitare e conoscere luoghi, opere d'arte e culture diversi da quelli propri: il turismo costituito anche di musei e monumenti, non solo di spiagge o ghiacciai. Non v' dubbio che l'avanzamnto tecnologico in grado di ridurre i rischi di un trasporto: ma occorre ricordare che l'uso del cemento armato che qualche decennio fa sembr essere il rimedio sovrano nel restauro dei monumenti antichi si poi rivelato peggiore del male che si pretendeva di curare. Nei riguardi di opere d'arte uniche ed irripetibili (che, non a caso, sono quelle pi soggette a rischi di trasloco anche se temporaneo) la prudenza conservativa non appare mai essere eccessiva.
Se, quindi, lo scrupolo della conservazione quello che sembra assicurare la consegna delle opere d'arte alle future generazioni, sempre che non siano distrutte da eventi improvvisi, altrettanta cautela dovrebbe essere riservata alla loro comprensione critica e razionale. Accostare prodotti artistici contemporanei a monumenti, ad esempio, archeologici pu essere un efficace modo per far risaltare le differenze di espressione culturale insorte nel corso del tempo: e cos facilitare la critica della conoscenza. Ma accostare non vuoi dire confondere: se la presentazione rischia di ingenerare dubbi su cosa antico e cosa, invece, contemporaneo, ci troviamo di fronte ad un equivoco che del tutto meglio evitare. A vantaggio non certo degli sperimentati critici d'arte, ma dei visitatori non specialisti: ai quali, pi o meno furbescamente, si rivolge la promozione che si costruisce clamorosamente a vantaggio dell'evento, e dei suoi promotori.
Non occorre, infatti, dimenticare che la percentuale di coloro che sono in grado di conoscere criticamente le opere d'arte irrisoria rispetto alla gran quantit dei non specialisti. La qual cosa non produce alcun scandalo: nessuno auspica una popolazione composta esclusivamente da medici o da ingegneri, n, tanto meno, da storici e critici d'arte. Cos come, ad esempio, i medici si prodigano per diffondere una cultura diffusa di igiene e sanit pubblica (e nessuno protesta), altrettanto non dovrebbe far meraviglia, n provocare reazioni contrarie, se i professionisti che hanno la responsabilit di curare la conservazione dei monumenti e delle opere d'arte si sforzano di condurre un'operazione, analoga a quella dei medici, nel proprio campo.
Ma esiste una differenza: ognuno di noi vorrebbe vivere in buona salute e a lungo, anche se ogni tanto
mangia e beve un po' troppo. Molti di noi non riescono a comprendere fino in fondo il motivo per cui le opere d'arte sarebbe meglio se fossero conservate nel tempo e se fossero comprese in maniera critica. Una tale limitazione non deriva da ridotta intelligenza e ottusa sensibilit: ma da mancanza di strumenti cognitivi di base. Se un medico non conosce i principi della fisiologia ben poco potr fare a vantaggio dell'ammalato. Se un ingegnere non conosce i principi aritmetici le sue costruzioni non riusciranno a stare in piedi. A cominciare dalla scuola dell'obbligo i programmi d'insegnamento non si rivolgono a fornire agli scolari informazioni e metodi rivolti a sviluppare uno stimolo critico verso l'arte e la storia: cos che una tale carenza, fin dall'origine del formarsi dell'individuo, rimarr nell'et adulta e non potr essere colmata dalle esperienze compiute, perch di necessit superficiali. Ed occorre segnalare un'ulteriore differenza: se qualcuno si improvvisasse medico, sarebbe passibile, una volta smascherato, di reato. Critici d'arte, invece, titolo del quale chiunque pu fregiarsi: basta che lo voglia.
I tempi della critica e della responsabilit sono del tutto diversi da quelli imposti dalle esigenze degli eventi: coloro che li determinano e che ne vogliono trarre vantaggio sanno di essere effimeri proprio come quegli eventi stessi. Ed per questa consapevolezza, che si suppone sia loro molesta, che moltiplicano eventi e ne aumentano il clamore promozionale: sperando che la continuit di quest'ultimo contribuisca alla propria. Coloro che, invece, sono responsabili della conservazione e della conoscenza delle opere d'arte e dei monumenti vivono nella riservatezza del proprio compito, che rimane a molti sconosciuto, in un'atmosfera resa ancora pi angusta ed ingrata dalla offensiva scarsit di risorse che vengono messe a loro disposizione per far fronte a quell'immensa responsabilit.
Al contrario di quanto narra Esopo, l'andazzo che ha preso piede (e che facile prevedere continuer e si estender) sembra dar ragione alla cicala, invece che alla formica. Con la conseguenza prevedibile che se le cicale diventano maggioranza rispetto alle formiche non riusciranno, ben presto, a nutrirsi neanche durante l'estate.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news