LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

morto Gino Vinicio Gentili: port alla luce la Villa del Casale
PATRIZIO PENSABENE
La Repubblica, Palermo, 8/8/2006




E morto all'et di 92 anni Gino Vinicio Gentili. Il suo incontro con la Sicilia, che risale agli anni Cinquanta, stato di grande impatto: a lui si deve il definitivo recupero della Villa del Casale a Piazza Armerina, un'operazione che ha rivoluzionato non solo la storia degli studi sull'edilizia tardo-imperiale, ma anche il quadro turistico della Sicilia centro-meridionale con i quasi cinquecentomila visitatori all'anno della Villa.

MORTO L'ARCHEOLOGO CHE PORT ALLALUCE LA VILLA DEL CASALE
(segue dalla prima di cronaca)
Gino Vinicio Gentili era nato ad Osimo (Ancona) nel 1914 e aveva condotto gli studi universitari alla "Sapienza" diRoma, dove si era perfezionato in Archeologia. Conseguita la libera docenza in Archeologia e Storia dell'arte greca e romana a Catania e poi a Bologna, era entrato nell'allora Ministero della Pubblica Istruzione, da cui dipendevano le soprintendenze. Nel 1949 giunse in Sicilia come archeologo della soprintendenza alle antichit della Sicilia orientale che aveva sede a Siracusa: fu allora che la Cassa del Mezzogiorno destin un grosso finanziamento per gli scavi della Villa del Casale. Gi nota agli eruditi fin dal settecento e messa in luce in minima parte tra la fine dell'Ottocento ed i primi del Novecento allora venne scavato soltanto il Triclinio (cio la Sala Triabsidata) con i suoi grandi mosaici rappresentanti la Gigantomachia era divenuta banco di speculazione degli archeologici di allora, quali Paolo Orsi, che scav la vicina necropoli bizantina, Giuseppe Cultrera e soprattutto Biagio Pace che ne aveva ben chiara l'importanza.
Lo scavo che diresse Gentili ebbe inizio nel 1949 e in soli sei anni, dato il grande investimento della Cassa del Mezzogiorno, riusc a scoprire la quasi totalit dell'area di rappresentanza della Villa, quella appunto dotata di mosaici e anche di rivestimenti marmorei (la grande Basilica) e pittorici. La parte interrata, che allora sovrastava le rovine, raggiungeva in molti punti lo spessore di quasi cinque metri, dovuti al terreno alluvionale franato dalle pendici del Monte Mangone a est: questo interro era sopravvenuto a partire dal tardo Medioevo, quando l'insediamento arabo-normanno che aveva occupato la Villa e le aree circostanti, era stato improvvisamente abbandonato forse in seguito alle vicende che portarono ad un vero e proprio pogrom cos lo definisce Ferdinando Maurici degli abitanti musulmani durante la rivolta dei Baroni Lombardi contro Guglielmo I.
L'impresa affrontata da Gentili si scontr subito con i problemi dati dai resti di strutture medievali, che sempre pi abbondanti venivano man mano scoprendosi nel corso dei suoi scavi. Si era allora negli anni Cinquanta, quando pesava fortemente la pregiudiziale storico-artistica nella scelta dei monumenti da valorizzare. Fu quindi inevitabile, data la grandiosit del patrimonio musivo che si andava scoprendo, la distruzione dei ruderi medievali che impedivano la vista dei pavimenti. Tuttavia Gentili, con una sensibilit allora rara in un archeologico classico, provvide a redigerne le piante e a documentarne il contesto strati-grafico, raccogliendo la ceramica e le monete bizantine, arabe e normanne ritrovate.
In seguito il clamore suscitato dai mosaici e la necessit di iniziare la progettazione delle opere di restauro della Villa per consentire la visita dei mosaici stessi, che si volevano conservare giustamente nel loro contesto (allora fatto raro,perch normalmente i mosaici venivano "strappati" e musealizzati altrove) ritard la pubblicazione della cronaca degli scavi e dei ritrovamenti.
Tuttavia durante la sua successiva e impegnata carriera che si svolse dal 1963 al 1979 alla Soprintendenza archeologica dell'Emilia Romagna, la Villa del Casale rimase il punto fisso del suo pensiero, fino ad arrivare alla soglia dei suoi novanta anni alla stesura definitiva e alla pubblicazione in tre volumi (nel 1999) delle operazioni di scavo condotte allora e di tutti i rinvenimenti scultorei, monetali, ceramici (dal tardo-antico al tardo Medieoevo), nonch delle pitture parietali di cui, nel corso di questi anni, aveva provveduto a fare eseguire restituzioni grafiche a colori.
Paradossalmente i volumi di Gentili, nonostante la tarda data di pubblicazione rispetto agli scavi, sono attualissimi. Infatti, anche sullo stimolo di questa pubblicazione, sono ripresi i lavori sul periodo di occupazione medievale della Villa. Si cos scoperta quella parte dell'abitato medievale che era ancora conservato a sud della Villa e che ora stato musealizzato per mezzo dei finanziamenti Por, ed inoltre si allestita, dedicandola a Gino Vinicio Gentili, un'esposizione dei nuovi e dei vecchi scavi sulla Villa che si inaugura oggi.
Ma l'attualit dell'opera di Gentili risulta anche dal confronto delle scelte di restauro da lui programmate e che portarono alla copertura Minissi che fu allora frutto di un ampio dibattito sui criteri di musealizzazione in sita con il nuovo progetto di copertura realizzato dal Centro regionale di restauro, che non prescinde dall'operato Minissi, ma che inevitabilmente apporta nuove modalit che tengono conto delle esperienze passate.
Si spera che tutte queste imprese, di studio e di restauro, che stanno per essere realizzate nella Villa, possano essere la base di un futuro parco archeologico che rilanci le tematiche di ricerca, di conservazione e fruizione della Villa: in modo che questa porti sempre con s l'impronta dell'opera di Gentili.



