LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Il mio Mantegna contro il potere". Darlo Fo in anteprima racconta la mostra dei Trionfi e le lezioni perla Rai
Igor Cipollina
GAZZETTA DI MANTOVA, 04-LUG-2006





Oggi la presentazione dell'allestimento in San Sebastiano Capolavori ridipinti. Andrea era una bestia con chi gli pestava i piedi e sparava ironie su chi comandava


"Il trionfo e lo sghignazzo", ovvero come spiare la storia dell'arte attraverso il buco del grottesco. Lo sberleffo sotto gli occhi di tutti, ma in pochi riescono a vederlo. A forzare la serratura Dario Fo. Giullare, pittore, regista e Nobel. Sempre diffidente verso i potenti. "I padroni", come ancora li chiama. Mancano poche ore all'inaugurazione della mostra (alle 11 di stamattina) e il maestro si aggira per il Famedio come in una bottega d'arte. Passa in rassegna ogni dipinto, ne accarezza le tele e ne studia da vicino i colori. Vorrebbe pi luce. Da istruzioni e chiede conferme. E intanto risponde anche alle domande della Gazzetta, a cui ha concesso un'intervista in esclusiva. Sull'arte, il Mantegna e i potenti di sempre.
Fo uomo e artista generoso, non si sottrae alle domande e ha voluto che la presentazione di oggi fosse aperta a tutti. Alle pareti del Famedio i dieci "Trionfi" (i nove esposti ad Hampton Court pi "I senatori", mai realizzato per i Gonzaga) e settanta disegni del Mantegna. Tutti scansionati al computer e ridipinti su tela assieme a tre allieve dell'Accademia di Brera: Allegra Bernacchioni, Lisa Masetti e Roberta Monopoli.
La mostra un assaggio alla lezione-spettacolo che il maestro proporr nel Cortile d'Onore di Palazzo Te gioved e venerd sera, ripreso dalle telecamere di Rai Tre. Domani, invece, la prova generale ad inviti.
Partiamo dallo sberleffo come chiave di lettura della storia dell'arte e della cultura in generale.
sempre sorprendente accorgersi di come gli antichi avessero un senso dell'humour, dell'ironia e del grottesco molto pi alto del nostro. E anche gli intellettuali erano molto pi coraggiosi, si esponevano rischiando ogni volta non soltanto di essere cacciati o esclusi dalla professione, ma addirittura la galera o, peggio ancora, la morte.
Eppure insistevano e gli atti di questo loro coraggio hanno portato allo sviluppo straordinario della coscienza civile degli uomini.
A cosa rispondeva il gusto dello sberleffo, forse a un desiderio di rivalsa verso i potenti?
No, al fatto di non voler accettare la falsit, l'ipocrisia e soprattutto la retorica. E allora ecco questi uomini che davanti alla commissione di dover elogiare il coraggio dei vincitori, il trionfo del padrone Francesco II nel caso del Mantegna, riescono addirittura a ribaltare la situazione e a sparare delle ironie e dei grotteschi notevoli contro il potere stesso che vorrebbe essere gratificato.
Lo sghignazzo ancora riconoscibile nell'arte di oggi o ne rimasta soltanto un'eco lontana?
C' ancora, e meno male che c'. Credo di essere uno degli esempi viventi e come me ci sono dei giovani e delle persone che hanno rischiato, si sono fatti gettare via dal loro mestiere e ancora oggi hanno difficolt a rientrare, con tutto che si dice che c' la democrazia. Sempre lento il cammino.
Gridare che il re nudo un dovere dell'artista?
Certo, per carit. L'ipocrita che elogia il padrone per denaro il peggiore che ci sia.
Chi lo ha conosciuto descrive il Mantegna come una persona irascibile, attaccabrighe e prepotente. Lei che idea si fatto?
Prima di tutto bisogna ricordarne la storia. Quando ha 10 anni viene messo in un collegio di quelli pesanti dov' sfruttato, per via della sua abilit straordinaria deve addirittura fare delle riproduzioni in serie. Squarcione aveva firmato una carta attraverso cui lo acquisiva come figlio, ma il tribunale di allora annulla questo trucco, giudica che Mantegna stato sfruttato e obbliga il padrone a dargli la libert. Mantegna pu finalmente firmare col proprio nome i dipinti che realizza. Allora, quando restituito alla vita normale, diventa una bestia con chi gli pesta i piedi perch non ne pu pi, perch ha sopportato, stato umiliato e mortificato.
Insomma, il suo caratteraccio era il frutto delle umiliazioni patite.
S, tant' vero che Mantegna aveva delle dolcezze incredibili per i bambini e delle generosit straordinarie.
Il suo sguardo coglie lo sghignazzo in ogni dettaglio dei "Trionfi". Possibile che i committenti non si accorgessero di sberleffi cos evidenti, quasi urlati?
Machiavelli diceva che il potere si era talmente stordito con le trombe e le adulazioni da esser diventato cieco e sordo a ogni ironia sul suo conto. Il re nudo, ma lui l'unico a non sentire questa battuta.
Passi per la cecit dei committenti, ma come la mettiamo con gli studiosi e i critici dell'arte?
La tendenza dominante quella di guardare l'arte per l'arte e non i suoi diversi piani. L'arte del fare satira, dell'irridere, di capovolgere la logica del potere, questo non si deve mai studiare.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news