LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fa molto bene alla citt discutere sul recupero degli edifici storici
Ernesto Carini
Libert 15/6/2003

La discussione che si aperta sul recupero degli edifici storici pu solo essere utile e fare un gran bene alla citt. Anche il tono, diretto e schietto, usato da chi ha gi manifestato le proprie convinzioni, mi piace e richiama altrettanta franchezza.
La mia opinione conclusiva che Piacenza compir significativi passi avanti lungo la strada del recupero urbano per il semplice motivo che questo tema connaturato con i piacentini e con gli amministratori che essi hanno espresso da molti anni a questa parte.
Nel 1975 il sindaco Trabacchi imped l'abbattimento delle case popolari di via Capra imponendone la ristrutturazione insieme al quartiere di C Torricelle ed anche le amministrazioni successive fecero la loro parte tant' che l'Ospedale "nuovo" non si realizzato alla Besurica ma nel luogo che consente l'utilizzo della vecchia struttura; la Caserma della Neve diventata sede di una prestigiosa universit; l'ex macello ha un destino di recupero davanti a s come sicuramente ricorda bene Vaciago; ed ancora, nella cittadella giudiziaria aperto e pienamente attivo un cantiere, mentre il bastione di porta Borghetto con un tratto significativo delle mura farnesiane stato completamente recuperato, e questo solo per dire delle cose che ritornano alla memoria per prime, ma ce ne sono moltissime altre.
A guardare con occhi sinceri la situazione ci si accorge che il recupero gi in atto e procede producendo, da tempo, buoni risultati.
Peraltro Fiori, Ferrari e Vaciago (mi riferisco a loro perch oltre che a conoscerli personalmente ne apprezzo grandemente il valore culturale e la profonda onest intellettuale ) sanno bene che il " tutto e subito " non realistico e, nemmeno lo pretendono quando chiedono al comune di assolvere al proprio ruolo che in alcuni casi di intervento diretto ed in altri casi invece dovrebbe essere pi di "regia" di questo complesso processo.
Denunciare le situazioni di stallo o di incuria , gi di per s un fatto importante oltre che il priMO passo per avviare l'opera di riutilizzo che si richiede ed il rigore con cui le tre personalit che ho richiamato la stanno svolgendo ha gi ottenuto, come risultato, di rimettere al centro dell'attenzione, e dell'iniziativa amministrativa questo importante tema del recupero dei grandi contenitori storici. Tuttavia ci sono metodi di denuncia ancora pi forti e cogenti, come quelli adottati dal Senatore Alberto Spigaroli che pur non contrapponendosi mai al nuovo, ha personalmente faticato le proverbiali 7 camicie per Dare a Piacenza ed alla cultura mondiale la " Reggia " incompiuta.
Sono convinto che chi pensa di collocare palazzo uffici in un contenitore gi esistente, in realt compie un atto politico -pi che legittimo naturalmente -ma non allarga il consenso intorno al recupero, anzi, forse rischia di indebolirne i pilastri culturali di sostegno per l'evidente ragione che nessun singolo edificio riesce a vivere se non all' interno ed in relazione con l'intero sistema urbano - territoriale. La citt storica costruita a partire da 22 secoli fa non assolutamente pi in grado di contenere tutte le funzioni che in essa si assommavano.
Ed infatti fra conventi che si chiudevano e opifici che, correttamente venivano spostati fuori dal centro; fra edifici che si svuotavano e realt commerciali che per essere competitive debbono assumere dimensioni pi ampie, la citt cambiata fino al punto che il traffico, oggi, pu minare e compromettere l'esistenza del suo cuore antico. Il primo passo per andare verso il recupero di ogni singolo edificio consiste nel bloccarne il degrado, attraverso opzioni che non sono ancora di restauro ma di politica urbanistica a pieno titolo.
Per questo occorre procedere all'assunzione di misure di decongestionamento del traffico, anche e proprio pensando al riuso dei contenitori storici, magari muovendosi nel senso indicato da Vaciago l'anno scorso con l'accattivante proposta di togliere progressivamente le auto in sosta.
Per questi motivi diventa improbabile la collocazione di palazzo uffici all'ex ospedale militare mentre diventa assai pi funzionale - anche pensando al recupero - la sua collocazione nel mezzo della zona pi accessibile della citt, internamente alla tangenziale, lambito dalla direttrice commerciale che sar via Dante ed adiacente al nuovo asse di penetrazione costituito da corso Europa.
Siamo sinceri! A Piacenza, nel perimetro urbanizzato, che si pu, senza sforzo percorrere in bicicletta, non esiste nessun posto che si possa spregiativamente definire " casa del diavolo ". Ma a casa del diavolo rispetto a cosa? Rispetto al centro storico ovviamente che per occorre ricordare, nelle citt, non sempre corrisponde con il baricentro della vita e degli interessi reali dei cittadini.
Di pi; togliere funzioni terziarie, attualmente presenti in eccesso, pu rappresentare addirittura una pre-condizione di vita del centro da andrebbe [SIC] arricchire in termini di residenza a scapito degli uffici che, ora, ne decretano la chiusura al termine di ogni giornata lavorativa.
In ogni caso gli estensori del Piano Regolatore Generale (Campos - Venuti, Oliva e Maccagni) che insieme agli amministratori e sulla base di un intenso e robusto rapporto con la citt e le sue multiformi espressioni (possiamo starne certi) non erano animati da desideri di persecuzione cos forti da infliggere ai piacentini l'obbligo di andare a casa del diavolo per espletare le loro pratiche amministrative.
Non riesco poi ad accettare il fatto che le nuove realizzazioni edilizie siano banali o brutte per definizione.
Anche sorvolando sul fatto che nemmeno le periferie antiche o medioevali non erano poi un gran che, non si pu brutalizzare la realt fino a questi eccessi. La nostra epoca ha le strade ed i ponti che sono necessari al tempo presente cos come i romani avevano costruito le vie di comunicazione adeguate ai loro bisogni, che spesso erano i bisogni e le necessit dei loro eserciti.E se poi la nostra epoca sar rappresentata (e ricordata nella storia dell'Umanit) da un microchip o da una navicella spaziale invece che da un Colosseo, potremo sempre continuare ad ammirare il grandissimo monumento, senza pensare, con angoscia, agli scopi per cui era stato costruito.
Naturalmente, tornando al recupero degli edifici storici, credo si possa accelerarne il cammino proprio perch non si parte da zero e perch, finora, pi o meno celermente, pubblico e privato hanno sempre cercato di fare del proprio meglio in questa direzione. E lo hanno fatto senza disturbare i giudici che, contrariamente a quello che pensa Vacia-go non mi sembrano affatto animati da spirito persecutorio nei confronti di Berlusconi quanto piuttosto tentano, con criteri di egualitarismo, di amministrare la giustizia nei termini previsti dalla Costituzione.
In buona sostanza, l'immagine che si ricava osservando la citt in questa fase della sua vita bella e interessante perch discutendo si lavora, ed il confronto avviene non sotto naftalina ma nel vivo di un cantiere pieno di voci e di rumori che rappresentano insieme ad una garanzia di pluralismo anche la certezza della bont delle scelte.
E non generico attivismo quello che sta producendo il comune ma un lavoro vero fatto di decisioni e di atti che introdurranno trasformazioni significative nel tessuto urbano (piano traffico e viabilit), nella qualit della vita (attuazione del Piano Regolatore), nei livelli culturali (terre verdiane).


Ernesto Carini Consigliere comunale DS a Piacenza



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news