LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come e perch il Bel Paese diventato il Paese del Brut
il Riformista 21-07-2006

Il professore parla del concetto in evoluzione, ma piuttosto in ebollizione. E pi del brutto d'arte, come il Quasimodo di Victor ugo o il Rigoletto verdiano, devastante quello della quotidianit che sta trasformando l'Italia in una imitazione di se stessa.

Dopo Storia della Bellezza ecco che il professore dei professori, il semiologo d'idee, l'eco della valle di lacrime italiana, il postino di Minerva, Umberto, appunto, Eco, ci offre Storia della bruttezza, ancora in lavorazione, ma prevedibilmente un altro successo di vendite. Uno studio veramente importante per un paese come il nostro abituato cos tanto a essere, e sentirsi, bello. Vedi anche i giovanotti azzurri, campioni del mondo, con l'occhio ceruleo perso nel vuoto del proprio pensiero, ovvero, come diceva Sant'Agostino, nel niente dotato di spazio. Tanto sicuri di essere belli, dicevamo, siamo noi italiani, da essere stati capaci di produrre, intorno alle nostre intoccabili meraviglie le brutture pi assolute, in termini di urbanistica e, o anche, di semplici abitazioni private. Il Bel Paese si mantenuto in vita lasciando che accanto gli proliferasse tranquillamente il Brut Paese o Paese del Brut. Eco parla del concetto di brutto in evoluzione, ma io direi che da noi siamo al brutto in ebollizione. Quando la meraviglia rischia di diventare poltiglia. Vedasi la situazione in cui si trova Venezia, dove la ricchezza costruita nei secoli svilita dalla ricchezza accumulata durante un week-end, svendendo a orde di turisti, inebetiti, un'idea di bello falsa e corrott.a La bruttezza dei mimi immobili, nei campi e per le calli, che fanno le statue, dipinti d'argento o d'oro, gi un crimine contro i diritti umani, non dei mimi, ma dei passanti. Per non parlare dei negozi di maschere , veri campionari scientifici di un brutto studiato al laboratorio, probabilmente iniettando nei ratti il virus del cattivo gusto, osservando quale maschera avrebbero azzannato per prima. L'arricchimento dei bottegai direttamente proporzionale all'imbruttimento della citt. Eco parla del Quasimodo di Victor Hugo, del Rigoletto verdiano fino ad arrivare al brutto cattelaniano. Ma a noi non interessa, in questo momento, il brutto dell'arte ma quello della quotidianit, che sta trasformando l'Italia in qualcosa di amorfo e in una imitazione di se stessa. Pensiamo a Firenze che cullandosi nella culla del Rinascimento non riuscita a produrre, negli ultimi quattrocento anni, un'architettura decente che potesse circondare il centro storico con dignit, se escludiamo la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella disegnata dallo studio Michelucci, diventata essa stessa anzich esempio, mostro sacro attorno alla quale non possibile muovere una pietra e, quando mossa, come nel caso della sfortunata pensilina di Toraldo di Francia, capace di creare scandali sproporzionati all'immobilismo generale. Le citt storiche italiane sono come le persone delle quali si ammirano gli occhi per non dire che per il resto sono brutte. La maggior parte delle citt italiane oggi hanno dei begli occhi ma dei corpi da fare schifo. L'Italia ha continuato a farsi il trucco senza accorgersi che tutto il resto stava inflaccidendosi Eco dice che al brutto ci sia abitua o almeno lo si guarda con occhi diversi a seconda dei periodi storici, prendendo a esempio la Stazione Centrale di Milano, ma si potrebbe anche parlare dell'Altare della Patria di Piazza Venezia a Roma. Credo che i suoi esempi siano pi mostruosit che brutture, due cose diverse. Come diverso King Kong da Alberto Vitali, Pierino del cinema spazzatura italiano. Il mostro inevitabile, dobbiamo confrontarci con esso, giustificandolo culturalmente o abbattendolo. Il brutto infido, o ti fa ridere o ti annoia. Spesso non lo si nota nenimeno infiltrandosi nel vivere comune, come quell'architettura mediocre di certi quartieri, che nasconde la sua bruttezza in una anonima comodit. Lo stesso vale per le trasmissioni sportive, le maratone di discussioni dopo ogni partita, dove nulla e veramente mostruoso ma tutto mediamente noioso, brutto, capace di assuefare distraendo. Le giornate, la vita, diventano brutte senza che ce ne accorgiamo nemmeno. Di colpo siamo circondati da una popolazione rasata a zero, oppure con dei nodi di cravatta che sembrano nodi scorsoi. Il brutto produce una metamorfosi dove stravaganza, eleganza e tracotanza si fondono insieme generando nuovi soggetti sociali indefinibili, mostriciattoli, nemmeno mostri, da cui difficile difendersi. Tutto questo perch siamo convinti che il bello del nostro paesaggio e della nostra cultura ci proteggeranno per sempre, ma non cos. A Washington in corso la mostra Bellini, Giorgione, Tiziano e il Rinascimento della pittura Veneziana. Una mostra che copre un breve periodo della storia dell'arte, dal 1500 al 1530, ma tuttavia trenta anni che hanno prodotto tre giganti della pittura. Eppure durante quel periodo Venezia non se la passava certo bene, essendo attaccata da una parte dai Turchi e dall'altra da Roma, dalla Spagna e dalla Francia. Un incendio aveva distrutto Rialto e la peste aveva cominciato a mietere le sue vittime. La cultura e il bello, inoltre, erano pi rigogliosi che mai. La citt sfidava il presente immaginando il proprio futuro. Su questo dobbiamo riflettere. Distratti dalla tragedia medio orientale e dalla guerra vera, non dobbiamo per dimenticare la guerra che necessario combattere contro il letargo sociale e culturale, la stagnazione delle idee, l'avidit del brutto, batteri che divorano il futuro. La nostra situazione non certo tragica, n paragonabile, nemmeno per un attimo, a quella dei popoli funestati da guerre o altri flagelli. Siamo fortunati. Ma la fortuna non deve essere una scusa per lasciare che tutto affondi nelle sabbie mobili della storia e del bello. La morte non arriva sempre. e per fortuna, dal cielo e dai missili, ma anche dalla pacifica, inerte, accettazione del tutto diventato niente ma dotato di brutta



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news