LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prestiti & pericoli E il Duce disse: Voglio il Cristo morto
di Marco Carminati
27-AGO-2006, Il Sole 24Ore




Nel 1929 Mussolini sped a Londra il Mantegna. Poteva essere l'ultima volta: durante il viaggio la nave rischi di affondare
II Ministro Rutelli ha deciso. Vittorio Sgarbi ringrazia. I funzionari dello Stato, scavalcati e umiliati, tacciono. Il Cristo morto di Mantegna lascer Brera e andr per la terza volta in meno di cinquantanni in trasferta a Manto va.
Il copione di questa vicenda un po' amara ne ricorda un'altra lontana del tempo, che ebbe come protagonista lo stesso Cristo morto di Mantegna e come com-primari un Ministro comandante e un funzionario braidense obtorto collo ubbidiente.
Il ministro comandante era Benito Mussolini, il funzionario ubbidiente Ettore Modigliani, soprintendente alle Gallerie milanesi. I fatti di svolsero sul finire del 1929. L'Italia fascista aveva deciso di autocelebrarsi con un'inutile quando grandiosa mostra di capolavori italiani a Londra. Benito Mussolini impose a tutti i musei nazionali di consegnare il meglio delle loro collezioni, e a Ettore Modigliani ordin di concedere il prestito del Cristo morto di Brera. Fece di pi: nomin Modigliani (perfettamente anglofono) Commissario Generale della faraonica esposizione.
Da un diario inedito del funzionario milanese, veniamo a conoscenza dei turbamenti e dei contrasti interiori che quella nomina provoc in lui. Egli tent di dare una ragione ideale a quell'assurda e pericolosa transumanza di opere italiane a Londra. Io non fui l'organizzatore ma l'esecutore di quella mostra, perch era mio dovere come alto funzionario dello Stato e perch fui sempre favorevole a una pi stretta intesa con l'Inghilterra. Ero lieto, in cuor mio, diveder orientare la nostra politica verso quel Paese. Pia illusione: di l poco gli inglesi sarebbero diventati un popolo da
stramaledire. Ma l'autentico parere di Modigliani sull'opportunit di prestiti cos impegnativi lo si legge poco oltre: Se si fosse lasciata a me, soltanto a me, la decisione avrei detto di no... per l'amore ardente nutrito sempre per le cose dell'arte, quell'amore che sconsiglia di far affrontare loro rischi.
I fatti gli diedero ragione. La nave Leonardo da Vinci, stipata fino all'inverosimile di capolavori dell'arte italiana (Mantegna compreso), guadagn il largo a Genova ai primi di dicembre del 1929, seguita dalla nave appoggio Teseo. A bordo tutti erano in estrema agitazione: quanto si temeva avvenne. La notte del 9 dicembre, il convoglio italiano venne investito da un'immane tempesta. La Teseo venne subito invasa dall'acqua e le macchine si arrestarono. La Leonardo da Vinci resistette tre giorni in bala di spaventosi marosi. A terra, le agenzie diedero l'allarme: Si nutrono apprensioni per la "Leonardo da Vinci" e il suo carico di tesori di arte antica italiana. Si sa che sta lottando disperatamente da trenta ore con una furiosa tempesta al largo del Capo Finisterre. Mancano ulteriori informazioni. Un secondo dispaccio sottoline: A Londra i giornali si mostrano allarmatissimi per la sorte della "Leonardo da Vinci" e fanno voti che i tesori italiani non abbiano a subire danni; L'opinione pubblica italiana e inglese addit il povero Modigliani quale responsabile dell' imminente disastro. Maledizioni e insulti piovvero su di lui. Per fortuna, tre giorni dopo il mare si plac e il disastro venne scongiurato. I voti andarono a buon fine. Mantegna e i compagni, quella volta non annegarono.
Con l'avvento delle leggi razziali, Modigliani fu buttato fuori da Brera. Nel '45 Mussolini fece una brutta fine e nel '46 il soprintendente torn al suo posto.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news