news

28-03-2015
Su eddyburg l'intervento di Anna Marson al Consiglio Regionale dopo il voto di approvazione del Piano Paesaggistico della Regione Toscana

27-03-2015
Documento sulla biblioteca della Gam di Torino

27-03-2015
Dal blog di Tomaso Montanari: sulla biblioteca della Gam di Torino

27-03-2015
Il Governo impugna la legge umbra sul Piano territoriale

27-03-2015
Salviamo il Paesaggio dellUmbria, intervenga il governo

27-03-2015
RASSEGNA STAMPA: aggiornata al giorno 27/03/2015

25-03-2015
Dal blog di Tomaso Montanari: Bernini non partito

24-03-2015
Interrogazione a risposta scritta in VII Commissione

22-03-2015
Dal blog di Tomaso Montanari: Salviamo l'Umbria!

21-03-2015
Dal blog di Tomaso Montanari: Lasciate in pace Bernini

20-03-2015
A Foggia appuntamenti dedicati al patrimonio culturale palestinese

20-03-2015
Petizione al Ministro Franceschini per il sostegno al progetto ASRI-Archivio Storico nazionale e banca dati dei Restauratori Italiani

19-03-2015
Pubblicato il sito sul Centro di Raccolta di Sassuolo delle opere terremotate nel 2012

19-03-2015
Ultime adesioni all'appello Non lasciamo uccidere il paesaggio toscano

17-03-2015
Non lasciamo uccidere il paesaggio toscano. Elenco aggiornato delle adesioni

15-03-2015
Non lasciamo uccidere il paesaggio toscano. Appello urgente

14-03-2015
Intervento di Adriano La Regina: Roma moderna. I Fori e la citt.

08-03-2015
Un intervento di Sergio Rinaldi Tufi sul progetto sui Fori Imperiali

03-03-2015
Lettera aperta al Ministro Franceschini di un dottorando californiano per la libera riproduzione in archivi e biblioteche

02-03-2015
Segnalazione: contributo di Giuliano Volpe e Roberto Goffredo sull'archeologia dei paesaggi

02-03-2015
Risposta a Guzzo dagli archeologi di Sibari

02-03-2015
Comitato per la Bellezza: I vandali olandesi sono partiti dai pullman parcheggiati dentro Villa Borghese? Uno sconcio ed un pericolo costanti

28-02-2015
NOMINE DEFINITIVE DIRIGENTI MIBACT

27-02-2015
FIRENZE - Dopo la catastrofe La storia dellarte e il futuro della citt

26-02-2015
Da The Art Newspaper: Ninevah gate and Mosul museum attacked by Islamic State fanatics

25-02-2015
Primo progetto italiano di Data-Volumes su temi archeologici

20-02-2015
Concorso Ippico a Piazza di Siena: riportarlo alle origini o trasferirlo a Tor di Quinto

18-02-2015
Dal blog di Giuliano Volpe: sulle concessioni di scavo

16-02-2015
Appello della SFLI per la libera riproduzione di documenti di archivi e biblioteche pubbliche

16-02-2015
Nella sezione Interventi e recensioni "Qualche domanda su Sibari" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news