LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cos hanno rubato l'Italia
Fabio Isman
Il Messaggero, 21-GIU-2006





Il caso Getty/Testimonianze choc al processo per le opere trafugate dal nostro Paese. E il "venditore" Robert Hecht dice: Vorrei trovare l'Elmo di Scipio per restituirvelo

IMMAGINI e testimonianze choccanti escono dalle pieghe del "processo Getty", contro Marion True, ex curator del museo, e Robert "Bob" Hecht, 87 anni, uno dei massimi mercanti al mondo. Prendiamo, per esempio, il caso dei Due grifoni che sbranano un'antilope: uno splendido gruppo marmoreo forse del IV secolo a.C, ancora policromo (ed assai raro), acquistato nel 1985 dal Getty a 7 milioni di dollari. Prima d'essere esportato clandestinamente dalla Penisola, stato scavato di frodo da una tomba ( quasi certo) di Ascoli Satriano, provincia di Foggia, dove Pirro combatt i Romani nel 279. Ci sono delle foto. Una, splendida con il reperto esposto nel museo: c' anche nel nuovo allestimento; in una seconda, Giacomo Medici, uno tra i maggiori intermediari nel traffico clandestino d'archeologia, in posa quasi come la prova vivente d'un trionfo davanti a quella vetrina; poi, alcune polaroid, bassa qualit. Medici le conservava nel suo "quartier generale", al Punto franco di Ginevra, con 4.000 opere, sovente assai importanti. E mostrano quei Grifoni, presumibilmente appena scavati, nel bagagliaio di una vettura, avvolti in un foglio di giornale che racconta anche quando il furto avvenuto: documentano il momento esatto dello scempio, e ci fanno davvero rabbrividire.
Ma andiamo avanti: i Carabinieri del Comando per la tutela del Patrimonio artistico, coordinati dal Pm Paolo Ferri, riprendono in mano anche antiche indagini. Nel 1978, la Guardia di Finanza ha compiuto una perquisizione ai danni di Savino Berardi: un "tombarolo" di rilievo, deceduto tre anni fa, che operava nel Foggiano. I carabinieri recuperano gli atti del processo, che s' concluso con un'amnistia, in un container della Croce Rossa, usato come un deposito; e scoprono che i reperti sequestrati, da allora sono rimasti in un magazzino, al museo di Foggia. Anche questo suona come un'incredibile sciatteria. Un mese fa, li recuperano. Sorpresa: un gruppo di marmi policromi, vasi bellissimi, del IV secolo. Il soprintendente archeologo di Roma, Angelo Bottini, dice che tutti provengono dal medesimo contesto dei Grifoni: analoga la rarissima policromia. Se s'indaga l'acquisto operato nel 1985 dal Getty (che include quei Grifoni tra quanto pronto a restituirci), si scopre che sono comperati, con altri pezzi provenienti dalla stessa tomba (legata alla battaglia contro Pirro?). Anche una statua marmorea di Apollo, e una lekanis, grande piatto d'offerta, decorata con Tetide e le Nereidi che portano le armi ad Achille. Ufficialmente, provenivano da una Collezione, la Tempelsman, che il museo americano acquista in blocco. Il venditore era Robert Symes: lo stesso della Venere di Morgantina; quello cui stata sequestrata, a suo tempo a Londra, l'eccezionale Maschera d'Apollo, in avorio. Il Pm Ferri certo che la Collezione Tempelsman sia solo un "paravento": creata in modo fittizio, per evitare ogni denuncia (e indagine) sulla provenienza originaria dei reperti; per non ammettere che sono stati scavati di frodo, in Italia, e conferire loro un pur fasullo "pedigree".
Perch non chiedere lumi proprio a Hecht, che, nei giorni scorsi, intervenuto, solo per brevi precisazioni, a una udienza del processo che anche il suo? Ma io ho sempre acquistato all'estero; non c' mica scritto da dove un reperto proviene, si schermisce il venditore del Vaso di Eufronio del Metropolitan, e di centinaia d'altri oggetti, tutti molto importanti, ai disinvolti musei di mezzo mondo. Lei del Messaggero! Lo leggevo sempre tra il 1947 e il 1974, quando vivevo a Roma. Ero venuto a studiare. Il primo acquisto? Forse nel 1951. La pi bella cosa che passata nelle mie mani? Mia moglie. Ah, ma lei intendeva gli oggetti: forse, stato proprio il Vaso d'Eufronio.
Hecht assai disinvolto.
Che cosa vorrei trovare? L'Elmo di Scipio, per restituirlo all'Italia; del resto, siamo qui al processo: Siam pronti alla morte, l'Italia chiam. Ma che ne pensa della restituzione all'Italia del "suo" Vaso di Eufonio? Gli Stati Uniti sono una democrazia, e il signor De Montebello ha diritto a fare quel che vuole. Non sembra, per, molto convinto: Ho sempre negato che il Vaso provenisse dall'Italia. Anche ora che tutti lo ammettono? Non vedo perch dovrei cambiare idea. Il "mercato nero" pi difficile, adesso? Non so cosa questo significhi; se all'estero qualcuno mi porta un oggetto, non ho il diritto di chiedergli la provenienza, d'indagare su di lui. Poi, se quell'oggetto rifiuto di trattarlo io, altri dieci saranno pronti a farlo. Insomma, alla soglia dei 90 anni, Hecht tutt'altro che pentito: fino a negare anche l'evidenza. Ha piazzato decine e decine di reperti al museo di Boston; ha venduto capolavori a Houston, Berlino, ad altre istituzioni di grido in tutto il mondo: per mezzo secolo, la nostra Penisola stato saccheggiata anche cos.


La Trattativa.
Un altro pomeriggio di trattative tra le due delegazioni italiana e del Getty Museum; un accordo non stato ancora trovato, ma non c' stata nemmeno una rottura: i colloqui proseguiranno. Il LosAngeles Times afferma che, dei 53 che sono contestati, il Getty sarebbe pronto a restituire 21 reperti all'Italia, di cui tre attualmente esposti: un vaso di Eufronio di 2.600 anni fa, una statua di Apollo, ed il gruppo marmoreo dei Grifoni. Non (per ora) la Venere di Morgantina, n il Bronzo d'atleta di Lisippo, recuperato nel mare di Fano. Per la delegazione italiana, questo non sufficiente. Oggi si svolger anche un'alta udienza del processo contro Marion True, ex curator proprio del Getty, sezione archeologica.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news