LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prestiti & pericoli E il Duce disse: Voglio il Cristo morto
di Marco Carminati
27-AGO-2006, Il Sole 24Ore




Nel 1929 Mussolini sped a Londra il Mantegna. Poteva essere l'ultima volta: durante il viaggio la nave rischi di affondare
II Ministro Rutelli ha deciso. Vittorio Sgarbi ringrazia. I funzionari dello Stato, scavalcati e umiliati, tacciono. Il Cristo morto di Mantegna lascer Brera e andr per la terza volta in meno di cinquantanni in trasferta a Manto va.
Il copione di questa vicenda un po' amara ne ricorda un'altra lontana del tempo, che ebbe come protagonista lo stesso Cristo morto di Mantegna e come com-primari un Ministro comandante e un funzionario braidense obtorto collo ubbidiente.
Il ministro comandante era Benito Mussolini, il funzionario ubbidiente Ettore Modigliani, soprintendente alle Gallerie milanesi. I fatti di svolsero sul finire del 1929. L'Italia fascista aveva deciso di autocelebrarsi con un'inutile quando grandiosa mostra di capolavori italiani a Londra. Benito Mussolini impose a tutti i musei nazionali di consegnare il meglio delle loro collezioni, e a Ettore Modigliani ordin di concedere il prestito del Cristo morto di Brera. Fece di pi: nomin Modigliani (perfettamente anglofono) Commissario Generale della faraonica esposizione.
Da un diario inedito del funzionario milanese, veniamo a conoscenza dei turbamenti e dei contrasti interiori che quella nomina provoc in lui. Egli tent di dare una ragione ideale a quell'assurda e pericolosa transumanza di opere italiane a Londra. Io non fui l'organizzatore ma l'esecutore di quella mostra, perch era mio dovere come alto funzionario dello Stato e perch fui sempre favorevole a una pi stretta intesa con l'Inghilterra. Ero lieto, in cuor mio, diveder orientare la nostra politica verso quel Paese. Pia illusione: di l poco gli inglesi sarebbero diventati un popolo da
stramaledire. Ma l'autentico parere di Modigliani sull'opportunit di prestiti cos impegnativi lo si legge poco oltre: Se si fosse lasciata a me, soltanto a me, la decisione avrei detto di no... per l'amore ardente nutrito sempre per le cose dell'arte, quell'amore che sconsiglia di far affrontare loro rischi.
I fatti gli diedero ragione. La nave Leonardo da Vinci, stipata fino all'inverosimile di capolavori dell'arte italiana (Mantegna compreso), guadagn il largo a Genova ai primi di dicembre del 1929, seguita dalla nave appoggio Teseo. A bordo tutti erano in estrema agitazione: quanto si temeva avvenne. La notte del 9 dicembre, il convoglio italiano venne investito da un'immane tempesta. La Teseo venne subito invasa dall'acqua e le macchine si arrestarono. La Leonardo da Vinci resistette tre giorni in bala di spaventosi marosi. A terra, le agenzie diedero l'allarme: Si nutrono apprensioni per la "Leonardo da Vinci" e il suo carico di tesori di arte antica italiana. Si sa che sta lottando disperatamente da trenta ore con una furiosa tempesta al largo del Capo Finisterre. Mancano ulteriori informazioni. Un secondo dispaccio sottoline: A Londra i giornali si mostrano allarmatissimi per la sorte della "Leonardo da Vinci" e fanno voti che i tesori italiani non abbiano a subire danni; L'opinione pubblica italiana e inglese addit il povero Modigliani quale responsabile dell' imminente disastro. Maledizioni e insulti piovvero su di lui. Per fortuna, tre giorni dopo il mare si plac e il disastro venne scongiurato. I voti andarono a buon fine. Mantegna e i compagni, quella volta non annegarono.
Con l'avvento delle leggi razziali, Modigliani fu buttato fuori da Brera. Nel '45 Mussolini fece una brutta fine e nel '46 il soprintendente torn al suo posto.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news