LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA: Sos per ville antiche e giardini
MERCOLED 5 LUGLIO 2006, la Repubblica, palermo




Sono la memoria della citt, un patrimonio culturale comune da tutelare e valorizzare, bench sia spesso considerato minore. Le ville storielle baresi realizzate fra '800 e '900 e il relativo territorio sono al centro del confronto avviato ieri fra Comune e Soprintendenza. L'obiettivo quello di metterle sotto tutela e al contempo di preservare le aree circostanti da nuove lottizzazioni. Il punto di partenza sar il censimento curato da Michela Tocci, storico dell'arte barese.
Il pm Rossi ha chiesto il processo anche per Andreassi e Laddaga
"Parco Botromagno, tutti a giudizio"
IL PM Roberto Rossi ha chiesto il rinvio a giudizio di tutte le 17 persone indagate per il parco archeologico fantasma di Botromagno, lo sperpero di finanziamenti pubblici e la compravendita di reperti.
L'accusa vuole mandare alla sbarra, tra gli altri, il soprintendente Giuseppe Andreassi, l'ex consigliere comunale
Michele Laddaga e la sorella dell'ex procuratore capo di Bari, Angela De Marinis. Le accuse contestate, avario titolo, vanno dal commercio illegale dimateriale archeologico agli scavi compiuti senza autorizzazione, dall'attestazione di collaudi mai avvenuti alla frode nell'esecuzione del contratto pubblico d'appalto.


LE VILLE storiche baresi sono la memoria della citt. E pertanto vanno protette, tutelate e valorizzate come patrimonio culturale comune. Su questa tesi l'amministrazione comunale apre un dibattito con un incontro pubblico,
svoltosi ieri pomeriggio nella sala consiliare, organizzato dall'assessorato all'Ambiente. A discutere e ragionare intorno al problema, insieme al sindaco Michele Emiliano e a Cesare Veronico, gli assessori Maria Maugeri (Ambiente) e Ludovico Abbaticchio (Urbanistica) e un pool di esperti: Ruggero Martines, direttore regionale dei Beni culturali, Michela Tocci, storico dell'arte e coordinatore della competente Soprintendenza, Franco De Mattia, ordinario di Disegno dell'architettura al Politecnico e Vittorio Marzi, presidente dell'Accademia delle Scienze di Bari. Obiettivo dell'iniziativa quello di ottenere dalla Soprintendenza il vincolo di tutela per i territori sui quali le ville insistono.
Il nostro incontro spiega Cesare Veronico scaturito all'indomani di un consiglio comunale, durante il quale all' ordine del giorno c'era una delibera riguardante una lottizzazione alle spalle del fabbricato di Villa Costantino. Il dibattito in Consiglio ha riacceso i riflettori sul problema della conservazione della memoria urbanistica della citt, perch in definitiva queste ville sono ormai le poche a restare in piedi della Bari di ieri. Ma la questione tutt'altro che conclusa. Proprio a ridosso di Villa Bonomo, dinanzi all'Ospedaletto, prevista un'altra lottizzazione che all'ordine del giorno del Consiglio comunale. Abbiamo, insomma, avvertito l'esigenza di avviare un confronto con la Soprintendenza per capire quale possa essere il percorso che il governo di questa citt pu intraprendere affinch si arrivi all'estensione del vincolo della Soprintendenza stessa sulle aree attigue alle ville storiche, beni da tutelare quindi anche nell'integrit del contesto architettonico e urbanistico, verde compreso, in cui insistono.
Una questione annosa, quella della tutela delle dimore storiche baresi, realizzate fra Ottocento e Novecento, alle quali proprio Michela Tocci ha dedicato un lavoro certosino: un censimento, l'unico esistente sul tema, racchiuso nel volume Ville e giardini a Bari fra '800 e '900 scritto insieme a Giuseppe Romanelli e uscito perle edizioni Adda nel 1996.
L'esame delle ville storiche sottolineava gi dieci anni fa la Tocci ha posto in drammatica evidenza il precario stato di conservazione sia dei fabbricati che delle aree verdi connesse: carenze nella manutenzione legate alla propriet prevalentemente privata di questi immobili e, quindi, in genere all'esiguit dei mezzi rispetto agli alti costi di gestione, ma non di rado riconduci-bili alle mire speculative dei proprietari, incoraggiate da strumenti urbanistici che spesso consentono l'edificabilit di parchi e giardini.
Hanno nomi spesso altisonanti le dimore per la villeggiatura sorte alla periferia della citt fra la met dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento. Appartengono in genere all'aristocrazia barese e costituiscono un patrimonio a torto considerato "minore": per citarne qualcu-na. Villa Santina, Villa Di Cagno Abbrescia, Villa Galbiati, Villa Roth, Villa De Grecis. Osservando l'ubicazione delle dimore prese in esame nella ricerca rileva ancora Michela Tocci appare evidente che alla base delle scelte insedia-tive ci sono stati spesso fattori comuni, chiaramente individuabili: la facilit di comunicazione con la citt; la preferenza, quando possibile, per i siti pi elevati; la collocazione del fabbricato al centro del possedimento, soprattutto nel caso di tenute agricole particolarmente ampie quali Villa Bonomo, la Masseria del Feudo e Villa Starita.
Si tratta di elementi correlati fra loro che rispondevano da un lato alla necessit di godere la vita in villa con tranquillit e dall'altro di poter seguire gli interessi personali anche durante il periodo estivo, in un'epoca in cui l'abitudine di andare in ferie interrompendo del tutto il lavoro era ancora di l da venire.
Una delle strade preferite dai committenti per la costruzione delle loro dimore estive fu sicuramente la Via per Carbonara, attuale corso Benedetto Croce nel primo tratto e corso De Gasperi nel secondo. Ma siti privilegiati furono anche la Via per Capurso, oggi via Amendola, e la Via per Bitritto, detta anche via delle Murge: lungo queste arterie che ancora oggi si possono ammirare le belle ville del tempo andato: quelle che il Comune vorrebbe proteggere e valorizzare con l'aiuto della Soprintendenza.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news