LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'affondo di Settis alla politica toscana
Vladimiro Frulletti
L'Unit Toscana 16/07/2006

MEZZO E MESSAGGIO In questo caso l'attenzione va posta sia sul mezzo che sul messaggio. Perch che Salvatore Settis, storico dell'arte ( professore ordinario di Storia dell'Arte e dell'Archeologia), direttore della Normale di Pisa e neo presidente (nominato dal vicepremier Rutelli) del consiglio superiore del ministero dei Beni culturali, sia un personaggio abituato a parlar chiaro e a criticare chiunque senza guardare alla collocazione parlamentare cosa assai nota. Dunque le sue parole (dure) contro certe scelte della politica toscana sulla tutela (scarsa) del territorio, sul modo di fare cultura e sui finanziamenti a pioggia alla ricerca non giungono inaspettate. Stupisce di pi che lo faccia dalle colonne del nuovo periodico dei Ds (si chiama "la Citt Diffusa" ed figlio di un'idea coltivata per lungo tempo dal capogruppo regionale Paolo Cocchi). Infatti nel colloquio-intervista con la consigliera regionale Ds Fabiana Angiolini (insegnate di filosofia con un passato da assessore alla cultura a Pontedera e a Pisa) Settis non risparmia gli affondo alla Toscana, dagli enti locali fino alla Regione. La premessa che qui si sta meglio che in altre parti d'Italia. Tanto che precisa di essere un toscano d'adozione che ha scelto di vivere qui e oggi non cambierei questa regione con nessun altra.
Assalto al territorio
II che tuttavia non gli impedisce di spiegare che se non si in verte la tendenza, tra 50 anni questa splendida terra rischia di non essere pi riconoscibile. Il riferimento all'assalto al territorio. Settis dice che il sistema della tutela paesaggistica negli ultimi anni si molto indebolito, con un panorama a scacchiera che vede alcuni comuni molto attenti ed altri, indipendentemente dal colore politico, meno, con abbattimenti di pinete costiere, dune, livelli molto elevati di urbanizzazione. Un quadro in cui le soprintendenze hanno scarsi mezzi (spesso non dispongono di grandi esperti di paesaggio) e scarsi poteri (oramai danno pareri sostanzialmente consultivi) tanto che poi il rapporto con chi deve governare il territorio (comuni e regione) cos intricato da lasciar spazio all'improvvisazione. Un trend in peggioramento. La soluzione? Pi consapevolezza e pi rispetto del "bene" paesaggio. Siena - spiega ancora Settis - cos bella perch sin dal 1200 vi era una pianificazione urbanistica e magistrati che la facevano rispettare. Oggi, verrebbe da dire, la regola sono le varianti urbanistiche e l'eccezione i piani regolatori.
Piazze senza concerti
Ma Settis c' l'ha anche con la Toscana che utilizza le sue piazze storiche come quinte, luoghi di grandi eventi come i concerti, con annessi danneggiamenti e tappeti di bottiglie rotte. Perch in questo modo barbaro si distruggono i luoghi con la scusa di valorizzarli. Da qui l'invito riferito a tutti i vari addetti alla cultura toscani a avere un sussulto di civilt, il coraggio di dire che nelle piazze non si possono fare concerti. Di qualunque tipo di musica, dal rock al mio amatissimo Mozart.
Ricerca e soldi a pioggia Poi dopo aver criticato la moda delle mostre e degli enti effimeri spesso culturalmente inutili e economicamente poco significativi, Setti dedicata l'ultimo affondo alla politica della Regione per la ricerca. Il direttore della Normale prima ricorda che l'Italia il fanalino di coda della U sia in investimenti pubblici che privati, e poi spiega che la Regione non ha la mano felice erogando contributi a pioggia, senza bocciare nessuno e quindi senza promuovere davvero nessuno. Cos si garantisce il mantenimento di un certo consenso, che alla lunga per non paga. Meglio la capacit di selezione delle Fondazioni bancarie come il Monte dei Paschi di Siena.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news