LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una card per tutti i musei della Capitale. Dai musei centomila posti di lavoro
Lauretta Colonnelli
Corriere della Sera - cronaca Roma 3/12/2002

Una tessera da utilizzare per pi giorni, che consenta laccesso a tutti i musei e alle aree archeologiche comunali e statali, che preveda una riduzione del costo dei biglietti e la possibilit di usare gratis i mezzi pubblici e i servizi per linformazione, che faciliti lacquisto di pubblicazioni multimediali, che offra lopportunit di partecipare a spettacoli ed eventi culturali. E la proposta di Stefano Bianchi, segretario generale della Cgil di Roma e Lazio, subito accolta dai sindaco Walter Veltrom e da Giancar1o Elia Valori, presidente dellUnione Industriali di Roma, nel corso di un convegno che si svolto ieri al Macro (museo di arte contemporanea). A Roma - sostiene Bianchi- ormai diventato urgente creare un sistema integrato nella gestione dei beni culturali da parte del Comune e del ministero. E primo essenziale passo per orientare gran parte del sistema economico verso una risorsa ancora scarsamente valorizzata sotto il profilo economico. Veltroni ha ricordato che gi da qualche mese ha presentato al ministro Urbani lidea di una fondazione che dovrebbe raggruppare musei statali e comunali e alla quale dovrebbero lavorare insieme i sovrintendenti municipali e quelli dello Stato. Il turista che arriva a Roma, ha sottolineato il sindaco, spesso ha difficolt a conoscere la grande e variegata offerta culturale della citt. Eppure - ha specificato - basterebbe poco per creare una card con cui entrare in tutti i musei pubblici e privati. Per il momento il Comune sta preparando una go-card rivolta ai ragazzi romani, con la quale non solo potranno entrare nei musei, ma anche avere sconti nelle librerie, nei cinema e nei teatri.
Bianchi si spinge ancora pi avanti, proponendo la costruzione di un vero e proprio distretto culturale. In questo modo- spiega - si creerebbero opportunit di lavoro e di occupazione in pi settori: da una vasta gamma di prodotti artigianali di qualit alle attivit di restauro sia di cantiere che di bottega; dalle iniziative imprenditoriali di global service come la ristorazione, la guardiania, i bookshop, al sistema turistico e commerciale; dalle pubblicazioni multimediali allinnovazione tecnologica per luso di strumenti digitali e virtuali. Un progetto che, se venisse realizzato, creerebbe 100 mila nuovi posti di lavoro, come afferma Fulvio Vento, presidente di Zetema, il primo global service della capitale. E il presidente degli Industriali Valori invoca una sempre maggiore specializzazione delle aziende romane, tale da renderle capaci di esportare il modello nei paesi emergenti.
I punti di un eventuale accordo di programma tra Comune e ministero del Beni culturali sono gi fissati: unificazione delle risorse per investimento e spesa corrente in modo da evitare sprechi e sovrapposizioni; creazione della card; attuazione di una politica di marketing e costruzione di grandi eventi coordinati.
Gianni Orlandi, prorettore delluniversit La Sapienza, aggiunge che il distretto culturale dovrebbe coinvolgere anche le universit e gli imprenditori privati. Pi che un distretto - spiega - dovrebbe essere un polo dei beni culturali, con carattere interdisciplinare, aperto a influenze esterne, alle imprese ma anche agli artisti. Insomma una specie di atelier per utenti di tutte le et, con la capacit di trovare in modo autonomo dei finanziamenti. E se il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani riconosce che il progetto ambizioso vista la difficolt di creare politiche di sistema nel nostro paese, Cesare Pambianchi riporta tutti alla concretezza: per lo sviluppo del turismo a Roma servono soluzioni per traffico, parcheggi, trasporti pubblici e soprattutto fondi, quegli stanziamenti necessari per la citt che sono fortemente a rischio.



LA CARD.


Una tessera da utilizzare per pi giorni, con cui i romani e i turisti potrebbero visitare tutti i musei comunali, statali e privati. Si acquisterebbe nei punti informativi della citt e ogni volta che si entra in un museo verrebbe punzonata o registrata attraverso un computer m modo che gli utili possano poi venire distribuiti ai musei che effettivamente sono stati visitati


IL PACCHETTO


Nel prezzo della card, dovrebbe essere incluso laccesso a tutti i siti archeologici e museali, a costi ridotti rispetto a quelli dei relativi biglietti. Dovrebbe inoltre prevedere laccesso gratuito ai trasporti pubblici, la possibilit di usufruire di sconti nelle librerie e nei negozi, nei ristoranti e nei caff. Con la stessa tessera si potrebbe entrare nei cinema o assistere a spettacoli teatrali.

IL DISTRETTO CULTURALE


La creazione di un sistema integrato tra Comune e ministero dei Beni culturali, potrebbe evolvere verso un vero e proprio distretto culturale per valorizzare le risorse della citt, con la creazione di migliaia di nuovi posti di lavoro in pi settori, dallartigianato di qualit alle attivit di restauro, dal sistema turistico e commerciale alle imprese di global service


MONUMENTI & AREE ARCHEOLOGICHE

Statali. Sono di propriet dello Stato 51 musei e 25 tra aree archeologiche e monumenti. Tra i pi importanti, il Colosseo, la Domus Aurea, il monumento a Vittorio Emanuele II, Palazzo Venezia, Palazzo Barberini, Castel S. Angelo, Galleria Borghese, la Galleria nazionale di arte moderna, il Museo nazionale romano, il parco archeologico dellAppia Antica, il Pantheon, il Palatino e il Foro romano.

Comunali. Appartengono al Comune 26 musei e 51 aree archeologiche e monumenti. Tra i pi importanti, i Fori Imperiali, i Mercati di Traiano, il Mausoleo di Augusto, i Musei Capitolini, il Museo della Centrale Montemartini, lAra Pacis, Palzzo Braschi, Villa Torlonia, il Teatro di Marcello, la Villa di Massenzio, il Museo della Civilt romana. Il Comune gestisce inoltre gli spazi espositivi del Palaexp e delle Scuderie papali al Quirinale.

Privati. Appartengono ai privati 33 musei, tra cui la Galleria Doria Pamphili, la Galleria Colonna, il Chiostro del Bramante, la Collezione Rospigliosi, il Museo del Corso, la Fondazione Memmo a Palazzo Ruspoli. A questi si aggiungono i 20 musei dellUniversit, come quelli di Paleontologia, Chimica, Geologia, il Museo astronomico e copernicano, il Museo del Vicino Oriente, lOrto botanico. Di particolare importanza, Villa Medici, di propriet dello Stato francese.




news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news