LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia, Birgi: Ritrovamento tra villette in costruzione
RINO CIACALONE
15 Luglio 2006, LA SICILIA



In un dedalo di viuzze, nel baglio Passalacqua, ci sono una serie di cantieri edili e di casette realizzate a ridosso dello Stagnone

Birgi Vecchi. Qui non ci si pu arrivare per caso. Bisogna andarci a colpo sicuro. Non sono strade di transito, anzi sono lontane dalla striscia di asfalto maggiormente battuta e che quella che collega l'aeroporto di Birgi alle frazioni litoranee di Marsala. Non appena si imbocca questa strada, fatti pochi metri, bisogna subito piegare verso destra e
infilarsi in un dedalo di vie, ritrovandosi nell'antico abitato agricolo di Birgi. Non si deve arrivare in fondo dove ci sono le antiche saline e i manufatti di un tempo, ma ancora bisogna andare in mezzo alla campagna, che comunque densamente segnata da edifici di ogni genere, agricoli e residenziali, e infine giungere nel baglio Passalacqua. Ci sono una serie di cantieri, villette realizzate a ridosso dello Stagnone e che hanno dinanzi il suggestivo e incantevole, quanto invidiabile panorama di Motha. Tra un cantiere e l'altro ci sono delle palizzate di lamiera (a proposito perch non realizzare recinti di altro genere e non i soliti ondulati e zingati) che recano l'insegna della Soprintendenza dei beni culturali. Saggi conoscitivi, indagini archeologiche in corso viene spiegato. Nulla tradisce che invece in quel punto stata fatta una scoperta che sembra essere di grande valore.
Ecco le antiche tombe di era punica si possono vedere a pochi metri dall'ingresso. Subito se ne scorgono un paio davanti, altre un po' scostate verso la destra, altre in fondo, qui c' lo scavo , che ne contiene molte. In tutto una trentina. A lavorare usando mani e mezzi artigianali e nessun mezzo meccanico sono un paio di operai. Si muovono da esperti e di colpo mentre chiediamo notizie delle ricerche in corso ecco che compare un frammento biancastro in mezzo alla terra che copre una delle tombe, una piccola porzione di un osso. Dentro un contenitore di plastica sono riposti invece dei cocci, ci che resta degli ornamenti funerari.
Delle tombe restano solo le pietre che componevano in forma rettangolare. Non ci sono pi le lapidi, alcune delle pietre sono scavate, portano sopra i segni degli aratri che per secoli hanno lavorato questa terra. Alcune lapidi addirittura nel tempo sono state trovate sulla vicina spiaggia, qualcuna si trova ancora sul basso fondale dello Stagnone, perch una volta quando muovendo la terra uscivano fuori quelle che sembravano essere solo delle grosse e ingombranti pietre, i contadini finivano con il buttarle in mare.
1 lavori di ricerca della soprintendenza sono scattati dopo che la ditta pro-prietaria dell'area ha presentato un progetto per realizzare un residence. A norma di legge trovandosi in zona soggetta a tutela paesaggistica ed archeologica, i lavori possono essere autorizzati dal Comune (di Marsala in questo caso) solo dietro nulla osta dei Beni Culturali. Se la zona risulta di importante valore pu anche accadere che il nulla osta non venga concesso, oppure ci sono altre soluzioni, che possono pure suscitare qualche dubbio, ma la legge che lo consente spiegano i tecnici.
La procedura che si sta seguendo oggi quella che in passato stata applicata per dare il via libera alla costruzione di altri insediamenti. Anche per il residence che estate costruito proprio affianco al cantiere della soprintendenza. Sembra che fi sia stata addirittura rinvenuta una tomba con uno scheletro, non essendoci altro, il ritrovamento stato rimosso, portato altrove, a disposizione della soprintendenza, e per il resto si permesso di potere costruire. E qui cosa accadr? Dobbiamo portare a termine gli scavi - spiega la prof. Griffo - e dunque valutare l'importanza del ritrovamento e in conseguenza di ci decideremo il da farsi.
Potrebbe succedere che le tombe trovate vengano ricoperte in modo tale che niente possa intaccarle e alla fine dare l'autorizzazione a costruire anche sopra di esse, rester registrato il ritrovamento...a futura memoria. Oppure spostare alcune delle tombe nella porzione dello stesso terreno che non interessato ad alcun insediamento costruttivo, ha una destinazione a verde attrezzato, e quindi collocare in vista i ritrovamenti, almeno quelli pi integri. Altra ipotesi anche quella di spostare qualcosa all'interno di un museo. A
Mothia per esempio si trovano le tombe e gli ornamenti funerari che un decennio addietro vennero rinvenute sempre sulla costa di Birgi, nella propriet Monteleone. Scoperta che anche in quel caso venne fatta durante delle indagini archeologiche preventive alla concessione di un nulla osta per un intervento edilizio.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news