LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'indifferenza dei privati: appena 600 mila euro di contributi
FRANCESCO BIANCO
04-AGO-2006 La repubblica, Napoli





La querelle che si scatenata in questi giorni sul teatro San Carlo appare strumentale agli occhi di chi conosca un poco la situazione dei teatri lirici e della gestione della cultura in Italia e a Napoli in particolare. Nei giorni scorsi, infatti, in contemporanea alla nomina di due componenti di competenza ministeriale nel Cda del San Carlo montata la polemica se anche il sovrintendente Lanza Tomasi dovesse essere cambiato, perch, si detto, la sua azione stata fallimentare. Il bilancio, approvato recentemente dal vecchio Cda, presenta un passivo di 4,5 milioni, e ci bastato per lanciare l'anatema contro il sovrintendente. Qualche buontempone ha anche fatto il nome del Maestro Muti alla guida del nostro Massimo, probabilmente scambiando uno dei pi grandi direttori d'orchestra di tutti i tempi per un manager, che deve avere tutt'altre qualit. Il problema veramente serio che nella nostra citt la cultura viene trattata e usata come se fosse un campionato di calcio: tutti hanno da dire o consigliare qualcosa, perch si sentono tutti competenti.
Sono stato molto felice che il ministro Rutelli abbia nominato nel Cda del San Carlo due donne. Conosco personalmente una delle due, Rosita Marchese e sono sicuro che la sua cultura e conoscenza nel campo giornalistico e televisivo potranno fare molto per l'ente lirico. Non conosco l'imprenditrice Geppina Gambardella Punzo; mi ha lasciato un po' perplesso una sua affermazione in cui dice di non conoscere profondamente la lirica, ma suo nonno ne era appassionato... Spero, invece, che l'ingresso di una imprenditrice nel Cda sia preludio per una "sveglia" delle coscienze molto sopite della imprenditoria nostrana che chiede solo alla pubblica amministrazione e poco d.
E qui viene il nodo gordiano della situazione San Carlo. Due leggi fondamentali (la 367 del 1996 e la 134 del 1998) hanno profondamente innovato nel campo degli enti che operano nel settore musicale, trasformandoli in "fondazioni di diritto privato". Queste leggi da un lato hanno permesso ai privati di entrare a far parte dei Cda di questi enti, dall'altra hanno decurtato enormemente il contributo statale (Fondo unico dello spettacolo). Il concetto, del resto, semplice: ai privati, investitori o mecenati che siano, consentito di nominare un proprio rappresentante nel Cda dei teatri, purch versino nelle casse dell'ente almeno l'8 per cento, rapportato al contributo statale. E qui, per Napoli, sono sorti i gravi problemi. Volendo fare un rapido raffronto tra i maggiori enti lirici nazionali, si nota subito la quasi totale indifferenza dei privati per il San Carlo. Il contributo dei privati di una miseria che dovrebbe far arrossire tutti: appena 600 mila euro. La Scala di Milano, ad esempio, solo dai privati ha un contributo di 20 milioni l'anno. Si dir: ma la Scala un'altra cosa. Ebbene, il teatro del Maggio Fiorentino ha toccato nel 2005 i3 milioni e mezzo; il Teatro Regio di Torino i 6 milioni; la Fenice di Venezia i 2 milioni e mezzo; il Verdi di Trieste (260.000 abitanti) l milione e mezzo; il Comunale di Bologna i 2 milioni; l'Arena di Verona i 4 milioni.
A Napoli l'attenzione per la cultura latita, purtroppo, e non bisogna buttare la croce come al solito addosso alla politica o agli enti locali. La Regione specialmente fa la sua parte, da quando nella trascorsa legislatura nella Finanziaria regionale del 2003 il contributo fu elevato a 5 milioni. Cos come il Comune e la Provincia che complessivamente danno lo stesso sostegno economico. Non lo stesso, purtroppo, da parte del governo. I parlamentari campani dovrebbero sollecitare il ministro Rutelli a non procedere a ulteriori decurtazioni per il San Carlo. Per quest'anno, infatti, si prevede un gettito inferiore di tre milioni (da 17 milioni a 14). Se fosse erogato almeno il contributo dell'anno scorso, il bilancio si chiuderebbe con 1 milione e mezzo di passivo; se invece di precipitarsi per il biglietto omaggio alla prima, pronti ad applaudire appena l'orchestra fa una pausa prevista dallo spartito pensando che la musica sia finita, si precipitassero a fare un po' di colletta per la sopravvivenza del San Carlo, che, malgrado tutto, anche quest'anno ha messo su un cartellone di tutto rispetto?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news