LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mostra del Mantegna: Riscoperte e restauri ma quante novit
Lea Mattarella
LA STAMPA, 03 settembre 2006

CHI avesse seguito con passione le vicende del Cristo morto, prima negato, poi concesso e infine rifiutato, si tranquillizzi. Vittorio Sgarbi temeva che l'attenzione suscitata dalla polemiche degli ultimi giorni intorno al dipinto di Brera potesse provocare le reazioni di qualche esaltato pronto a danneggiarlo per il suo quarto d'ora di celebrit. Sono per stati garantiti tutti gli accorgimenti necessari a proteggerlo. Cos il quadro sar in mostra. Ne sar il simbolo. Parola di Sgarbi.
Partir anche la Sant'Eufemia. La verrano a prendere domani e dalla cattedrale di Irsina, un piccolo paese in provincia di Matera, arriver a Mantova, a Castel San Giorgio, protagonista dell'esposizione, curata da Sgarbi, La scultura al tempo di Mantegna. Due anni fa, questa statua in pietra dipinta era stata attribuita a Mantenga da Clara Gelao che ne aveva ricostruito le vicende in un volume edito dalla Bautta di Matera e aveva raccontato la sua scoperta in un'intervista alla Stampa.
La storia del ritrovamento avvincente, perch la scultura era l, nella cappella dedicata alla patrona di Irsina, dal 1454 ma nessuno prima della Gelao aveva notato il fascino e la qualit della posa e della fattura. N i parroci n i fedeli potevano immaginare che l'oggetto della loro devozione fosse uscito dalle mani di un genio del Rinascimento. Eppure, a quanto pare, proprio cos. L'attribuzione a Mantegna la pi probabile, afferma Sgarbi che l'ha voluta per la sua mostra. Comunque sar un'occasione per farla vedere, per discuterne, prosegue la sua scopritrice, visibilmente soddisfatta.
Tutto nasce da un poemetto del 1592 di Pasquale Verrone, arcidiacono di Montepeloso (era cos che si chiamava Irsina). Vi si racconta di un certo de Mabilia, nato nel borgo lucano, che dopo un viaggio riporta a casa vari oggetti e reliquie, tra cui due sculture e un dipinto. Quest'ultimo la Gelao lo riconosce nella Sant'Eufemia, di sicura mano mantegnesca, ora a Napoli al Museo di Capodimonte. Le sue ricerche proseguono a Padova, luogo di formazione del pittore, dove scova i documenti che provano la presenza in citt del misterioso donatore. Gli indizi si moltiplicano e alla fine sembra proprio che il cerchio si chiuda con un confronto stilistico con la giovanile Santa Giusti-na e con l'Assunta della Cappella Ovetari. Mantegna, com' ovvio, non mai stato a Montepeloso. la scultura che ha fatto un lungo viaggio. Che oggi compie a ritroso.
Le fonti parlano di Mantegna scultore, lo paragonano a Lisippo, Fidia, Policleto, ma di opere certe non se ne conoscono. Quella che fino adesso ha ricevuto pi consensi lAutoritratto in bronzo che orna la sua tomba. Il 16 settembre, data di apertura delle celebrazioni mantegnesche e, guarda caso, giorno di sant'Eufemia, la scultura cercher di convincere anche i pi scettici. Che potranno poi confrontarla, a Padova, proprio con l'Assunto affrescata sulle pareti della Cappella Ovetari. Questo capolavoro giovanile di Mantegna, infatti, appena stata restaurato. I risultati dell'intervento, complicatissi-mo perch i danni riportati nell'ultima guerra davano i dipinti per spacciati, saranno mostrati proprio in questa occasione. Ci sar anche una ricostruzione virtuale che permetter di immaginare la cappella come doveva essere quando Mantegna la termin, intorno al 1457.
Gli appassionati di attribuzioni, oltre alla Sant'Eufemia, potranno poi esercitare l'occhio su un altro inedito appena assegnato a Mantegna, una pergamena su cui dipinta una Vergine con bambino, subito battezzata Madonna della tenerezza. Anche lei in attesa di superare l'esame.



news

20-10-2014
RASSEGNA STAMPA: aggiornata al giorno 20/10/2014

19-10-2014
Vi segnaliamo: De-tutela. Idee a confronto per la salvaguardia del patrimonio culturale e paesaggistico

18-10-2014
Lettera aperta al ministro per i Beni culturali Dario Franceschini

16-10-2014
ROTTAMA ITALIA. Conferenza stampa alla Camera dei Deputati

13-10-2014
Settis: Lo Sblocca Italia e' una totale deregulation

13-10-2014
Testo di solidariet nei confronti di Giuliano Volpe sulla questione Bronzi di Riace

10-10-2014
Le raccomandazioni della Commissione Bronzi di Riace

08-10-2014
EXPO, MIBACT: BRONZI DI RIACE NON SONO TRASPORTABILI

07-10-2014
Rottama Italia. Sedici grandi "firme" prendono posizione sul decreto "Sblocca-Italia"

03-10-2014
Documenti su vent'anni di utopia urbanistica a Siracusa

27-09-2014
Decreto-legge Sblocca Italia, nuovi incubi ambientali e sociali.

16-09-2014
AIUTIAMO EDDYBURG: LETTERA APERTA A MAURIZIO LUPI

15-09-2014
PATRIMONIOSOS: nuovo indirizzo di posta elettronica

15-09-2014
Firenze - Catastrofi e ricostruzioni nei centri storici italiani tra passato, presente e futuro.

01-09-2014
Comitato per la Bellezza e Sauro Turroni sul decreto Sblocca Italia

30-08-2014
APPROVATA LA RIFORMA DEL MIBACT

23-08-2014
Lettera aperta del neo Presidente ICOM Italia, Daniele Jalla, al Ministro Franceschini

12-08-2014
Continuano ad arrivare firme per l'appello per una riflessione condivisa sulla riforma Mibact

08-08-2014
Venezia. Stop alle Grandi Navi nel bacino di S. Marco

08-08-2014
LETTERA APERTA - Teatro Valle

07-08-2014
Lettera aperta di Giuliano Volpe all'Assessore ai Beni culturali e all'identit siciliana

05-08-2014
Decreto sui beni culturali: appello per una riflessione condivisa. Elenco finale

04-08-2014
Riforma Mibact, Cgil Cisl Uil: Serve una riorganizzazione partecipata

04-08-2014
Termina alle 22 di oggi la raccolta di firme per l'appello al ministro Franceschini

01-08-2014
Sui cartelloni di Roma. Lettera di Italia Nostra al sindaco Marino

01-08-2014
Nella sezione Interventi e recensioni contributo di Daniele Manacorda: Per salvare il nostro patrimonio un'alleanza con i cittadini

31-07-2014
PETIZIONE - GLI ETRUSCHI SCOMPAIONO DALLA CULTURA ITALIANA

30-07-2014
Appello a Napolitano. Rafforzare, razionalizzare e modernizzare il sistema nazionale della tutela dei beni culturali e paesaggistici

29-07-2014
Intervento di Giuliano Volpe. Fuochi incrociati sulla riforma MiBACT: spesso basati su scarsa o nulla conoscenza del testo

29-07-2014
Il decreto Cultura legge

Archivio news