LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prospettive di valore per il passato:
Luca Salvioli
Sole 24 Ore Nova, 20-LUG-2006



Con le nuove tecnologie l'Italia valorizza i beni artistici, promuove ed esporta innovazione

II passato pu risorgere dalle sue ceneri per mostrarsi pi reale che mai. Per farlo attinge dal frutto di conoscenze stratificate nei secoli di storia che lo hanno succeduto. Pesca dal futuro e genera innovazione. Si palesa grazie alla realt virtuale, per favorire la conoscenza e il piacere di apprezzare i particolari di una pittura, di una scultura, o semplicemente gli usi e i costumi che furono. Un patrimonio che nel resto del mondo viene automaticamente associato al nome Italia, e che per essere valorizzato utilizza le tecnologie pi innovative. Si sentono le cifre pi disparate quando si parla della percentuale di beni artistici presenti nel nostro Paesespiega Maurizio Forte, vice presidente del Virtual Heritage Network, laboratorio dell'Istituto
per le Tecnologie applicate ai Beni culturali del Cnrma se non li si conosce bene, i numeri valgono poco. Per questo Forte e il suo Virtual Heritage da anni sperimentano forme di fruizione dei beni culturali che sfruttano le nuove tecnologie e la realt virtuale. Il primo grande sistema di musealizzazione virtuale, il Virtual Heritage Lab lo ha realizzato a Padova, per la Cappella degli Scrovegni.
Dopo la restrutturazione del 2003 chi voleva ammirare gli affreschi di Giotto aveva solo 15 minuti da dividere con altre 20 persone. Dopo il susseguirsi di lamentele dei visitatori, il Comune di Padova e il Cnr hanno deciso di realizzare una sala multimediale di 18 o metri quadrati a pochi metri dalla Cappella, dove il visitatore potesse avere a disposizione sette postazioni didattiche e multimediali da utilizzare prima della visita "reale" del sito. Le restrizioni della realt fisica sono complesse racconta Forte e hanno a che fare con il tempo, lo spazio e la comprensione. Con una contestualizzazione storico-artistica e una ricostruzione virtuale del monumento le cose cambiano.
Per alcuni la ricostruzione virtuale rischia di far venir meno l'esperienza reale dell'arte. Niente di pi falso continua Fortele nostre statistiche dicono che in questo modo il turista visita pi volentieri il monumento. La stessa definizione di realt virtuale non corretta, bisogna parlare di realt arricchite. Per spiegare il tipo di interazione che nasce con le multimedialit e il virtuale, Forte usa la metafora del libro. Quando si finisce di leggerne uno si ha una sensazione
di incompletezza, fino a che non se ne discute con qualcuno. Cos l'esperienza virtuale non uccide la realt, ma la migliora: il bombardamento di informazioni molto pi complesso, il percorso pu essere scelto liberamente, ogni cambiamento di luce e spazio da nuove suggestioni. Anche perch fondamentale che subito dopo il visitatore passi al sito reale, portando con s una conoscenza maggiore del luogo e del contesto, che porta ulteriore curiosit.
Il Virtual Heritage Lab studia queste reazioni con le neuroscienze e la psicologia. Laver forza del nostro Paese in questo settore la multidisciplinariet continua Forte nel nostro centro mettiamo insieme architetti, archeologi, storici dell'arte, economisti, informatici, ma anche neuroscienziati. All'estero c' una maggiore segmentazione, noi usiamo la tecnologia mettendo davanti i contenuti. Per questo siamo cos richiesti. Il Laboratorio realizza e sta realizzando ricostruzioni virtuali in Cina, Etiopia, Siria, Per, Egitto e Libano, per dirne alcuni. Su questo s che facciamo ed esportiamo innovazione. Ogni Paese deve puntare su quello che lo distingue, noi abbiamo un patrimonio artistico e un arrigia-nato multimediale unico. Nuovi progetti riguardano la ricostruzione virtuale del paesaggio antico dei Fori Imperiali, della via Appia e della via Flaminia. Queste saranno, inoltre, integrate, grazie a un accordo con Seat, all'interno di Pagine Gialle Visual, il nuovo servizio di ricerca territoriale in 3D. Per prendere le misure che permettono la ricostruzione, vengono utilizzati: il laser scanner e il Gps laser scanner per il rilievo 3D, il Gps differenziale per il rilievo topografico, immagini satellitari e la cartografia.
