LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Resti romani in un casolare
GENNY GRILLO
il Giornale di Napoli, 3 agosto 2006

I tecnici della Soprintendenza hanno avviato il restauro del reperto

POMPEI. Una colonna in tufo di epoca romana, datata tra il secondo e il primo secolo avanti Cristo, alta un metro e sessanta, con un diametro di sessanta centimetri. I carabinieri del presidio di via Lepanto, alle dipendenze del dinamico luogotenente Vittorio Manzo, l'hanno rivenuta durante un normale controllo della periferia rurale. L'importante reperto archeologico stato consegnato ai tecnici della soprintendenza autonoma di Pompei che si adopereranno per far sparire i segni del tempo trascorso.
La scoperta, per certi versi rocambolesca, stata fatta all'interno di una casa colonica in localit "Pizzo Martino".
Qui, alla estrema propaggine della cittadina mariana, nei pressi del complesso archeologico, i militari della compagnia di Torre Annunziata, diretta dal capitano Fernando Maisto e dal vice, tenente Valentino Nevosi, si sono imbattuti nella colonna. Si trovava in uno degli ambienti della costruzione, ormai disabitata ed abbandonata al suo destino. Non appena gli investigatori si sono resi conti dello spessore del ritrovamento hanno prontamente dato l'allarme ed allertato la Sap.
Sul posto si recato uno degli archeologi in servizio presso la struttura gestita dal professor Pietro Giovanni Guzzo, affiancato dal direttore amministrativo Luigi Crimaco.
L'esperto ha confermato quelle che, all'inizio, erano solo delle sensazioni. Immediatamente sono state avviate le indagini del caso per risalire alla identit dei proprietari deh"appezzamento di terreno e del casolare. probabile, ma, almeno per il momento, mancano conferme ufficiali, che il reperto sia venuto alla luce nel corso di lavori fatti negli anni scorsi e che, per il timore di un intervento da parte delle autorit, la notizia non sia stata comunicata a chi di dovere.
Queste ed altre ipotesi, comunque, saranno oggetto di accurata verifica da parte degli investigatori. La prossimit alle rovine romane, del resto, tale da lasciar supporre che, nell'arco di diverse centinaia di metri in linea d'area, potrebbero emergere altre testimonianze della civilt romana che tanto ha inciso sul nostro modo di vivere e di concepire il diritto.
Dopo aver effettuato i rilievi del caso, gli uomini, coordinati, sul campo, dal luogotenente Manzo e dai suoi pi stretti collaboratori, hanno provveduto ad affidare il cippo al laboratorio di restauro della soprintendenza archeologica che provvedere al restauro.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news