Ma i tipi di fruizione virtuale sono molti. Non esiste solo quella diretta in situ. C' anche quella remota. A Pietrasanta, in provincia di Lucca, i principali capolavori della scultura e dell'arte custoditi nelle pi note gallerie di tutto il mondo possono essere guardati e toccati nel "Museo delle pure forme" sviluppato dai ricercatori del Percro (Perceptual Robotics), il laboratorio di realt virtuale e di robotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Immagini tridimensionali vengono proiettate su schermi di cinque metri per due e viste in 3D dai visitatori che indossano occhiali polarizzanti. Perle sensazioni tattili (si possono provare anche quelle) si indossano eso-scheletri robotici. Al Museo delle pure forme anche i non vedenti possono apprezzare le opere. Toccandole.
Esiste poi la realt aumentata con l'utilizzo di device mobili. Come a Pompei, dove con il progetto Iifeplus, guidato da
Forth (Foundation for research and technology-hellas) e dal MiraLab dell' Universit di Ginevra con diversi partner industriali e scientifici, la visita al sito archeologico cambier decisamente. Il progetto prevede una visita virtuale nella citt di Pompei e tra i pompeiani che l'abitavano duemila anni fa. Tutto ci sar possibile grazie all'uso di occhiali tridimensionali o con un pc indossabile che consentono di vivere e interagire nel luogo come se il tempo non fosse passato. Il turista sperimenta la realt aumentata proprio mentre visita le antiche mura. Nessun tendone o sala multimediale.
Ma le ricostruzioni del passato possono essere ancora diverse. Come in Basilicata, al Parco della Grancia (Brindisi
Montagna), a pochi chilometri da Potenza, dove aprir il prossimo 22 luglio la stagione caratterizzata dal cinespettacolo "La storia bandita", il pi grande spettacolo multimediale di teatro popolare in Italia. "La storia bandita" mette insieme teatro, cinema, musical e si svolge su un set di 2omila metri quadrati. Il periodo delle Insorgenze e del Brigantaggio viene raccontato con: 450 attori> 35 danzatori, 12 cavalieri, pi di 500 proiettori, musiche in multidiffusione, luci, schermo ad acqua con proiezioni cinematografiche, grandi immagini ed effetti pirotecnici. Immagini giganti vengono proiettate sulla montagna. Un insieme di effetti che avvolgono lo spettatore per un'ora e mezza proiettandolo nella scena.
E il futuro vedr crescere le iniziative, soprattutto se l'industria capir che l'innovazione deve passare dal contenuto culturale, aggiunge Forte. La frontiera sono il mobile e il web, che potranno essere utilizzati anche per promuovere i distretti culturali. Il Virtual heritage ha gi realizzato il portale del distretto Valle dell'Esaro, in Calabria. Sul sito www.esarodistrettoculturale.it si pu navigare in tempo reale nel paesaggio tridimensionale. Un altro progetto riguarda il distretto di Salerno. In questo modo il turista pu utilizzare il portale come una guida turisticaspiega Fortescoprendo anche i siti minori e non solo quelli noti che alla lunga diventano autoreferenziali. Il portale ospiter anche informazioni sulle attivit presenti sul territorio, rappresentando un possibile motore per l'economia locale. Perch il vicedirettore non si stancher mai di dirlo: Smettiamola di considerare l'apprendimento come una fatica. La conoscenza il viatico per il piacere.
luca.salvioli@gmail.com



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news